martedì 26 febbraio 2013

RECENSIONE: Odyssea, Oltre il varco incantato di Amabile Giusti

Ecco la seconda recensione che vi avevo promesso. ^O^
Riguarda un libro di un'autrice italiana pubblicato lo scorso Gennaio e già molto apprezzata per i suoi lavori precedenti. Personalmente, non ho letto mai niente di suo ma con questo libro ho potuto constatare anch'io che Amabile Giusti è un'autrice validissima.


Titolo: Odyssea, Oltre il varco incantato
Autore: Amabile Giusti
Data di uscita: 22 Gennaio 2013
Editore: BC Editore
Pagine: 368
Prezzo: € 15.90
Se potesse, Odyssea, sedici anni e nessuna bellezza, chiederebbe molte cose a sua madre. Ad esempio perché da anni sono costrette a vivere come fuggiasche, senza una meta, una casa stabile e, soprattutto, senza un padre. Finché in una tiepida notte d’estate, attraversando un varco incantato nascosto nel bosco, sua madre la riporta a Wizzieville, dove è nata, e lei scopre di appartenere a una cerchia di persone speciali, dotate di rari poteri. Incredula, Odyssea si immergerà in un mondo intriso di magia, dove ogni esperienza – per lei che è sempre vissuta lontano da tutto e da tutti – ha il sapore della prima volta, ma si accorgerà presto, suo malgrado, che dietro la facciata idilliaca e fatata di Wizzieville brulica il Male. Un nemico sanguinario – lo stesso che ha ucciso suo padre dodici anni prima – perseguita la sua famiglia da generazioni ed è tornato sotto mentite spoglie per attuare il suo crudele disegno. Mentre la paura di non essere in grado di gestire i propri poteri arriverà a farle rimpiangere la vita fuori di lì – senza amicizie, né legami né radici – e a temere per l’incolumità di chi ama, terribili, inconfessabili incubi la assaliranno, come artigli di un doloroso passato. Come se non bastasse l’amore la coglie di sorpresa. Il misterioso e impavido Jacko, un giovanotto di poche parole che, a differenza di tutti gli altri, la tratta senza solennità e cerimonie, entra nella sua vita e devasta il suo cuore inesperto. Ma come mai tutti lo temono e lo disapprovano? Può fidarsi di lui? Minacciata da un’oscura condanna, Odyssea dovrà crescere e trovare in sé la forza di difendersi. Non può concedersi errori. Il nemico è in agguato. Potrebbe essere ovunque, potrebbe essere chiunque.

My rolling thought
« Mia nonna mi dice sempre di non fidarmi delle apparenze, ci sono delle meravigliose ortensie nel suo giardino. Sembrano fiori così celestiali. Ma se li sfiori ti sbranano. E’ c’è anche un enorme cactus spinoso. Incute una certa soggezione. Però si ritrae se ti avvicini e dalle spine si estrae un liquido curativo. Come vedi, spesso l’apparenza inganna. »
Odyssea è una ragazzina di 16 anni che ha trascorso la sua breve vita tra valigie e bagagli, dimore provvisorie e nessun vero amico, spostandosi da una città all'altra seguendo le strane manie della madre Grace, una donna molto fragile nella perenne convinzione di essere seguita da qualcuno di molto molto pericoloso. Almeno fino a quando una sera, Grace, presa dall'ennesima mania di fuga, decide di portarla a Wizzieville, un posto incantato e fantastico tutto da scoprire, in cui nonna Augusta aspetta madre e figlia a braccia aperte. A Wizzieville Odyssea si sente a casa, una sensazione mai provata prima, calda, accogliente e rassicurante, e non vuole andare via. Pian piano riesce a farsi degli amici, come i fratelli Lindia e Stylo, e la governante di casa, l'eccentrica ed amabile Joyce. Ma in questa piccola e colorata cittadina, Odyssea verrà a conoscenza della sua storia e scoprirà quali sono le sue vere radici: Odyssea è una strega, figlia di un potente mago ammirato da tutta la popolazione, scomparso molto tempo prima per salvare lei e la sua mamma dalla minaccia di Squartavene, un mago altrettanto potente deciso a sterminare tutti coloro che non appoggiano la magia nera. Ma la minaccia del passato è tornata a farsi sentire, Squartavene è riuscito a liberarsi dal luogo in cui è stato segregato anni e anni prima. Tutti sono in pericolo, e Odyssea è l'unica che può trovare dentro di sè la forza per combatterlo. Ma la ragazza non sarà da sola: accanto a lei ci sono infatti nonna Augusta, i suoi nuovi amici, e lo scontroso Jacko, un ragazzo rimasto orfano dopo l'attacco di Squartavene e visto di cattivo occhio dal resto degli abitanti, che farà battere per la prima volta il cuore della piccola Odyssea.

Di norma sono molto diffidente verso gli autori italiani. Non so spiegare bene il perchè - nè a voi nè a me - ma è un pregiudizio che mi porto dietro da tantissimo tempo, e che spero di abbandonare al più presto. Forse ciò può dipendere dal fatto che non ho mai trovato un libro made in italy che sia riuscito davvero ad appassionarmi, forse perchè di autori italiani che si sono cimentati in questo genere ce ne sono stati ben pochi... fatto sta che da un anno a questa parte - complice anche l'apertura del blog - sto conoscendo moltissimi autori italiani che forse prima non avrei mai conosciuto o preso in considerazione. Amabile Giusti è una di loro. Osannata da più parti per il suo precedente romanzo Cuore nero, mi sono ripromessa di leggere qualcosa di suo non appena ne avessi avuto l'opportunità. Ed ecco qui che fa la sua comparsa la dolce Odyssea e il suo magico mondo.
Odyssea, Oltre il varco incantato è il primo libro di una nuova serie magica tutta italiana (purtroppo non so da quanti volumi sarà composta) che ci catapulta nella piccola e curiosa cittadina di Wizzieville, un luogo nascosto dietro una fitta foresta in cui risiedono solo maghi e streghe dalle maniere e dai comportamenti bizzarri ed eccentrici.
La trama e le vicende di Odyssea, Oltre il varco incantato sono più complesse, multisfaccettate ed intrecciate di come io sia riuscita a descrivervele. Tra piante e animaletti particolari e sconosciuti, passaggi segreti che collegano le case degli abitanti di Wizzieville, enormi libroni di magia dotati di vita propria, tavole che si apparecchiano da sole, Amabile Giusti è riuscita a dare vita ad un luogo unico ed incantato, descritto alla perfezione, con perizia e minuziosità. Si respira magia ed incanto ad ogni riga ed in ogni singola parola. Lo stile della Giusti è impeccabile, fluido, e ricco di termini che descrivono con un'accuratezza sconcertante sentimenti, luoghi ed azioni.
Odyssea è una protagonista diversa da tutte le altre con cui ho avuto a che fare finora: non si vede bella nè attraente, i suoi capelli neri le ricadono sul viso pallido come un'intricata ragnatela, è piatta e magrolina, e le sue braccia e gambe sembrano sproporzionate rispetto al resto del corpo. Ma Odyssea ha 16 anni, e si trova in quell'età in cui si cambia e in cui si è vittima dei sentimenti e delle passioni. Così come Odyssea, anche Jacko è un protagonista maschile fuori dal comune: non è il tipico ragazzo disposto a tutto per salvare la ragazza che ama, i suoi comportamenti e le sue parole sono sempre difficili da capire e decifrare, e l'odio e i pregiudizi che avvolgono la sua persona non fanno altro che renderlo ancor più scontroso e chiuso nei confronti di Odyssea. La loro storia è difficile, non sboccia immediatamente in un amore reciproco ed incondizionato, anche se più volte Jacko correrà in soccorso di Odyssea. Tantissimi sono poi gli altri personaggi che compaiono al fianco di Odyssea, e sono tutti da scoprire, amare o odiare.
Un'unico motivo di scontento personale è il seguente: i capitoli sono troppo troppo lunghi. E' un'osservazione puramente soggettiva, lo riconosco, ma nonostante le pause intermedie nel testo, alcune volte ho trovato il tutto piuttosto pesante e difficile da seguire.
Nonostante questo ho voluto abbondare nel giudizio finale ed assegnare 4 stelline ad Odyssea. La sua storia mi è piaciuta e vi consiglio di leggerla e di farvi avvolgere dalla sua magia, nell'attesa che la Giusti scriva il seguito!
Pensò che la vita era piena di sorprese. C'erano giorni di gioia così straripante che non bastava un solo cuore a contenerla tutta, e giorni in cui l'infelicità era opprimente come una tomba. Giorni in cui ci si sentiva orfane, e giorni in cui anche solo il ricordo di un padre visto in fotografia bastava per sentirsi parte di una vera famiglia. C'erano giorni di pioggia ininterrotta, e giorni in cui il sole riscaldava il viso e accecava gli occhi col suo splendore arancione.
★ ★ ★ ★ ☆
Awesome! :D

9 commenti:

  1. anche a me è piaciuto anche se all'inizio non l'avrei detto!! Jacko ed Odyssea li ho definiti due antieroe, sono così diversi da quelli a cui siamo abituati!! La serie è composta da sette libri e i primi 5 sono già stati scritti e l'ultimo non avrà come protagonista Odyssea. Mi sono innamorata di Jacko non vedo l'ora di incontralo di nuovo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sette libri?! Accipicchia. O.O
      Peró sono stati già quasi tutti scritti, e questo mi piace. :D Mmm... ho qualche sospetto su chi possa incentrarsi l'ultimo libro. :3

      Anche a me è piaciuto tanto tanto, non pensavo che Amabile Giusti avesse delle capacità di scrittura così alte; non me lo aspettavo proprio!
      Sono pronta per gli altri sei libri. *^*

      Elimina
    2. Idem per tutto, sospetto e attesa :)

      Elimina
  2. sto finendo di leggerlo, mi sta piacendo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero davvero bellino *-*
      Aspetto la tua recensione!

      Elimina
  3. Io devo ancora iniziarlo! Però sono sicura che mi piacerà! :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono certa anch'io: Odyssea ti cattura con la sua magia e non ti lascia più andare via! Non mi aspettavo proprio un romanzo del genere, e ne sono super-soddisfatta. ^O^

      Elimina
  4. Risposte
    1. Io voglio i seguitiiiii, qui e ora, tutti e setteeee. *_________*

      Elimina

Ti ringrazio per il tuo pensiero. ♡