giovedì 20 ottobre 2016

BLOGTOUR: Illuminae di Amie Kaufman & Jay Kristoff - Tappa #2: Recensione


HELLO!
Il blogtour di Illuminae prosegue facendo tappa sul blog - YEY! Ringrazio davvero tanto Anncleire di PLEASE ANOTHER BOOK per avermi coinvolta in questa iniziativa e le altre ragazze (ovvero Martina, Lorena, Lile e - ovviamente - Anncleire) per essere state - come sempre - carine&simpatiche. Io ho letto il libro in lingua un paio di mesi fa, quindi vi lascio il mio parere in merito. Le foto dell'interno si riferiscono alla mia edizione; non so come è stata resa la nostra, ma sono molto curiosa di scoprirlo. ENJOY!


Illuminae
Illuminae di Amy Kaufman & Jay Kristoff

Knopf  20 Ottobre 2015  599 pagine  13,59 €  ENG
E' il 2575 quando Kerenza, un pianeta ghiacciato da cui viene estratto un metallo prezioso (hermium), viene attaccata da una organizzazione chiamata BeiTech. Kady ed Ezra (che si sono appena lasciati) scappano assieme ad altri civili su 3 diverse navi aerospaziali. Una nave della BeiTech però è all'inseguimento dei sopravvissuti, le navi soccorritrici hanno subito dei danni ai sistemi di navigazione ma la stazione di servizio più vicina è a mesi di viaggio. Oltre ai danni subiti e alle risorse limitate, i sopravvissuti dovranno far fronte a una nuova minaccia: una malattia mortale.
DATI DELL'EDIZIONE ITALIANA:  Mondadori Chrysalide  18 Ottobre 2016  xxx pagine  22,00 €

My rolling thought
Am I not merciful?
Anno 2575. Kerenza è un piccolo pianeta interamente ricoperto di ghiaccio su cui l’attività principale consiste nell’estrarre metallo prezioso dalle numerose miniere che vi sono state costruite. Su Kerenza vivono anche Kadie ed Ezra, due ragazzi come tanti che si sono appena lasciati. Lo stesso giorno in cui Kadie ed Ezra si lasciano, un’organizzazione di nome BeiTech attacca improvvisamente il pianeta. I due ragazzi, insieme agli altri civili, cercano di scappare per mettersi in salvo ma non tutti ce la fanno; i fortunati come loro vengono portati in salvo su tre diverse navi spaziali. La BeiTech ha provocato enormi danni non solo su Kerenza ma anche ai sistemi di navigazione di queste navi corse in aiuto, infatti è necessario fare tappa presso la stazione di rifornimento più vicina per cercare di riparare tutto ciò che è possibile riparare e, allo stesso tempo, assicurare la salvezza delle persone. Purtroppo la stazione più vicina è a mesi di viaggio, la BeiTech è alle loro spalle e i sopravvissuti devono far fronte alle risorse limitate che sono a loro disposizione. Come se non bastasse, un virus letale si sta sviluppando all’insaputa di tutti.
Illuminae di Amie Kaufman e Jay Kristoff è un libro spettacolare che vi farà andare fuori di testa sia per la particolarità della storia che per l’edizione.
La storia parte dalle premesse molto semplici che vi ho appena riassunto, ma si sviluppa in modo molto originale e piena zeppa di colpi di scena. Arrivata a metà del libro non riuscivo ancora a capire bene dove gli autori volessero andare a parare perché, ogni volta che si pensa che si andrà in una determinata direzione, Amie Kaufman e Jay Kristoff ribaltano le carte in tavola trasformando la storia di volta in volta in qualcosa di nuovo e inaspettato. Sono praticamente rimasta sempre sempre sempre, oltre che con un bel punto interrogativo stampato in faccia, sbalordita e a bocca aperta, mi sentivo come una vera e propria idiota e più volte mi sono ripetuta “oh-divino-Giove-cosa-ho-appena-letto”.
La particolarità di Illuminae è che la storia è raccontata attraverso una serie di documenti che possono essere interviste, pagine web, stralci di conversazioni, documenti ufficiali, verbali, relazioni a cui si affiancano le mappe delle navi e liste di vario genere. Spesso il testo è disposto in questo modo particolare:


O ci sono immagini interamente formate da lettere e numeri, come questa che riproduce l’Urlo di Munch e che è la mia preferita in assoluto:


Ho trovato questo modo di raccontare la storia davvero unico e particolare. Mi è piaciuto davvero tanto perché ha fatto in modo che Illuminae si distinguesse tra tanti altri libri ma anche perché, secondo me, ben si addice al clima generale della storia, alle vicende e ai personaggi.
È un modo molto curato, dettagliato e ricercato di raccontare, e questa particolare struttura permette anche di seguire la storia da diversi punti di vista. Due di questi sono quelli di Kadie ed Ezra, ma ce ne sono tanti altri come ad esempio i punti di vista degli ufficiali delle navi spaziali.
Kadie ed Ezra sono due personaggi davvero ben costruiti e interessanti da seguire. Il loro pianeta viene attaccato nel giorno stesso in cui si lasciano, ma nonostante questo mettono da parte le loro divergenze per riuscire a scappare dall’attacco e a mettersi in salvo. Si trovano in una situazione estrema - sono da soli e successivamente verranno anche separati, non sanno dove sono i loro genitori e se sono sopravvissuti, cosa ne sarà di loro -, ma non si arrendono mai grazie alle loro capacità e alla loro personalità. Kadie è una ragazza forte, decisa, indipendente ed è bravissima con i computer; in lei si nasconde una piccola parte oscura, ma è tenace, combattiva e con una grande voglia di sopravvivere. Al contrario, Ezra non ha nessuna abilità o capacità particolare: è semplicemente un ragazzo simpatico che con il sarcasmo alleggerisce la tensione e si difende da ciò che ha subito in passato. Io ero lì che pensavo “ecco, ora non ce la fanno, ora non ce la fanno, non ce la fanno, no, no, no” però questi due hanno un sacco di risorse; riusciranno a piacervi senza alcun dubbio anche perché la storia non è assolutamente invasa dalle loro questioni d’amore.
Nonostante mi siano piaciuti moltissimo, Kadie ed Ezra non sono riusciti a colpirmi nel modo particolare in cui invece ci è riuscito un altro personaggio. Non vi dico chi è, vi dico solo che mi ha sconvolto tantissimo la sua entrata in scena, leggere la storia dal suo punto di vista e seguire il corso dei suoi pensieri. È stato strano, inaspettato e sconvolgente, ma anche molto, molto interessante.
Un’altro elemento sconvolgente di Illuminae (come se ce ne fossero pochi, in questo libro!) è Phobos, la malattia che si sviluppa a bordo delle navi spaziali. È una malattia assurda, inquietante! Dà un’atmosfera oscura e da film dell’orrore, io sono rimasta terrorizzata dal modo in cui infetta e fa reagire le persone.
Ci vuole davvero poco per entrare in questo libro, giusto una cinquantina di pagine. È un libro che, grazie alla sua particolarità e originalità, sa distinguersi e saprà conquistarvi e sorprendervi. Ve lo consiglio perché ha in sé tutto ciò che mi piace trovare in un libro di questo genere, sci-fi / distopico: un’ambientazione spaziale costruita in modo unico; una storia ricca e mai prevedibile, avventurosa, oscura, e che non è offuscata dalla storia d’amore dei protagonisti; scrittori originali e con tanta immaginazione, che non mi hanno fatto staccare gli occhi e la mente da quello che mi stavano raccontando. Sono stra-curiosa di leggere il seguito, Gemina, perché non riesco proprio ad immaginare cosa possano aver pensato Amie Kaufman e Jay Kristoff per continuare la storia di Kadie ed Ezra.

★ ★ ★ ★ ½
Awesome! :D
____________________________________________________________________________


ILLUMINAE di Amie Kaufman & Jay Kristoff è stato pubblicato il 18 OTTOBRE dalla MONDADORI nella collana CHRYSALIDE.
Noi vi diamo l'opportunità di provare a vincerne UNA COPIA DIGITALE e UNA COLLANA A TEMA realizzata da Lorena LG Design. Per farlo, vi basta seguire queste due semplici regole:
  1. Seguire i blog che partecipano al Blogtour;
  2. Commentare ogni singola tappa.
La mia tappa si conclude qui. Spero di essere riuscita ad incuriosirvi con la mia recensione e che darete un’opportunità ad Illuminae, perché la merita! BYE!

12 commenti:

  1. Ciao :D
    Grazie a questa bella recensione ho capito una cosa: mi sa proprio che mi potrei innamorare follemente di questo libro! *o*
    Prima cosa: amo le trame avvincenti dove ti arrovelli su cosa può succedere e poi invece succede tutt'altro perché significa che la storia è originale e coinvolgente. Seconda cosa: amo i libri con le illustrazioni e con dei testi particolari, soprattutto perché sono molto più belli anche solo da sfogliare di tanto in tanto.
    Terza cosa: i protagonisti già mi ispirano un sacco. Amo le protagoniste tenaci e forti caratterialmente ed al tempo stesso amo i personaggi maschili un po' burloni e simpatici. E sono pure curiosa di conoscere quest'altro personaggio di cui hai parlato e che ti è tanto piaciuto :D
    Non vedo l'ora di leggerlo *o*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che tu possa leggerlo presto e che non ne rimarrai delusa! *--* È una figata di libro e la grafica è spettacolare, una cosa mai vista prima. I personaggi sono ordinari ma forti, la trama è folle... è un libro bellissimo!!

      Elimina
  2. Sono sempre più incuriosita da questo romanzo!
    L'immagine de L'urlo è davvero ben fatta speriamo abbiano mantenuto queste pagine particolari anche nella versione italiana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora avuto modo di sfogliare la nostra edizione, ma dalle foto on-line mi sa che sono riusciti a mantenere la stessa grafica dell'edizione in inglese.

      Elimina
  3. Non è un genere che leggo assiduamente, ma ammetto che è proprio il suo modo perticolare di narrare la storia ad affascinarmi così tanto.
    Bellissime quelle pagine che riproducono L'urlo di Munch! O_O
    Per quanto riguarda i personaggi, anche una blogger inglese che seguo ha detto non essere rimasta troppo impressionata da loro - o almeno non nel modo in cui forse avrebbe voluto/dovuto.
    L'aspetto della malattia è quello che mi intriga di più - così a pelle mi ricorda vagamente il film Pandorum - L'universo parallelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece questo per me era un genere ben conosciuto: ho letto per diverso tempo distopici e sci-fi e dopo un po' ho avuto bisogno di allontanarmi; pensavo che Illuminae potesse sembrarmi qualcosa di "già visto", ma no, non è stato così, quindi mi sento di consigliarlo anche a te che non leggi spesso libri di questo genere. :D

      Elimina
  4. Una bellissima recensione, mi entusiasma davvero molto e sono ancora più decisa che questo è un libro che va letto assolutamente. Sono rimasta incredibilmente colpita dalla bellezza dell'edizione e dalla particolarità che lo caratterizza e lo rende un romanzo sicuramente diverso dal solito.
    In più la trama è decisamente accattivamente, sono proprio curiosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yeee :D spero ti piaccia!!
      io sono sempre più curiosa di vedere la nostra edizione. >.<

      Elimina
  5. Che meraviglia! *^* Le grafiche mi hanno dato il colpo di grazia, ma ero già su di giri quando hai parlato dei colpi di scena: dalle tue parole è evidente quanto ti abbia coinvolto la lettura e mi piacerebbe provare le tue stesse sensazioni di stupore davanti a ogni nuovo ribaltamento della scena.
    Sono davvero conquistata: lo voglio. *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, esatto :D spero che conquisti anche te, che la lettura ne valga la pena! quelli sono solo due esempi della grafica del libro, ci sono tantissime altre particolarità che - se ami le grafiche particolari - ti colpiranno sicuramente!

      Elimina
  6. Ma sai che hai proprio ragione? Leggevo l'estratto l'altro giorno su Amazon e mi ci è voluto davvero poco per farmi venire voglia di continuare a leggere *o* lo voglio senz'altro presto o tardi (magari lo compro usato però - semmai si troverà - che costicchia un bel po' per quanto per una volta l'edizione i soldi li valga eh!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche se l'edizione in un certo senso vale il prezzo, io in inglese l'ho pagato una stupidata. :/ leggilo, leggilo!! e devi farmi sapere. :DD

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡