giovedì 9 maggio 2013

RECENSIONE: Muses di Francesco Falconi

Finalmente la recensione di Muses. *O*
Scusatemi per l'assenza di questa settimana ma, oltre ad essere un pò impegnata, ho perso l'ispirazione per le recensioni. >.< Ci tenevo comunque a lasciarvi almeno questa recensione perchè, oltre ad essere un libro che mi è piaciuto tanto tanto, tra poco ne uscirà il seguito - ed io faccio il conto alla rovescia con taaanta impazienza per poterlo finalmente avere tra le manine.
Ringrazio tantissimissimissimo - e ancora una volta - Alessia (Il profumo dei libri) e Francesco Falconi per avermi dato l'opportunità di leggere questo romanzo con una bella dedica sulla prima pagina. :3


Titolo: Muses
Autore: Francesco Falconi
Editore: Mondadori Chrysalide
Data di uscita: 15 Maggio 2012
Pagine: 492
Prezzo: € 17.00
Quando scappa da Roma  diretta a Londra, coperta di tatuaggi e piercing, Alice sente che la sua vita potrebbe cambiare per sempre. Ha appena scoperto di essere stata adottata, ma per lei questa  notizia è quasi un sollievo. Cresciuta con un padre violento e una madre incapace di esprimere il proprio affetto, ora Alice deve scoprire le sue radici e l’eredità che le ha lasciato la sua vera famiglia.
Decisa, risoluta, ribelle, è una violinista esperta ed è dotata di una voce straordinaria. Ed è proprio questa voce a guidarla verso la verità: le antiche nove Muse, le dee ispiratrici degli esseri umani, non si sono mai estinte.Camminano ancora tra noi. I loro poteri si sono evoluti. E Alice è una di loro.La più potente. La più indifesa. La più desiderata da chi vorrebbe sfruttarne gli sconfinati poteri per guidare gli uomini, forzarli se necessario, fino alle conseguenze più estreme.Ma un dono così può scatenare l’inferno.E sta per accadere.

My rolling thought
Chi sono, adesso? Un granello di polline trasportato dal vento nel deserto, alla ricerca di un'oasi dove posarsi. Un'oasi che credevo di aver trovato, senza accorgermi che tutto attorno a me stava già appassendo.
Muses è la storia di Alice, una ragazza ventenne di Roma ricoperta di tatuaggi e piercing con un brutto passato alle spalle, enormi problemi familiari ed un carattere tormentato e irrequieto. Molto spesso le sue azioni sono incomprensibili, dettate dal momento che si trova a vivere, tanto da essere etichettata come pazza e finire in cura da una psicologa non troppo professionale. Nell'animo di Alice però si agita una figura oscura e silenziosa che l'accompagna da sempre e che fa capolino nei momenti più disperati; lei lo chiama l'Angelo Oscuro, ne sente la presenza dentro di sè e la spinge a fare cose orribili. La sua unica gioia e scappatoia è la musica: Alice ama suonare il violino e cantare, unire note e parole per dare vita a qualcosa di unico e speciale. Ma il suo sogno si infrange in fretta: a seguito di un brutto incidente stradale Alice scoprirà di essere stata adottata dai suoi genitori e, dopo l'ennesima discussione, decide di partire alla volta di Londra alla ricerca della zia Dolores, sorella della sua vera madre.
Tra nemici che vogliono ucciderla e una missione da compiere, Alice scoprirà poco alla volta il suo passato, il suo vero essere e il destino a cui è chiamata a rispondere; potrà fare affidamento solo su se stessa e sul suo dono, non fidarsi di nessuno, perchè il dono delle nove Muse è così grande da voler essere sfruttato per scopi malvagi e di dominio sugli esseri umani.

Uscito circa un anno fa e a pochi giorni dall'uscita del seguito, Muses mi ha sempre ispirato. Mi chiamava, con la sua meravigliosa copertina inondata di bianco e la sua trama dagli spunti originali e interessanti. Volevo leggerlo da tantissimo tempo ma, come mi succede sempre, deve prima trascorrere una buona manciata di tempo prima che io prenda coraggio e mi decida a compiere il fatidico passo. Non so perchè, ma quando trovo un libro che potrebbe piacermi ho paura di iniziare a leggerlo... forse perchè  vorrei che non finisse mai, o forse perchè non ne vorrei rimanere delusa. Beh, Muses è abbastanza cicciottoso (quasi 500 pagine) e sono rimasta sveglia fino all'1.00 di notte perchè dovevo sapere come andava a finire, quindi mi sentirei di dire che sono stata una cretina a non leggerlo prima. Se non fosse stato per Alessia chissà quando lo avrei fatto. Ma sono comunque contenta di averlo letto solo ora, perchè così dovrò aspettare solo una manciata di giorni in attesa del seguito senza essermi tormenta per un lungo ed interminabile anno!
E' la prima volta che leggo un lavoro di Francesco Falconi ma devo dire che - almeno con me - ci ha fatto centro. Sono sempre stata incuriosita dalla figure delle Muse ma non ho mai avuto l'occasione di approfondire l'argomento; il pensiero di figure mitologiche protrettrici delle arti e fonte di ispirazione per gli uomini mi è sempre piaciuto, ed io, amante dell'arte in ogni sua forma e rappresentazione, non potevo farmi sfuggire un romanzo con uno spunto simile in una chiave di lettura che amo. Ma quelle che Falconi ci presenta non sono le classiche Muse, bensì Muse nuove, che si sono evolute nel corso del tempo e che hanno acquisito caratteristiche sempre più precise e definite. Così la Musa della poesia amorosa lascia il suo posto alla Musa della Net.Art che, con le sue impressionanti doti informatiche, riesce ad ispirare tramite i maggiori mezzi di comunicazioni. Allo stesso modo, Alice ha il dono di ispirare gli uomini e la natura con la sua voce e la sua musica, riuscendo a colorare un prato verde o a condizionare il comportamento umano.
Purtroppo in questo primo volume non facciamo la conoscenza di tutte le Muse per via della costruzione della trama, ma quelle che ci sono state presentate sono tutte caratterizzate alla perfezione che non vedo l'ora di conoscere anche le altre.
Senza dubbio, la Musa che spicca maggiormente è Alice, essendo la protagonista del romanzo. Alice è un personaggio controverso e difficile con cui avere a che fare, molto spesso (e soprattutto all'inizio) mi sono sentita travolgere dalla sua personalità, non sapevo come gestirla e come prenderla. Ho addirittura pensato che forse Falconi avesse un pò esagerato con lei, caricandola un pò troppo con tutte le sue tragedie, i suoi problemi e le ombre che si agitano dentro il suo animo; ma alla fine mi sono detta che se non avesse agito in questo modo, forse il desiderio e la volontà di cambiamento di Alice non avrebbero avuto poi molto senso.
Ho trovato quindi Muses una lettura più adult che young, per via del discorso che ho appena fatto e dell'età della protagonista. Falconi a mio parere ha compiuto una mossa oculata, ha scelto di differenziare la sua protagonista e quindi di tirarla fuori da una massa di eroine tutte abbastanza simili con un semplice dettaglio anagrafico. Alice è più adulta, è una giovane donna, il suo carattere, il suo linguaggio, il suo desiderio di cambiare riflettono in pieno i suoi vent'anni, non si perde dietro batticuori sconosciuti o sguardi sorpresi di sfuggita. Falconi evita ogni clichè e mette in scena il lungo percorso di crescita e di cambiamento di una ragazza che si è appena affacciata alla vita, desiderosa di scoprire il suo passato e di costruirsi di conseguenza un'identità.
Sono davvero pochi i dettagli che non mi hanno convinta appieno, ma sono più una questione di gusti personali, come ad esempio i frequenti flashback delle violenze subite da Alice o passaggi troppo pesanti che, almeno secondo il mio punto di vista, hanno un pò inciso sulla scorrevolezza della vicende.
Ed ora, Muses, La decima Musa vieni a me! >w<


★ ★ ★ ★ ☆
Awesome! :D

12 commenti:

  1. Bellissima recensione, complimenti!! :)
    Avevo già sentito parlare benissimo di questo libro, l'avevo aggiunto in lista, e in effetti ho anche il libro, però non mi sono ancora decisa a leggerlo!!
    Adesso che è uscito anche "La decima musa" mi devo sbrigare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente rimediare! >.<
      Con l'uscita del secondo libro potresti leggerli uno dopo l'altro. (;

      Elimina
  2. Bello vero!!! l'ho letto l'anno scorso appena uscito e approfittando del maggio dei libri! non vedo l'ora di leggere il seguito perchè non ho la più pallida idea di quello che potrebbe succedere. Un libro originale , con una trama che sorprende! c'è un gruppo su facebook dove Alice e Francesco stanno rilasciando snippet e playlist sulla Decima Musa e un contest in atto per aggiudicarsi una copia, facci un salto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto che mi hai aggiunto, grazie! ^O^ Purtroppo non faccio in tempo a partecipare ma ho votato il tuo lavoro, spero possa aiutarti in qualche modo!

      Già, il Maggio dei libri... magari organizzassero anche quest'anno una cosa del genere. :/

      Elimina
  3. Devo leggerlo *-* però non mi sembra mai il momento giusto...prima o poi...anche io ho bisogno di tempo prima di iniziare un libro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi rimediare anche tu allora!!! >.<
      Questo è un mio grandissimo problema, non decidermi mai a leggere i libri che so mi piaceranno di sicuro... ho paura a leggere Chaos della Oliver, ci credi?? Voglio leggerlo ma al tempo stesso ho una paura matta di arrivare all'ultima pagina... C.C

      Elimina
  4. L'ho letto qualche mese fa e mi è piaciuto tantissimo, anche per me è stato il primo libro di Falconi e non vedo l'ora di continuare quest'avventura*^* L'hai letto giusto giusto per l'uscita del secondo ;) Cover stupende e azzeccatissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, esatto... giusto per l'uscita de La decima Musa, così ho le vicende belle fresche nella mia testolina. ^_^
      Amo queste cover, mi piacciono tantissimo. ♡ Anche se il bianco non mi è mai piaciuto.

      Elimina
  5. anche a me è piaciuto veramente tanto e non vedo l'ora di poterne leggere il seguito per scoprire molto di più.
    :) è una bellissima review,
    xx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama del seguito mi incuriosisce tantissimo, non riesco proprio a immaginare il modo in cui l'autore abbia deciso di svilupparla. E poi voglio conoscere tutte le altre Muse, sìsì. *-*

      Elimina
  6. Bellissima recensione!
    Devo leggere questo libro da mesi, ma la mia indecisione ha prevalso, soprattutto perchè non sapevo quando uscisse il seguito.
    Adesso che so che uscirà presto non ho più motivi per rimandare, e appena terminerò Divergent non avrò più scuse :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indecisione a parte, anch'io me la prendo comoda con le serie a volte: odio le attese e non sapere quando potrò avere il seguito mi rende ancora più impaziente. >.<
      Se sai che potrebbe essere nelle tue corde non esitare a leggerlo, perchè merita!

      Oh, Divergent. <3

      Elimina

Ti ringrazio per il tuo pensiero. ♡