martedì 29 gennaio 2013

RECENSIONE: Alice in Zombieland di Gena Showalter

L'ho aspetto, desiderato, ricevuto, divorato e amato, ed ora ecco anche la mia recensione di Alice in Zombieland.
Quando mi è stato recapitato il pacco dalla HM l'ho guardato prima con sospetto, poi l'ho aperto e gli occhi mi sono diventati a cuoricino. Non mi aspettavo proprio di ricevere una copia cartacea del libro da recensire ed ho fatto i salti di gioia quando è spuntata la copertina. Ma vorrei che anche voi aveste la possibilità di avere tra le mani questo libro meraviglioso quindi, ancora una volta, vi invito a firmare la petizione.
Ringrazio tutti coloro che hanno già firmato e che stanno facendo un ottimo lavoro sponsorizzandola. Grazie. 


Alice in Zombieland
Alice in Zombieland di Gena Showalter

Editore: Harlequin Mondadori (23 Gennaio 2013)
Pagine: 404
Prezzo: € 6.99
Solo versione ebook
Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta… Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

My rolling thought
Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è andata proprio così. Un attimo, un secondo , il tempo di un respiro, e tutto ciò che conoscevo e amavo è sparito. Il mio nome è Alice Bell e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che amavo, la sorellina che adoravo e il padre che non ho mai capito finchè non è stato troppo tardi. Fino a quell'istante, quando tutto il mio mondo è crollato e uno nuovo ha preso forma intorno a me. Mio padre aveva ragione. I mostri camminano in mezzo a noi. Di notte questi morti viventi, questi... zombie escono dalle loro tombe e bramano ciò che hanno perduto. La vita.

Mai uscire dopo il tramonto, quando il sole non c'è più per difenderti dal buio, perchè in esso si celano i mostri, famelici, assetati di vita e pronti a divorarti. Si nascondono nell'ombra e aspettano, e quando arriva il momento giusto, quando ormai è troppo tardi, ti ritrovi con i loro denti sulla tua carne.
Con questa strana regola imposta dal padre sono cresciute Alice e la sua sorellina Emma. Agli occhi delle due ragazze, il padre appare come un pazzo spaventato dal buio, armato fino ai denti e convinto di poter proteggere sua moglie e le sue figlie segregandole nella casa che ha costruito. Ma non sanno che il signor Bell forse tanto pazzo non lo è. Da bambino ha visto i mostri e da quel momento la sua percezione della realtà è cambiata per sempre. Ma il giorno del sedicesimo compleanno di Ali è disposto a fare uno strappo alla regola e portare tutta la sua famiglia ad assistere al saggio di danza di Emma, a patto di ritornare immediatamente a casa una volta finito. Ma il destino a volte gioca brutti scherzi, e nel tempo di un battito di ciglia Ali e la sua famiglia rimangono vittime di un incidente mortale. Ali si risveglia nel letto di un ospedale. Sola. La sua famiglia non c'è più, ma anche la sua vita sta per cambiare. Ospitata a casa dei nonni capirà che i mostri sono reali, esistono, e che vanno combatutti ed annientati. Ma Ali non sarà sola in quest'avventura.

"E' tardi! E' tardi!" ripeteva il Bianconiglio quando Alice lo vide per la prima volta nel giardino di casa sua per poi essere catapultata in un mondo fantastico, meraviglioso. Ora invece il Bianconiglio è una grossa e soffice nuvola bianca che compare in cielo ogni volta che sta per succedere qualcosa di terribile. Ed Ali lo sa bene.
Alice in Zombieland non è una rivisitazione del celebre romanzo di Lewis Carroll, ma è una storia nuova, affascinante, coinvolgente, nata dalla penna magnetica di Gena Showalter, scrittrice americana di libri adult, che ha dato vita ad una storia semplicemente unica ed indimenticabile.
Cosa mi ha fatto innamorare di questo libro? Oserei dire tutto: la storia, i personaggi, l'elemento paranormale e lo stile di scrittura della Showalter.
La storia di Ali si sviluppa un pò alla volta, ma non con eccessiva lentezza, passando attraverso diverse fasi in cui si mescolano horror, fantasy e romance. Dopo un biglietto iniziale, Ali racconta la sua vita prima che avesse luogo l'incidente, in cui il padre appare come un povero pazzo che impone assurde regole da rispettare alla sua famiglia; poi l'incidente, il trasferimento a casa dei nonni, l'inizio dell'anno scoltastico in una nuova scuola, le strane visioni, l'incontro con Cole e la scoperta della verità. Tutto si succede con un climax sempre più crescente ed è praticamente impossibile staccare gli occhi dalle pagine. L'atmosfera generale, con quel tocco dark che rende il tutto un pò inquietante, è sempre movimentata. La narrazione infatti si suddivide perfettamente tra momenti d'azione e momenti romantici, senza mai creare situazioni troppo pesanti e/o noiose.
Il punto di forza di questo romanzo sono i personaggi, assolutamente credibili e meravigliosi, ognuno caratterizzato alla perfezione con i  rispettivi pregi e difetti. Innanzitutto Ali, la protagonista. Lei è assolutamente fantastica: dopo un primo momento di metabolizzazione, si rivela essere forte, determinata, coraggiosa e arguta. Non si lascia divorare e sconfiggere dal lutto, anzi, ciò la rende più forte e determinata nel combattere i mostri che hanno ucciso la sua famiglia. Ma Ali non sarebbe la Ali dalla lingua arguta senza Cole. Con l'affascinante, sexy e misterioso ragazzo dagli occhi viola, Ali tira fuori il "peggio di sè", in scambi di battute da lasciare a bocca aperta e in cui emerge tutto il suo senso dell'umorismo. Cole è il tipico bad boy, misterioso, imperscrutabile, capo di una banda di ragazzi che tutta la scuola conosce ed evita. Al di là del suo fascino irresistibile, ho realmente apprezzato Cole: niente smancerie, niente drammi universali, niente nomignoli assurdi che odio; va dritto al punto, secco, conciso, senza fare troppi giri di parole.
Allo stesso modo, tutti gli altri personaggi sono indimenticabili: Emma, la sorellina di Ali, e i nonni; la fantastica e sopra-le-righe Kat, la nuova e migliore amica di Ali; Frosty, Bronx, Trina e l'intera banda di Cole, anche faccia-da-schiaffi Mackenzie. Bastano poche righe per familiarizzare con loro, amarli, odiarli, provare empatia, e in qualche modo rimanerci male per la loro perdita.
Anche gli zombie di cui ci parla la Showalter sono qualcosa di nuovo. Non sono solo individui non-morti, infettati ed affamati, ma qualcosa di più. Una forza soprannaturale da combattere e sconfiggere con il potere dello spirito.
Lo stile narrativo colpisce e cattura fin dalle primissime pagine. Chiara, diretta, con un approccio nuovo ed originale, la Showalter ci catapulta in un'altra realtà che non tutti possono cogliere con i propri occhi se non pochi "eletti". Le quattrocento pagine funzionano tutte, e danno vita ad una storia imprevedibile e meravigliosamente unica, di cui è impossibile stancarsi e non innamorarsi.
"Stavo cenando con Zombie Carl l'altra sera. Sapete, carne al sangue e una bottiglia di vino vintage A. Mi ha detto tutti i suoi segreti ma, purtroppo per voi, gli ho promesso di non dirli a nessuno. In cambio gli ho chiesto di riunire i suoi migliori amici e pedinarmi nel giardino della mia amica. E oh, si, mi sarebbe andato benissimo se avessero voluto usarmi come buffet, perché avere gli organi fa così scorsa stagione."
"Ali, Ali, Ali," disse Kat facendo schioccare la lingua. "Non tenere il broncio. Hai preso la decisione migliore. Una volta Cole ha mangiato un chilo di chiodi arrugginiti per poi sostenere sapessero di lacrime d'unicorno e polvere di fata. Seriamente. Io c'ero."
★ ★ ★ ★ ★
Wonderful. *^*

18 commenti:

  1. Bellissima recensione concordo su tutto e soprattutto su quello che hai detto riguardo all'autrice! Mi sono innamorata del suo modo di scrivere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda lo stile all'inizio ero un pò spaventata perchè, oltre al fatto che non avevo letto nulla della Showalter, sapevo che era una scrittrice di libri adult ed erotici (e non sono i miei generi), però mi sono ricreduta e devo dire che questo ha contribuito perfettamente alla riuscita del libro. :D

      Elimina
  2. Mi hai totalmente fatta innamorare di questo romanzo *_* Non so più cosa fare con questi libri: ogni volta che decido di leggerne uno, ecco che spunta una recensione entusiasta di un altro romanzo e rimetto tutto in gioco :D Ora vorrei leggere immediatamente Alice in Zombieland, ma ho una scaletta da rispettare e se la stravolgo è la fine ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancella, credo che questo sia un problema un pò di tutti!! Anch'io cerco di rispettare una mia scaletta personale ma ogni volta vedo qualcosa di nuovo o mi arriva qualcosa di assolutamente irresistibile che la mia scaletta viene stravolta. xD
      Ti consiglio però di leggerlo, Alice in Zombieland, perchè merita davvero!

      Elimina
  3. Oh, aspettavo tantissimo la tua recensione di Alice in Zombieland<3 e ero sicura che ti sarebbe piaciuto[: in fondo, che dire di questo romanzo? È semplicemente favoloso, impossibile da non amare**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione En, ho amato ed amo questo libro. *-*
      Vorrei rileggerlo all'infinito, ma aspetto (im)pazientemente il continuo, sperando che sia una di quelle serie lunghissime e senza fine. ♥

      Elimina
  4. Bella recensione! ^^ Questo romanzo mi attira da quando ne ho sentito parlare...e ormai le recensioni che trovo non fanno che aumentare la mia voglia di leggerlo! Se solo non avessi mille altri libri in attesa..XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie. ^_^
      Come ho detto ad Ancella cerca di non farti scappare questo libro, perchè vale la pena di essere letto. (;

      Elimina
  5. Mi è piaciuto tanto! :) Domani arriva anche la mia recensione e mi ricorderò certamente di ricordare ai miei lettori della tua petizione: è un libro che merita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mik. ♥
      Ho visto che l'hai pubblicata, fra poco vado a leggerla. :D

      Elimina
  6. che bella recensione *_* io sto ancora aspettando che mi arrivi, credo che il corriere sia passato e non ha lasciato l'avviso, mi è stato detto che è ritornato indietro -_-
    sono troppo curiosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucrezia. ♥
      Oh che peccato -.-" spero davvero tanto tanto che riuscirai ad averlo anche tu perchè devi assolutamente leggerlo!

      Elimina
  7. questo libro mi ha affascinato fin da quando hai cominciato a parlarne, spero tanto che esca in cartaceo perchè farebbe un figurone nella mia libreria!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia versione cartacea rende benissimo, ma in un'edizione ben fatta sarebbe spettacolare! Spero davvero tanto di riuscire nella petizione, perchè è un'iniziativa che mi sta davvero a cuore. ♥

      Elimina
  8. Bellissima recensione Veronica! Anche a me è arrivata la versione cartacea omaggio... speriamo che le petizioni servano allo scopo perchè sarebbe bello vedere questo romanzo nella librerie!
    Grazie mille per gli auguri ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clody, e prego per gli auguri. ♥
      Concordo pienamente con ciò che dici, il mio obiettivo è proprio quello: dare la possibilità a tutti di leggerlo e di decidere come leggerlo!

      Elimina
  9. dopo aver saputo che sarebbe uscita la versione cartacea di alice mi sono girata tutta la mia città per cercarla ma niente ho perso ogni speranza avevo detto al rientro dalle vacanze lo ordino tramite intenet poi un giorno a circa 600 km da casa mia in un supermercato lo trovato per pura casualita e finalmente nella mia libreria c'e una copia di Alice in zombieland che bello!!adoro troppo questo libro!!grazie anche alla tua recensione

    simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL anche a me succede sempre così: cerco per mari e monti un libro e poi, quando meno me lo aspetto, me lo ritrovo davanti!
      Ma grazie a te per tutti i commenti su questo libro che mi lasci! Sono contenta che ti piaccia perchè io lo adoro e non vedo l'ora di leggere il seguito. *w*

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)