giovedì 14 agosto 2014

✎ Veronica's adventures in London + BOOK HAUL (if you're happy and you know it, clap your hands ♪)

HEY! c:
Ebbene sì, sono tornata. Come state? Spero più che bene. :D
Non so come uscirà fuori questo post, dal momento che stamattina la mia mano destra ha deciso di essere intrepida fino all’osso andando a sbattere contro il muro (il risultato è che mi sta uscendo un livido mega-galattico all’esterno del polso e il mignolino ogni tanto balla il tip tap) e ora mi fa un male pazzesco, quindi la sinistra deve fare il doppio turno.
btw.
Come accennato ieri sera su faccialibro, oggi sono qui con un post un po’ diverso dal solito. Non mi andava di ricominciare direttamente con recensioni/rubriche/etc – anche perché credo che ¾ della popolazione di blogger sia via no, non è vero, me la sto prendendo comoda -, quindi ho pensato di mostrarvi i libri che ho adottato mentre ero a Londra, visto che ho suscitato la curiosità di un paio di voi.

Prima però un po’ di blah-blah-blahtericcio per tenere alta la tensione – come se non poteste scrollare il post e andare direttamente alla parte dei libri, tz.

ADORO QUESTA FOTO *A*
Sooo. E’ stata la mia primissima volta a Londra e ora più che mai sono sempre più convinta di volerci stare per sempre. E’ stata una settimana in cui ho praticamente camminato dalla mattina alla sera, prendendo la tube e vedendo ogni cosa possibile e immaginabile. Ehm, no, non ho visto proprio tutto tutto, motivo per cui devo tornarci *sta già vedendo i biglietti per i prossimi mesi*. Ho girovagato per Piccadilly Circus, Regent Street, Carnaby Street, China Town, Camden Town, Kensington Garden, Westminster, Covent Garden, Soho, Waterloo, Tower Bridge. Ho visitato la National Gallery, il British Museum, il Tate Modern e il Tate Britain, il Science Museum, il Victoria and Albert Museum, il Natural History Museum. Sono stata dentro ad House of Vans, ad ascoltare il rintocco del Big Ben difronte al London Eye, seduta a Trafalgar Square sotto un gigantesco gallo blu, davanti a Buckingham Palace, sul Millennium Bridge, vicino al Globe e al cospetto della Tower of London e dei suoi 888,246 red ceramic poppies that poured like blood in honour of the fallen during the Great War. E il mio quasi viaggio di solo andata da King’s Cross per Hogwarts dove lo mettiamo??!
Sto sicuramente dimenticando qualcos’altro.

Ovviamente non poteva mancare un giro (uno solo? è-è) alla *rullo di tamburi* W a t e r s t o n e s di Piccadilly Circus – giammai! -, la libreria più grande e silenziosa che io abbia mai visto. E’ a CINQUE piani! :O Ma non mi sono fermata solo a quella di Piccadilly, sono andata anche alle altre, tipo a quella di Trafalgar Square, e ad un’altra libreria indipendente di cui ora non ricordo né nome né luogo. In quest’ultima ci sono arrivata giusto cinque minuti prima che chiudesse e io ero indecisa se entrare o meno, dovevo per forza farci un giro! Ero lì che mi dibattevo mentre il ragazzo-portiere si faceva due risate; alla fine mi sono accodata ad un signore che doveva prendere una cosa al volo e il tizio ha fatto entrare anche meeeh (la signora dietro no, però v-v). Okay, ora non divaghiamo. Waterstones. Ha di tutto. Ti viene in mente la trama più strana del mondo? C’è un libro, di sicuro. Ho visto i paperback in lingua di molti libri tradotti anche da noi con le copertine originali e sono meravigliosi (ad esempio i libri di Sarah J. Maas, John Green, Laini Taylor, Cassandra Clare, Marissa Meyer, Susan Ee and so on), o altri che stanno per uscire (The Dream Thieves, The strange and beautiful sorrows of Ava Lavender), o ancora altri che avrei voluto prendere ma che ho dovuto lasciare (Sinner, Panic, Landline, i libri di James Dashner). La cosa che mi ha lasciato di stucco e che ci sono tantissimi libri “in offerta”, per così dire: prendi due e paghi uno e mezzo, anche su libri usciti da pochissimo e super-conosciuti. E non dimentichiamoci i libri firmati direttamente dagli autori e lasciati tra gli scaffali per coloro che poi li adotteranno. Ci sono tantissimi eventi e mi sarebbe piaciuto tantissimo partecipare all’incontro con Levithan o Murakami, ma purtroppo non ci siamo incrociati con le date. *this is sooo sad* Me ne farò una ragione – no, non è vero.



[Se siete arrivati fin qui leggendo tutto, vi adoro e vi meritate un biscotto. *porge il biscotto*]
Finally, ecco i libri che ho riportato con me.


Ehm, sì: un’invasione di Patrick Ness. Non so di cosa parlino questi libri, ma mi sono svegliata una notte di colpo pochi giorni prima della partenza con un chiodo fisso in testa: “voglio leggere i libri di Patrick Ness”. Conosco le versioni italiane, ma so che non hanno più continuato la trilogia. Avrei voluto prendere anche quella fighissima edizione di A monster calls, ma non ho potuto, quindi penso proprio che la ordinerò. Vi lascio i link a Goodreads, se siete curiosi: The knife of never letting go, The ask and the answer, Monsters of men, More than this. Il mio unico rammarico è che ho sbagliato edizione del secondo libro, che non è come quella del primo e del terzo. Ma vabbè, non si nota tanto.
YOU, BEAUTY!
Poi c’è Since you’ve been gone, che sto leggendo. L’ho preso d’impulso – e con il 2x½ pagandolo solamente 3 sterline e 50 -, pur conoscendolo, e la trama la adoro. Vedremo.
Segue Torn di Cat Clark. Vi ricordate? Ho presentato i libri di questa autrice un’infinità di tempo fa sul blog (qui) e quando li ho visti dal vivo mi sono emozionata. Mi sono emozionata ancora di più quando la targhetta sul libro diceva che era autografato dall’autrice e allora non ho proprio potuto lasciarlo lì, dovevo portarlo via con me. E’ come un segno del destino. *--*
Infine quella piccola meraviglia di The Melancholy Death of Oyster Boy & Other Stories di Tim Burton. Desideravo questo libro da una vita, ma non l’ho mai preso in italiano perché la traduzione fa schifo. Quando me lo sono trovato davanti al Tate Modern ho lanciato un gridolino e l’ho praticamente fatto sparire dal ripiano in 0.003 secondi. L’ho già letto molte volte sul piccì e sul cellulare, ma averlo fisicamente è tutta un’altra storia.

Questi sono, in definitiva, i libri che ho riportato con me. Avrei voluto prenderne altri (avrei potuto facilmente svaligiare Waterstones e Tate Britain), ma la valigia non permetteva. La prossima volta mi porto una valigia vuota solo per gli acquisti. Altri acquisti di cui vado fiera sono la maglia con lo stemma di Grifondoro (le volevo tutte e quattro ma non c’eranooo), quella di Breaking Bad, i calzini con i Minion di Cattivissimo Me, il biglietto per l’espresso di Hogwarts e la spilletta del binario 9 ¾ .

Non ho davvero altro da aggiungere, quindi mi fermo qui. Fatemi sapere se i libri che vi ho mostrato vi ispirano, li avete letti o sono nelle vostre wish list! :3 Prometto che nei prossimi giorni riprenderò con la pubblicazione *più o meno* regolare dei post. Per il momento vi saluto: BYE! :D

20 commenti:

  1. VOGLIO ANDARE ANCH'IO A LONDRA ç_ç
    AAAAAAAAAAAHHHHH *_____________*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vacci, Nic, devi per forza. *________________*

      Elimina
  2. oddio...quanti bei acquisti! Anche io spero di andarci presto *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sono molto orgogliosa degli acquisti LOL
      Lo spero anche io per te. ^_^

      Elimina
  3. Quando ci andrò mi darò di sicuro alla pazza gioia e lo so già che me ne innamorerò T___T
    Ma agli studios di HP ci sei stata? *^*
    Ecco svelati i libri dentro ai sacchetti misteriosi! Io di quelli di Ness ho il primo in italiano... lo avrei letto anche in inglese ma il protagonista m'han detto che è tipo analfabeta e quindi il libro è scritto di conseguenza °___°
    E va beh niente, welcome back honey ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, Den: devi dare di matto in qualunque posto ti troverai. Mi raccomando però, alla Waterstones devi essere di un "matto-contenuto": è tutto inverosibilmente silenzioso da far paura. o.ò
      Uhm, una cosa del genere sulla serie di Ness l'avevo sentita, ma credo di essermene dimenticata. Vabbè, vedrò cosa ne uscirà. XD
      Nuooo, non ci sono andata. T^T *shame on me*
      Thank youuu, love you ♥

      Elimina
  4. Bentornata!
    Non posso che concordare con la tua ottima idea della valigia solo all'andata vuota e grazie per il biscotto! ;)
    Torn di Cat Clarke sembra davvero molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Yakamozgirl :D e grazie e prego!
      Ossì, la prossima volta una valigia vuota da riempire ci vuole assolutamente. v-v
      Hai ragione: le trame della Clark sono interessantissime. :D

      Elimina
  5. Super invidiosa! Sia per Londra che per gli acquisti **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo, sono stata invidiosissima di tutti quelli " oh sai, sono stato a Londra". :/ mmm
      Agli acquisti si può rimediare però! :3

      Elimina
  6. Bentornata! ** spero di tornare presto a Londra awww *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. :3
      Mica lo sapevo che eri già stata a Londra. o.ò

      Elimina
  7. Che bello!! Londra è il mio sogno, spero di andarci presto <3
    Begli acquisti! La trilogia di Patrick Ness mi interessa molto, penso proprio che la prenderò in inglese.
    Adesso sono curiosa di sapere cosa ne penserai eh eh xD
    Welcome back! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io per te. *^*
      Come ho scritto, di Ness non so assolutamente nulla. Ho letto giusto un capitoletto di More than this in anteprima su GR prima di partire e mi è piaciuto molto. :3
      Thank youuu -

      Elimina
  8. Mi sa che sei leggermente emozionata!! Io a Londra ci sono andata in terza liceo con la scuola e ho visto davvero poco e niente D: non mi fa impazzire come città, ma non vedo l'ora di tornarci perché voglio tornare al Tate Modern, al Science Museum e all'History, inoltre voglio andare a sbirciare meglio il binario 9 3/4 e a comprare un po' di gadget e a vedere il museo dedicato ad Harry Potter *^* E poi beh, girarmela un po', entrare in tutte le librerie come hai fatto tu, non vedo l'ora di tornarci ora che ci penso ahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono emozionata all'ennesima potenza. *^*
      A molti non piace Londra come città, ma io non ci sono mai stata prima e rappresentava un grande obiettivo da raggiungere, per me.
      Oh, il Tate Modern è stato fenomenale *--* e il dinosauro all'History Museum? F-a-n-t-a-s-t-i-c-o.
      Le librerie devi girartele per forza, la prossima volta, non puoi non farlo! c;

      Elimina
  9. Awww ma che bel post in cui si respira Londra*w* Era inevitabile che te ne innamorassi <3
    ps La voglio anche io la maglia di Grifondoro, e anche il biglietto per Hogwarts, e i libri autografati e quelli a 3 sterline e 50! xD

    Bentornata :3 (anche se te non ne sarai molto felice XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yay, London everywhere. *--*
      ps ti spedirei tutto, davvero. *O*
      Hahaha, non ne sono molto felice, in effetti, ma grazie mille. XD

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)