venerdì 29 dicembre 2017

BEST AND WORST OF 2017

Ciao a tutti!
E benvenuti nell’ultimo post dell’anno, in cui vi parlerò del meglio e del peggio delle mie letture e delle mie visioni. Non so quanto lungo verrà questo post, quindi direi di cominciare subito — mi impegnerò per essere stringata ma anche efficiente ed esaustiva. (✪㉨✪)


LIBRI
Con il mio fidato Goodreads alla mano, vi comunico che quest’anno ho letto 88 libri (sto leggendo l’ottantanovesimo, I Luminari, ma ci sono buone probabilità che non sopravviva *scherzo*). Ho letto decisamente meno libri degli scorsi anni ma non perché non ho avuto tempo o ho avuto “blocchi del lettore”, semplicemente il mio proposito è stato quello di leggere con calma e con piacere, senza stare a tener conto di quanti libri leggere al mese o all’anno (non che prima leggessi per rispettare delle scadenze o degli impegni particolari, non ho mai letto spinta solo da questi motivi).

All the Crooked Saints di MAGGIE STIEFVATER • Mi sbilancio e dico che All the Crooked Saints se la gioca con La Corsa delle Onde per il titolo di miglior libro di Maggie Stiefvater e di mio libro preferito di Maggie Stiefvater. Ho amato talmente tanto questo libro che ho difficoltà a parlarne, mi vengono solo in mente cose banali come: stile di scrittura immenso, personaggi a tutto tondo, storia originale.

Abbiamo sempre vissuto nel castello di SHIRLEY JACKSON • Finalmente sono riuscita a leggere Shirley Jackson, la scrittrice che ha messo paura a Stephen King, e l’ho amata profondamente con Abbiamo sempre vissuto nel castello. Un romanzo psicologico dalle tinte horror (mi azzardo a definirlo così v_v) scritto e costruito alla perfezione. Ve ne parlo QUI.

IT di STEPHEN KING • Lettura totalmente inaspettata, non ci avrei scommesso un centesimo. Siccome ho scritto un lungo post relativo sia al libro che ai due adattamenti, vi rimando QUI per non ripetermi.

Dieci piccoli indiani di AGATHA CHRISTIE • Quest’anno mi sono data ai gialli e in particolare ad Agatha Christie. Tra tutti i suoi libri che ho letto, Dieci piccoli indiani è decisamente il migliore e quello che mi ha tenuto incollata dall’inizio alla fine. QUI vi parlo del mio approccio con questa scrittrice e del mio rapporto con i gialli.

Madness di ROALD DAHL • Ignoravo che Roald Dahl avesse scritto dei racconti per adulti oltre ai libri per bambini/ragazzi, l’ho scoperto perché mi sono imbattuta in queste bellissime edizioni. Ho provato quella con il tema che mi incuriosiva di più e li ho adorati tutti, dal primo all’ultimo. Roald Dahl ha uno stile di scrittura molto pulito e lineare, pungente e sarcastico; sa come parlare al lettore, ha una sterminata fantasia e un modo di pensare unico.

Tra i libri peggiori o che comunque non mi hanno detto nulla, citerei:
  • Carve the Mark di Veronica Roth: QUI vi parlo della mia grandissima delusione;
  • milk and honey di Rupi Kaur e the princess saves herself in this one di Amanda Lovelace: QUI ho scritto qualcosa in merito a questi due volumi, ma più ci penso e più capisco che non mi è rimasto nulla di questi libretti perché uno contiene qualcosa che è già mio e l’altro è troppo distante da me e personale affinché possa rapportarmici;
  • American Gods di Neil Gaiman: Neil Gaiman, uno dei miei scrittori preferiti tra i peggiori! Succede anche questo, facciamocene una ragione. Ho provato a leggere questo libro non ricordo più quante volte (tre, quattro?) ma non è mai riuscito a prendermi. Ad ogni modo, ho intenzione di vedere la serie tv per capire se il problema è proprio la storia che non è nelle mie corde;
  • Tatiana & Alexander di Paullina Simmons: La serie della vergogna. Ho adorato il primo libro, davvero, l’ho adorato tanto, ma più leggevo questo secondo volume e più mi rendevo conto che a me, di Tatiana e Alexander, non interessava più nulla. Sono una persona orribile.

FUMETTI
Il numero dei titoli di fumetti (manga, graphic novel, volumi illustrati, …) che ho letto quest’anno è di 43, tra cui anche un paio di riletture. Sono molto contenta di essere ritornata a leggere fumetti con una certa regolarità, alternando tra libri e fumetti, appunto (dovete sapere che da adolescente leggevo molti più fumetti che libri, poi ho iniziato a leggere più libri che fumetti).

Orange di ICHIGO TAKANO • L’unica serie manga letta quest’anno che non è una rilettura. Mi sono sempre chiesta perché i lettori l’avessero amata così tanto, adesso che l’ho letta anch’io lo capisco. Sapevo che avrei pianto tutte le mie lacrime dopo il primo tankōbon, ma non si tratta solo di questo: ci sono entrata dentro e mi sono rivista tantissimo nel carattere di Naho, la protagonista, e diciamo che mi ha aiutato a capire alcune cose. 

Hilda di LUKE PEARSON • Hilda è una bambina dai capelli blu che, con il suo taccuino, esplora prima la *magica* valle in cui vive e poi la città in cui si trasferisce, trovandosi a vivere delle avventure fuori dall’ordinario. È una serie delicata, gentile e magica, e vorrei essere come Hilda (forse un po’ lo sono, ma solo un pochino).

Dolci tenebre di FABIEN VEHLMANN & KERASCOËT • Dei piccoli esserini tentano di sopravvivere in un bosco attorno al cadavere di una bambina, ma questo è solo l’inizio del racconto. Questo volume mi ha sconvolto e affascinato, una sorta di fiaba oscura e cattiva.

Francis di LOPUTYN • Magia, streghe, rituali, pozioni, incantesimi, spiriti lupini, oh. Questo volume è bellezza, bellezza ovunque. QUI ho messo insieme due paroline, con poco successo.

Watersnakes di TONY SANDOVAL • Sono riuscita a trovare una copia dell’esauritissimo Watersnakes prima della ristampa di quest’anno e l’ho amato tanto quanto Mille Tempeste (vi ho parlato di entrambi QUI). Tony Sandoval è un’artista fenomenale, non lasciatevelo scappare perché non avete scuse che reggano.

Non ho letto fumetti brutti o che mi hanno lasciato così così, tranne per un caso in particolare: The Wicked + The Divine. Ero molto curiosa di leggerlo perché la premessa mi sembrava interessante (Ogni novant'anni dodici dèi si incarnano in altrettanti ragazzi) e per la commistione di musica e divinità, ma non ci siamo semplicemente trovati e non sono interessata a proseguire la serie.


FILM
È da qualche annetto che provo a sfidare me stessa riproponendomi di vedere almeno un film alla settimana e di andare più spesso al cinema. Ho fallito miseramente fino all’anno scorso, quest’anno infatti ce l’ho fatta a fare entrambe le cose! Ho visto 74 film (più di un film a settimana, ho fatto qualche maratona — wow) e sono andata 6 volte al cinema (vi assicuro che per me è tantissimo), ho recuperato film che volevo vedere da tempo e ho visto qualche novità.

Il labirinto del fauno di GUILLERMO DEL TORO • Se veniste a chiedermi qual è il mio film preferito, ora come ora vi risponderei Il labirinto del fauno. È una fiaba dark a sfondo storico in cui la protagonista è una ragazzina di dodici anni, Ofelia, che soffre per il nuovo matrimonio della madre. Si rifugia quindi in un mondo di fiabe che sembra diventare sempre più reale con la comparsa di un fauno che le rivela di essere la principessa di un mondo sotterraneo, al quale potrà accedere superando tre prove. Ah, alla fine piangerete. Tanto.

Marie Antoinette di SOFIA COPPOLA • Questo film è la meraviglia, per me che amo con tutta me stessa i period drama. Grazia ed eleganza, inquadrature perfette, la vita alla corte francese è stata resa in modo impeccabile. Nella mia maratona di Sofia Coppola (di cui vi ho parlato QUI), ho capito che è una regista che pecca di sostanza, ma in questo film la sua attenzione alla parte estetica le ha giocato (molto) a favore.

Romeo + Giulietta di William Shakespeare di BAZ LUHRMANNRomeo e Giulietta è la tragedia che meno mi piace di Shakespeare, per questo motivo non ho mai visto Romeo + Giulietta. Ma c’è (un fighissimo) Leonardo DiCaprio (da giovane) e Baz Luhrmann mi ha conquistato con Il Grande Gatsby, quindi per forza di cose dovevo vederlo. È una rielaborazione molto interessante, mi ha conquistato per l’intensità e per il gusto barocco (oh, la scena della loro morte è bellissima *w*).

Léon di LUC BESSON • Un film che volevo vedere da tantissimo e sono stra-contenta che mi sia piaciuto. Anche con questo alla fine ho pianto tutte le mie lacrime *mannaggia*, ho provato una tenerezza sconfinata per Léon. (Dopo aver visto questo film non credo di poter guardare con gli stessi occhi di prima Gary Oldman in qualsiasi altro suo ruolo.)

Submarine di RICHARD AYOADE • Quando mi faccio consigliare dei film o delle serie tv, mi arrivano sempre titoli di un genere che tendo a snobbare perché so che non mi ci appassiono facilmente (tranne in rari casi): commedia/dramma sentimentale contemporanea. Submarine mi è stato consigliato e rientra nell’etichetta che mi sono appena inventata, ma l’ho trovato (inaspettatamente) molto molto carino! Personaggi adolescenti antipatici solo come i personaggi adolescenti antipatici sanno esserlo, un po’ ossessivi e un po’ fuori dall’ordinario, una fotografia che mi ha ricordato molto i film di Wes Anderson, colonna sonora di Alex Turner. Non mi aspettavo mi piacesse, quindi rientra nella mia top five.

Una menzione d’onore a Star Wars. Gli ultimi Jedi, una delle mie saghe cinematografiche preferite. La prima parte lì per lì non mi aveva convinto più di tanto, ma la seconda è stata strepitosa e adesso più ci penso e più capisco di averlo amato. I duelli con le spade laser sono stati entusiasmanti e l’approfondimento psicologico dei personaggi è qualcosa di mostruoso.

Ho una bellissima tripletta di film che non mi hanno detto niente e sono tutti della stessa regista, che *colpo di scena* è presente anche nella classifica dei miei film preferiti di quest’anno: Sofia Coppola con Somewhere, The Bling Ring, L’inganno (QUI).
Un film che non mi è piaciuto per niente è stato Emerald Green, il terzo film tratto dalla Trilogia delle Gemme di Kiersten Gier. Ho visto i primi due all’incirca due anni fa e sono stati carucci e nulla più, ma questo è pessimo, davvero brutto. A mia discolpa posso dire che cercavo un film leggero ma di intrattenimento. Abbiamo fallito su tutta la linea.


SERIE TV
Quest’anno volevo continuare a guardare le mie serie tv preferite e scoprirne/guardarne di nuove. Ne ho seguite 43 e alcune sono diventate delle verie e proprie ossessioni, è stato difficile sceglierne solo cinque.

Anne with an "E" • È la mia serie tv preferita in assoluto quest’anno. È bellissima, perfetta, impeccabile. Mi perdo in sproloqui e complimenti QUI.

Victoria • Vi ho già detto che sono period drama dipendente e Victoria è la mia serie tv principesca del cuore. La seconda stagione mi è piaciuta tantissimo, più della prima, con i viaggi di Victoria all’estero e le questioni amorose relative ai personaggi secondari.

Dark • Se non avete visto Dark perché credete alle voci che dicono che è uno scimmiottamento di Stranger Things, peggio per voi! Una delle ultime serie tv che ho visto, mi ci sono appassionata come poche e ho… divorato? un episodio dopo l’altro. Tanti personaggi ma ognuno con la sua storia e la sua importanza, intrecci temporali ed è girata magnificamente.

Skam • (Insieme a Submarine) una delle poche serie tv del genere che è riuscita a piacermi! Se avete visto Skins e vi è piaciuto, sono stra-sicura che vi piacerà anche questa. È una serie tv norvegese che segue la vita quotidiana di un gruppo di ragazzi (ogni stagione si concentra su uno di loro) e affronta tematiche come la religione, il bullismo, l’omossessualità, il femminismo, le malattie mentali, ... Ciò che mi è piaciuto di Skam è il modo in cui sono state rese le relazioni tra i vari personaggi: supporto reciproco e niente melodrammi.

Westworld • Una delle serie tv con l’intro più bello di tutti i tempi! Un parco divertimenti a tema western popolato da androidi, quindi scontro tra coscienza e intelligenza artificiale. Davvero molto bella e interessante, aspetto la seconda stagione con trepidazione.

Menzioni speciali:
  • la terza stagione di Twin Peaks: la mia serie tv imbattibile, tanto amata e venerata;
  • la seconda stagione di Stranger Things: anche se ha ripetuto un po' la prima e ha un po’ di buchi;
  • Game of Thrones: stagione di passaggio, serviva e ce lo aspettavamo, ma è piaciuta comunque.
Serie tv peggiori:
  • Shadowhunters: mollata senza remora a metà della seconda stagione (avevo completamente rimosso di averla vista);
  • Riverdale: la seconda stagione mi sta facendo impazzire per tutte le assurdità, la prima (sempre vista quest'anno) invece mi è piaciuta assai!
  • The Tudors: noia noia noia, mollata dopo la seconda stagione (ve ne parlerò per un post che ho in mente);
  • Ano Hana (che in realtà è un anime): non è che ho un cuore di pietra, ma stereotipi a mille… e sì, mi sa che ho un cuore di pietra.

Vi ringrazio per essere giunti fin qui e per aver letto le mie varie top 5 di quest'anno! (づ。◕‿‿◕。)づ Adesso voglio sapere quali sono state le vostre migliori e peggiori letture e visioni, lasciatemi pure i vostri link se avete già scritto un post oppure un semplice commento, sono molto curiosa. Vi ringrazio anche dal profondo del mio cuore per essere stati con me quest'anno, vi auguro un anno magico e pieno delle cose che più vi piacciono e vi rendono felici. (ノ◕ヮ◕)ノ*:・゚✧ A presto!

10 commenti:

  1. Diciamo che la seconda stagione di Riverdale sta toccando dei livelli altissimi di trash...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. o.ò L'ho iniziato senza troppe aspettative perché volevo vedere una serie tv leggerina: la prima stagione mi è piaciuta molto la seconda è assurda. O.O"

      Elimina
  2. Io avevo già fatto fatica con la prima stagione di The Tudors - proverò nell'anno nuovo ad andare avanti per vedere come va. >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso esserti d'aiuto, io ti direi di mollare e basta ahah c:
      Ho visto le prime due trascinandomi letteralmente, poi non ce l'ho più fatta e ho mollato.

      Elimina
  3. Ci sono un sacco di titoli interessanti, e credo che diversi me li segnerò per il 2018 :)
    Orange è piaciuto tanto anche a me, credo che prima della Befana mi farò anche il recupero dell'anime, di cui ho sentito parlare molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, bene :3 sono contenta di averti fatto trovare qualcosa di interessante!
      Anche io adesso sono curiosa per l'anime, sono già pronta a piangere di nuovo. T^T

      Elimina
  4. 88 libri Y-Y invidiaaaaa... io sono riuscita a leggerne 30, che per me è già un bel numero! Poi considerando che sono a un/terzo di IT (♥) si può dire che sono 32 X°D
    All the crooked saints, lo sai, mi ha sempre lasciata un po' così a guardarsi... però dopo aver letto questo tuo brevissimo parere... be' sai come è finita!
    Quello della Jackson devo assolutamente recuperarlo èwè e devo decidermi a leggere qualcosa della Christie anche io... anche se penso di averla letta già ai tempi della scuola, ma ho rimosso completamente...
    Dahl non so, pensi mi potrebbe piacere? Let me know.

    Ma ti avevo detto che ho letto Dolci tenebre anche io quest'anno, ma non mi è piaciuto proprio? Non ricordo >.<

    Il labirinto del fauno io l'ho visto diverse volte... mi piace un sacco, almento tanto quanto mi inquieta e intristice sempre però XD
    Bling ring: bleah! Tempo sprecato! E concordo riguardo a Emerald gree, un vero peccato dato che comunque i primi due erano stati abbastanza carini!

    Ann with an "E" prometto che quest'anno lo guardo, come anche Dark! Westworld lo avevo iniziato, ma non so, lo avevo mollato dopo due episodi... dici che vale la pena continuare? :o
    Invece a me la seconda stagione di Shadowhunters è piaciuta... sarà che ho MATTHEW stampato, come il prosciutto, sugli occhi! E va be' Stranger things resta il mio grande amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah :') IT vale almeno quattro libri da solo.
      Devi sbrigarti a leggere All the Crooked Saints adesso che l'hai comprato, e sì, devi leggere almeno Abbiamo sempre vissuto nel castello e Dieci piccoli indiani.
      Mmm, Dahl :/ io ti consiglierei più i racconti, ma non so se ti piacciono i racconti. Quelli che ho letto io mi sono piaciuti tutti, ma non so se... sei un tipo da racconti. XD
      Oh, no :O davvero l'hai letto? E perché non ti è piaciuto?? :<
      Sui film concordo su tutto e non ti parlerò più almeno fino a quando non inizierai Anna. Io direi di continuare con Westworld.
      A me il Daddario Boy proprio non piace. *sorry not sorry*

      Elimina
  5. Risposte
    1. Verissimo *^* non aspetto altro che annuncino la data della seconda stagione!

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)