giovedì 23 agosto 2012

RECENSIONE: Biancaneve e il Cacciatore di Lily Blake

Non so a voi, ma a me le fiabe sono sempre piaciute. Da bambina guardavo e riguardavo i cartoni della Disney e poi, quando ho scoperto che quelle stesse fiabe erano state scritte tanto tempo fa nero su bianco, ho iniziato a leggere la loro versione originale. Non ho una fiaba preferita, mi piacciono tutte allo stesso modo.
Sicuramente anche voi avrete visto qualche volta la loro versione animata e non vi sarà di certo sfuggita una principessa in particolare: pelle bianca come la neve, bocca rossa come il sangue e capelli neri come l'ebano. Semplicemente Biancaneve.
Quindi, quella che voglio proporvi oggi, è la recensione di Biancaneve e il Cacciatore.

Titolo: Biancaneve e il Cacciatore
Titolo originale: Snow White and the Huntsman
Autore: Lily Blake
Data di uscita: 11 Luglio 2012
Editore: Mondadori Chrysalide
Pagine: 235
Prezzo: € 16,00
La morte ha fame e tu sei la mela. Re Magnus è in guerra contro un terribile nemico. Ma armi e battaglie non lo distraggono dal doloroso ricordo della moglie perduta. Di lei gli rimane solo la piccola Biancaneve. Fino al giorno in cui, nella Foresta Tenebrosa, il re incontra una donna bellissima, capace di farlo innamorare di nuovo: la malvagia Ravenna. È la regina del Male, che con le sue arti di magia nera, assorbe dal cuore delle fanciulle l’eterna giovinezza, uccidendole. La prossima vittima è Biancaneve. Ma sotto il candore della pelle e l’ingenuità dello sguardo, la ragazza cela un animo guerriero. Ed Eric, il cacciatore destinato a sopprimerla, si troverà di fronte una donna coraggiosa, affascinante, e decisa a combattere, nonché una banda di nani ribelli che darebbero la vita per lei. La perfida Ravenna ha i giorni contati.

My rolling thought


Con sangue innocente
l'incantesimo è stato lanciato...
... e solo con sangue innocente
potrà essere sciolto.


Dopo la morte prematura della moglie, il potente Re Magnus trascorre le sue lunghe giornate nel ricordo e nella disperazione assieme all'unico ricordo che gli è rimasto della donna tanto amata, la loro cara figlia Biancaneve.
Un giorno, quando Biancaneve ha sette anni, Re Magnus si trova ad affrontare un esercito nemico presso la Foresta Tenebrosa, un luogo da cui mai nessuno è riuscito a tornare indietro sano e salvo. Durante lo scontro, il Re salva una bellissima fanciulla dagli occhi azzurro cielo e i lunghi capelli dorati, e se ne innamora all'istante, portandola al sicuro nel suo castello. Il Re, abbagliato dalla sua bellezza, decide di sposare Ravenna e immediatamente vengono preparate le nozze. Dopo il banchetto nuziale, durante la prima notte di nozze, il Re viene brutalmente assassinato. La colpevole è Ravenna che, secondo un piano abilmente studiato per vendicarsi dei torti subiti da bambina, entra in possesso del regno, divenendo così la Regina incontrastata. Il popolo non ha la forza di contrastare la perfida Regina, e Ravenna regna incontrastata aiutata dal fedele fratello Finn per dieci lunghi anni, seminando terrore, odio e disperazione, e rubando la giovinezza e la bellezza dalle fanciulle del reame.
Ma non sa che, tenuta prigioniera nel suo castello, c'è una giovane fanciulla che di giorno in giorno diventa sempre più bella. Ravenna infatti quella terribile notte non uccise Biancaneve, ma risparmiò la sua vita. Ma ora che lo specchio le ha mostrato la verità, è pronta ad ucciderla senza alcuna riserva.
Biancaneve però riesce a fuggire dalla sua prigione e a trovare rifugio nella Foresta Tenebrosa, con alle calcagna Finn, l'esercito di ombre di Ravenna e il Cacciatore caduto in miseria da lei stessa assoldato. Qualcosa però nell'animo del Cacciatore lo fa tentennare e, al cospetto di Biancaneve, decide di non ucciderla ma di metterla in salvo fuggendo assieme a lei nella Foresta Tenebrosa...

Una Biancaneve dall'ambientazione gotica e dark è quella che ci viene presentata dalla Blake in questa rivisitazione della celebre fiaba dei fratelli Grimm, senza però dimenticarne gli elementi chiave che hanno reso celebre questa fiaba: la regina cattiva, la mela avvelenata, i nani.
Al centro delle vicende c'è il mondo magico per eccellenza: eserciti di ombre, troll nascosti sotto i ponti, fatine biricchine e nani sboccacciati popolano la Foresta Tenebrosa e il Regno, creando atmosfere magiche e misteriose.
Sebbene l'intreccio sia molto semplice (mi sarebbe piaciuto avere a disposizione un'altro centinaio di pagine), ciò che risalta in questo breve romanzo è la psicologia dei personaggi che, molto spesso, non trova spazio nelle fiabe.
Ravenna, la regina cattiva, è una donna perfida e senza cuore, ossessionata dalla ricerca della bellezza eterna. Seduce, sposa ed uccide il Re, ma non per la semplice brama di potere: vuole vendicarsi di tutto ciò che ha subito e che ha perso da bambina. Per la prima volta il lettore viene a conoscenza del suo passato, perchè è diventata ciò che è, perchè la ricerca ostinata della bellezza è per lei un'ossessione, e perchè compie gesti così crudeli pur di mantenerla intatta. Bellissima, cattiva, potente: mangia il cuore di piccoli uccellini e ruba la bellezza dal corpo delle fanciulle. La regina cattiva che tutte le regine cattive dovrebbero imitare.
La dolce Biancaneve è un'eroina in piena regola: non più una fanciulla ingenua e in difesa, ma un'eroina forte e coraggiosa che, a capo del suo personalissimo esercito, si fa strada tra le file nemiche per riappropriarsi di un regno che le spetta di diritto. Un ruolo combattivo è quello che va ad assumere Biancaneve, che già molte volte è stato assunto dalle sue compagne Principesse in altre celebri rivisitazioni.
Eric, il Cacciatore, è stata la grande rivelazione di questo libro: di lui veniamo a sapere praticamente tutto, seppur un pò alla volta, e da personaggio secondario della fiaba dei Grimm diventa un vero e proprio protagonista. Mentore per Biancaneve e un vero e proprio principe, mi sentirei di dire. Mi sono innamorata di lui e per una volta sono contenta che qualcuno abbia reso giustizia alla sua figura.
Il principe... perchè, c'era anche un principe? Lui al contrario del Cacciatore non ha assunto un ruolo decisivo. Certo, della presenza di un principe veniamo a conoscenza fin dall'inizio del libro e il suo fantasma ci accompagna per tutta la sua durata, ma semplicemente non emerge un granchè, assumendo un ruolo piuttosto marginale.
Concludo dicendo che Biancaneve e il Cacciatore è una buona lettura per ritornare un pò bambini ma anche per immergersi in un mondo un pò fatato e un pò misterioso, anche per chi, come me, non ha visto il film.

Una nota di merito va all'edizione estremamente curata realizzata dalla Mondadori: quando un libro è anche bello esteticamente si legge con molto più piacere!

10 commenti:

  1. resto sempre ammaliata dalle favole, soprattutto da quelle che mi hanno accompagnata nell'infanzia, anche se sono rivisitate (anzi, mi incuriosiscono ancora di più, forse); sono attratta e dal libro e dal film..., vediamo a quale mi accosterò per prima! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il film purtroppo non l'ho visto e non posso darti un consiglio su cosa vedere/leggere prima.
      Forse vedrei prima il film, tanto per cambiare ogni tanto (solitamente leggo sempre prima il libro). ^^

      Elimina
  2. Io adoro le rivisitazioni delle favole !!!
    Credo che prima vedrò il film poi eventualmente leggerò il libro XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io le adoro. *-*
      A questo punto mi è venuta voglia di vedere anche il film!

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di cominciarlo, allora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di leggere il tuo parere. (;

      Elimina
  4. Bellissime le rivisitazioni! Non vedo l'ora di vedere i nuovi film che devono uscire a riguardo! Come "Malleficent" *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maleficent sarà di sicuro spettacolare. *-*
      Non vedo l'ora che esca!

      Elimina
  5. Bella recensione Ver *w*
    Ho in mente da po' di iniziarlo, vedrò dai... Ora sono così piena di letture! D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara. ^^
      Il libro si legge in un giorno, di sicuro un pò di tempo da dedicargli lo troverai. (;

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)