venerdì 4 gennaio 2013

RECENSIONE: Warm bodies di Isaac Marion

Ciao a tuttiii. ^O^
Ieri sera ho finito di leggere Warm bodies. Non ho saputo resistere alla tentazione, quindi eccomi qui con la sua recensione nonostante le altre da recuperare. Sono curiosissima di sapere i vostri commenti - se lo avete letto e non - e se siete impazienti di andare al cinema per vederne il film! L'altra sera ho visto il trailer in tv e... cavolo, non vedo l'ora che sia il 31 Gennaio!


TitoloWarm bodies
Titolo originaleWarm bodies
Autore: Isaac Marion
Data di uscita:  27 Ottobre 2011
Editore: Fazi Editore
Pagine: 269
Prezzo: € 14,50


R è uno zombie in piena crisi esistenziale. Cammina per un'America distrutta dalla guerra, segnata dal caos e dalla fame dissennata dei morti viventi. R, però, è ancora capace di desiderare, non gli bastano solo cervelli da mangiare e sangue da bere. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, la sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, eppure dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un universo pieno di meraviglia e nostalgia. Un giorno, dopo aver divorato il cervello di un ragazzo, R compie una scelta inaspettata: intreccia una strana ma dolce relazione con la ragazza della sua vittima, Julie. Un evento mai accaduto prima, che sovverte le regole e va contro ogni logica. Vuole respirare, vuole vivere di nuovo, e Julie vuole aiutarlo. Il loro mondo però, grigio e in decomposizione, non cambierà senza prima uno scontro durissimo con...

My rolling thought
Sono morto, ma non è poi così male. Ho imparato a conviverci. Mi spiace di non potermi presentare come si deve, ma non ho più un nome. Quasi nessuno di noi ce l'ha. Io mio credo cominciasse per "R", ma è tutto ciò che so.
R è uno zombie e vive in un aeroporto assime ad altri non-Morti e il suo amico M. Trascorrono le giornate ciondolando qua e là, salendo e scendendo le scale mobili fin quando la corrente elettrica non si interrompe e tenendo il conto delle sillabe che riescono a pronunciare in una conversazione, almeno fino a quando la fame non inizia a farsi sentire. A quel punto, si organizzano in gruppi di zombie e invadono ciò che resta del mondo al di fuori, perchè la piaga (così come la chiamano i Vivi) ha decimato e trasformato la maggior parte della popolazione. Coloro che sono sopravvissuti vivono riuniti in complessi cittadini come gli stadi e, come i non-Morti escono per mangiare, anche i Vivi ogni tanto intraprendono delle missioni fuori dal loro luogo di rifugio. Un giorno, R e gli altri zombie si imbattono proprio in uno di questi gruppi e lo attaccano, divorando insaziabilmente la loro carne e i loro cervelli. Dopo essersi "nutrito" del cervello di un giovane ragazzo, R scorge la figura di una ragazza che si nasconde nel buio. In lui si innesca qualcosa, e il suo unico pensiero è quello di portare in salvo la ragazza che ha appena incontrato...

Il corpo umano è fatto di cellule, muscoli e tessuti che si combinano tra di loro. Ma cos'è che rende un corpo vivo? Un cuore che batte e pompa sangue nelle vene è indispensabile, ma a volte si può essere morti dentro pur essendo vivi.
R è uno zombie: innegabilmente morto sia fuori che dentro. Ma la sua mente è viva, elabora pensieri, riflette su ciò che lo circonda e, dopo aver portato in salvo Julie nel suo aereo privato, inizia a provare sentimenti ed emozioni. R è stranamente diverso da tutti gli altri zombie che conosce, anche se, come loro, non ricorda nulla della sua vita precedente, il suo nome, e si è sempre nutrito di carne e cervelli umani.
R è un bellissimo personaggio, in fondo più umano di altri umani, e lo zombie più dolce e tenero che io abbia mai incontrato durante la lettura  di libri dello stesso genere. Nel momento in cui incontra Julie dentro di lui si innesca qualcosa, uno strano meccanismo, si accende una scintilla. Capisce che non vuole nutrirsi di lei, ma che vuole portarla in salvo e proteggerla, e così farà per tutto il romanzo. Non si approfitterà mai di lei, neanche quando si ritroveranno a dormire vicini, nello stesso letto. E' un perfetto zombie-gentiluomo. Allo stesso modo, anche Julie è un gran bel personaggio. Iniziamo a conoscerla pian piano, ma il fatto che fin da subito si mostri disposta a mangiare e bere con uno zombie in un aeroporto infestato non fa altro che rendercela simpatica. Nonostante un passato difficile che emerge poco per volta durante tutta la vicenda, è un personaggio forte e determinato, che non si lascia abbattere facilmente. Julie crede nel passato e nel presente, e spera nel futuro, in un futuro migliore, in cui la piaga sia scomparsa definitivamente e in cui tutto ritorni allo stato naturale delle cose. E' disposta a perdonare, e non porta rancore. L'amore tra R e Julie è l'amore "più impossibile" che mi sia mai capitato di leggere, e per questo motivo ho completamente divorato la prima parte del romanzo. La seconda parte e soprattutto il finale sono stati più difficili da digerire, in particolare per la velocità in cui si sono risolte le cose e per alcune stranezze che ho trovato nella trama e che vorrei discutere con voi. Se non avete letto il libro vi consiglio di non leggere il testo tra gli asterischi.* Per prima cosa, quando R si nutre del cervello di Perry è come se una parte di quest'ultimo diventi una parte "aggiunta" di R, una seconda personalità che lo accompagna per tutto il suo viaggio. Oltre a rivivere il passato del ragazzo, R ne sente i pensieri dentro di sè. Vi dico questo perchè il mio più grande punto interrogativo è come abbia mai fatto R a diventare umano quasi di punto in bianco: forse il fatto di essere riuscito a rivivere il passato di Perry più a lungo di tutte le altre persone di cui si è nutrito e ascoltare in qualche modo i suoi pensieri ha provocato una sorta di metabolizzazione? Cioè, la parte fatta di carne e pensieri di cui R si è nutrito ha contribuito a renderlo umano? Se è così, non mi spiego la trasformazione degli altri zombie. Se non è così, non mi spiago la trasformazione di R. Non credo che il solo amore di Julie sia stato sufficente. Altri piccole domande ed interrogativi sono: come è nata la piaga che ha iniziato a trasformare in zombie le persone? Ci deve essere stata una causa scatenante o un "primo-zombie" che ha dato via al tutto. O anche: dove diavolo l'hanno presa la benzina per la macchina? E come ha fatto M a chiamare R a casa di Julie? Forse è riuscito a trovare un telefono, ma saperne addirittura il numero? E infine, il cellulare che Julie ricorda di avere, ha la super-batteria? Ma comunque questi sono piccoli dettagli, e la cosa che mi preme di più sapere è quella che vi ho detto prima. * In definitiva Warm bodies è un romanzo che merita assolutamente di essere letto. Il fatto che io non l'abbia fatto prima mi infastidisce particolarmente perchè mi è passato completamente inosservato. Forse è stata "colpa" della cover, che non mi ispira per niente, e per questo sono contenta della riedizione con gli attori in copertina: lo sguardo semi-perso di R e il modo in cui tiene i fiori sono la fine del mondo. *O*


★ ★ ★ ★ 
Awesome! :D

13 commenti:

  1. Davvero una bella recensione, Vero!
    Warm Bodies è in wishlist da molto, ma, ora che leggo più recensioni positive da parte di persone con gusti letterari simili ai miei, sta per arrivare in pole position come priorità assoluta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io qundo scopro libri interessanti che non conosco finisco per comprarli e leggerli subito, a dispetto della luuunga wish-list!
      Se vedi recensioni positive da persone con i tuoi stessi gusti sono sicura che ti piacerà. (:

      Elimina
  2. sara una delle mie prossime letture ^-^

    RispondiElimina
  3. Allora ti auguro buona lettura Elisa. ^__________^

    RispondiElimina
  4. Ho ripreso in mano questo libro -lo avevo abbandonato a metà- proprio stamattina. E finalmente, direixD bella recensione, mi è piaciuta molto[: [e voglio anche io la nuova riedizione con la copertina bella ç_ç]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie En. :*
      A me è uscita una fascetta con la nuova cover anche se è una prima edizione e non una ristampa, quindi posso coprire la vecchia con la nuova (anche se solo per metà). u.ù

      Elimina
  5. a me incuriosisce, ma non vorrei trovarmi davanti a un nuovo twilight, che mi ha fatto orrore a dir poco. che dici? farebbe per me o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei convincerti a leggere qualcosa che poi non ti piacerà perchè ti avrei sulla coscienza, ma per quanto riguarda me non ho trovato nulla di simile a Twilight.
      R e Julie non sono affatto Edward e Bella; lui non è affatto il bello e dannato di turno che sa di esserlo e si comporta come tale, mentre lei non è per niente tutta sospiri e "Oooh, Edward... luccichi!". Li ho trovati veri e abbastanza profondi.
      Forse diventerà il nuovo Twilight dopo il film, non so, ma per il momento il mio giudizio è assolutamente positivo (piccoli dettagli a parte!).
      Spero di averti aiutata. ^_____^

      Elimina
    2. sì, mi hai aiutata molto!
      non so come trasporranno il libro in film, e ad essere sincera non mi interessa poi più di tanto, mi interessa solo che sia un bel libro con dei personaggi interessanti e uno stile gradevole.

      lo cercherò volentieri! grazie!

      Elimina
  6. te l'avevo detto che sarei venuta a vedere che ne pensavi!
    Sono d'accordo con te su tutto,il libro in se' è molto bello,peccato quellle piccole pecche di superficialità qua e là :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, peccato solo per quello. ^^" ora sono curriosa di vedere come renderà sullo schermo!

      Elimina
  7. Io l'ho letto appena pubblicato e mi ha davvero davvero fatta emozionare **
    forse il trailer del film e la nuova copertina possono sviare, perchè il libro è assolutamente privo della frivolezza dei soliti youngadult, anche se nella trasposizione cinematografica si è preferito mettere un pizzico di romance e ironia.. e direi che va benissimo anche così!
    Stupendo
    :**
    E stupenda è questa recensione recensione! XD <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, credo anch'io che il film si concentrerà più su altri aspetti rispetto a quelli che si trovano nel libro (più "ya", come hai detto tu); d'altronde è davvero difficile trasportare un libro "fatto di pensieri e riflessioni" come questo in film.
      Ma va bene lo stesso, perchè non vedo l'ora di vedere R in azione!
      Grazie. ♥

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)