martedì 14 novembre 2017

FOCUS ON Courtney Summers

Ciao a tutti!
Rispolvero questa sorta di rubrica per parlarvi di una delle mie scrittrici contemporary young adult preferite: Courtney Summers. Nonostante la grandissima quantità di libri di questo genere che vengono tradotti e/o pubblicati, qui da noi Courtney Summers è ancora sconosciuta ed è un grandissimo peccato perché è una scrittrice validissima. Ve la presento con questo post se ancora non la conoscete. Cerchiamo di darle un pochino di visibilità, magari qualche casa editrice ci pensa su e ce la porta. :3

Umana, voglio le lucine.

Courtney Summers è nata in Belleville, Ontario, Canada nel 1986 e attualmente risiede in una piccola città non molto lontano. A quattordici anni, e con la benedizione dei suoi genitori, ha lasciato la scuola per dedicarsi alla sua educazione autonomamente. A diciotto anni ha scritto il suo primo romanzo. Il suo primo romanzo, Cracked Up to Be, è stato pubblicato nel 2008, quando aveva ventidue anni. Da qui, ha pubblicato cinque romanzi ed è famosa per le sue protagoniste femminili problematiche e caparbie.

Romanzi:
  • Cracked Up to Be (2008);
  • Some Girls Are (2010);
  • Fall for Anything (2010);
  • THIS IS NOT A TEST: This is Not a Test (2012), Please Remain Calm (2015, novella sequel);
  • All the Rage (2015).
Racconti in raccolte con altri autori:
  • Defy the Dark (2013);
  • Violent Ends (2015);
  • Here We Are: Feminism for the Real World (2017).

In Cracked Up to Be la protagonista è una ragazza che, da un giorno all’altro, si ritrova dall’essere il capitano della squadra di cheerleader, la fidanzata del ragazzo più popolare della scuola e una brillante studentessa, all’essere ignorata e lasciata da sola e in disparte da tutti.
Anche la protagonista del secondo romanzo della Summers, Some Girls Are, è un ragazza che è passata dalle stelle alle stalle ed è vittima dei pettegolezzi dei suoi compagni e quelli che considerava suoi amici. Rimasta da sola, diventa la migliore amica dell’altro ragazzo disadattato della scuola, che lei stessa insieme ai suoi vecchi amici bullizzava.
Fall for Anything è invece la storia di una ragazza che non riesce a superare il suicidio del padre, fotografo di grande fama e brillante insegnante, quindi è alla disperata ricerca di un motivo che possa spiegare questo gesto estremo.
Nella serie This is Not a Test un gruppo di sei ragazzi deve affrontare non solo la fine del mondo ma anche un’invasione zombie.
In All the Rage la protagonista non viene creduta da nessuno quando mette allo scoperto il lato oscuro del figlio dello sceriffo, che tutti considerano un ragazzo d’oro.
Al momento Courtney Summers sta lavorando al suo prossimo romanzo, su Goodreads è comparsa la seguente descrizione: It’s a road trip novel. It will hurt A Lot. Prepare yourself now. Sempre su Goodreads, la Summers ha scritto che si augura di poter condividere con i lettori qualche dettaglio in più entro la fine dell’anno.

Ti rovinerò ogni singola foto con la mia regale presenza se non mi dai le lucine.

La maggior parte dei romanzi di Courtney Summers sono di ambientazione scolastica, come  Cracked Up to Be, Some Girls Are e All the Rage. I primi due in particolare sono molto simili tra di loro, tanto che sono stati pubblicati insieme in un'edizione che porta il titolo What Goes Around. This is Not a Test è su toni apocalittici mentre in Fall for Anything ci si concentra più sull’ambiente famigliare.
Questi cinque romanzi (più novella sequel) condividono le stesse tematiche, di cui sono portavoci le ragazze protagoniste della Summers: morte, suicidio, stupro, violenza fisica e mentale.
Si tratta di storie molto intense e pregne che affrontano tematiche importanti. Non sono molto lunghe, e il ritmo di narrazione serrato coinvolge sia sul piano della lettura che su quello delle problematiche affrontate.
Il primo romanzo di Courtney Summers che ho letto è stato This is Not a Test (QUI), ed è quello che consiglio sempre se ci si vuole approcciare a questa scrittrice (con annessa novella sequel, QUI). Il mio romanzo preferito della Summers è però Fall for Anything (QUI), ed è sempre il mio secondo romanzo consigliato di questa scrittrice. La triade Cracked Up to Be - Some Girls Are - All the Rage non è meno “bella”, interessante o valida... alla fine dipende un po’ dalla tipologia di storia che si vuole leggere, visto che comunque tutti e cinque affrontano le tematiche menzionate in precedenza.
The sooner you make a mistake and learn to live with it, the better. You're not responsible for everything. You can't control the way things end up.
Questa è quindi una breve panoramica su Courtney Summers. Fatemi sapere se già la conoscevate, se avete letto qualcosa di suo e cosa, oppure se vi sembra una scrittrice interessante e siete intenzionati a darle una possibilità (fatelo!). A presto!

2 commenti:

  1. LA ADORO.
    Courtney Summers è una delle mie scrittrici preferite e amo tutte le sue protagoniste complicate - ho poi letto come descrive la sua protagonista "tipo" vs. l'ideale femminile che il lettore si aspetta di trovare e come questo porti poi a non provare empatia verso la ragazza in Here We Are: Feminism for the Real World e il pezzo scritto da lei mi ha trovata veramente d'accordo.
    Trovo anche io che Fall for Anything si distingua dalla triade - Eddie è una protagonista leggermente diversa rispetto alle altre ragazze Summers e sul mio blog ho praticamente fatto dei trattati su di loro anche in relazione ad altre protagoniste di altri libri. xD
    L'unico che mi manca da leggere è This is Not a Test: gli altri li ho divorati, questo e la novellina me li voglio tenere da parte ancora un po' per compensare l'attesa del suo prossimo romanzo - che poi quando ho letto la breve descrizione che ne ha dato, ho fangirlato come se non ci fosse un domani e anche qui è seguito un post delirante sul mio blog. xD
    Come sono contenta che Courtney Summers sia conosciuta e amata anche da qualcun altro, finora ho trovato solo blogger che si sono ripromesse di leggerla ma che ancora non l'hanno fatto.
    Meriterebbe davvero di arrivare in Italia, ma ogni tanto temo che i temi dei suoi romanzi siano visti come troppo "forti" perché un qualche editore italiano provi ad assumersi il "rischio" di pubblicarla.

    RispondiElimina
  2. Ciao Veronica, non conoscevo per niente quest'autrice ^^
    "This is not a test" ha catturato subito la mia attenzione, tutto quanto contempli gli zombie è pane per i miei denti. Gli darò un'occhiatina su Bookdepository ;)

    RispondiElimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)