mercoledì 24 febbraio 2016

RECENSIONE: Le #piccolecose che amo di te di Cleo Toms

BUONGIORNO! c:
Inizierei con una doverosa NOTA DI SERVIZIO: in questi giorni non sono riuscita a postare, rispondere ai vostri commenti o passare dai vostri blog (insomma, rispettare i miei propositi bloggeriani) perché stiamo aspettando che si palesi il corriere con il modem per casa di mia nonna. Sembra scomparso e io non so che cosa fare, visto che trascorro qui la gran parte della mia giornata e non mi va di postare di sera °w° per oggi, comunque, sono riuscita a preparare questo post. Tornerò presto attiva come nelle scorse settimane. :-)
Passando al post di oggi! Spero che anche questa possa dimostrarsi un'occasione per confrontarci e scambiarci i nostri pareri come abbiamo sempre fatto, let's share our thoughts.


Le #piccolecose che amo di te
di Cleo Toms

Rizzoli  11 Febbraio 2016  216 pagine  15,00 €  ITA
Luna ha sedici anni, un gatto nero di nome Salem e una mamma che le fa sempre il regalo sbagliato. Al rientro dalle vacanze estive, scopre che la madre ha avuto una promozione al lavoro, peccato che questo significhi trasferirsi a Milano e lasciare tutto il suo mondo. Ma Luna, pur essendo un po’ introversa, non è tipo da perdersi d’animo, e dopo un difficile impatto con la grande città inizia a scoprire la ricchezza e l’aiuto che possono darti i nuovi amici (soprattutto quelli inattesi), i pomeriggi di shopping e le cene a base di sushi, l’emozione di essere lì mentre gli One Direction cantano dal vivo Little Things. Già, le piccole cose. Una canzone, un disegno condiviso su Instagram, l’abbraccio di una persona importante, un’abitudine che ti riscalda il cuore. Quelle che sanno renderti felice, che ritrovi ogni giorno, e che fanno di te una persona unica e speciale

My rolling thought
Guardo la luce che fa cambiare il colore dei tuoi occhi, il modo leggero che hai di gesticolare con le mani, le piccole cose che ho avuto sotto gli occhi tutto l'anno e che ora non potrò vedere più. Ti ricordi Little Things?
  • ONE THING
La scorsa estate mi sono vista costretta a fare la conoscenza di Cleo Toms, famosa youtuber fino a quel momento a me totalmente sconosciuta. La figlia quindicenne di un’amica di mia mamma mi avrà fatto vedere un numero indefinito di suoi video, e devo dirvi la verità… a me non dispiace. Nonostante tutte le critiche, nonostante tutte le parole, nonostante tutti i pensieri che si possono rivolgere nei confronti di questa giovane ragazza, a me una persona che parla con entusiasmo delle sue passioni e che le condivide con altre persone piace sempre, perché alla fin fine ciò che faccio io - ciò che facciamo noi - qui parlando di libri è lo stesso che fa lei parlando di musica, make-up e tutto quello che più le piace.
La notizia della prossima pubblicazione di un libro da parte sua mi ha colpito in un modo piuttosto complesso. Cleo non aveva mai manifestato la sua vocazione da scrittrice, lei stessa ha ammesso di aver tenuto ben nascosta questa sua piccola aspirazione. Si tratta solo di una moda del momento? Siamo davanti ad un altro fenomeno? Questo, da una parte; dall’altra, è facile dire “al giorno d’oggi scrivono davvero tutti, anche gli youtuber, e gli scrittori davvero meritevoli rimangono nell’ombra”. Sono d’accordo sul fatto che ci sono tantissimi scrittori di talento e di valore che non riescono ad emergere come dovrebbero, ma fino a che punto la colpa è da attribuire a questi scrittori in erba? Non sarebbe più giusto riflettere su determinate dinamiche/meccanismi/mosse, chiamiamole come vogliamo, portate avanti dalle Case Editrici?
Fatto sta che se da una parte comprendo in pieno i sentimenti che agitano gli animi degli scrittori che sognano, un giorno, di poter condividere le loro storie con il mondo, dall’altra non posso negare di essere rimasta incuriosita dal lavoro di Cleo.
  • YOU & I
Ho deciso di leggere Le #piccolecose che amo di te principalmente per curiosità, come ho appena detto. Penso che Cleo sia una ragazza davvero molto originale, fantasiosa e con uno stile tutto suo, tutte caratteristiche personali che mi hanno fatto pensare avrebbero influenzato la sua storia in modo positivo. Inoltre ero in vena di leggere una storia semplice e leggera, carina e senza pretese, che mi facesse compagnia per due orette. Mi sono anche approcciata a questo libro con il beneficio del dubbio: magari Cleo avrebbe dimostrato di avere anche del potenziale da narratrice.
  • LITTLE THINGS
Le #piccolecose che amo di te racconta la storia di Luna, una ragazza di sedici anni che improvvisamente si vede costretta a lasciare il suo tranquillo e pacifico paese per trasferirsi nella grande e caotica Milano con il suo gatto Salem e sua mamma, proprio a causa del lavoro di quest’ultima. Alle soglie dell’inizio del nuovo anno scolastico, quindi, Luna si ritrova a dover cambiare vita e a inserirsi in un ambiente che le è totalmente nuovo, fatto di regole e di persone che le sono completamente estranee.
  • MORE THAN THIS
Le #piccolecose che amo di te è un libro molto breve e che, come pensavo, mi ha tenuto compagnia per due ore. Sono state due ore piacevoli, spiacevoli, ben spese o sprecate? Sprecate no, perché il tempo dedicato alla lettura non è mai sprecato, soprattutto quando, indipendentemente dalla sua qualità, il libro che abbiamo appena concluso ci porta a fare una serie di riflessioni.
Le #piccolecose è indubbiamente indirizzato ad un pubblico molto giovane. Ci sono numerosi riferimenti a ciò che costituisce il mondo della maggior parte dei teenager di oggi, ovvero tutto ciò di cui parla Cleo sul suo canale (musica, concerti, make-up, vestiti, social network, ecc ecc ecc). Tra tutte queste tematiche che definirei più superficiali, ce ne sono alcune che riterrei il vero punto centrale del libro: il rapporto con se stessi, con gli altri e la propria famiglia. Questi tre elementi-chiave tuttavia, pur essendo importantissimi nel romanzo, sono molto penalizzati dalla sua brevità e dal fatto che Cleo non è una scrittrice: sono tematiche solamente accennate, non analizzate in tutte le loro sfaccettature come invece sarebbe stato interessante leggere e seguire. Io in prima persona mi sono ritrovata sorprendentemente interessata a leggere di determinate situazioni, ma è stato frustrante non poterne seguire un buono sviluppo proprio per via dell’ingenuità di Cleo che deriva da un’esperienza inesistente.
Pur non essendo molto lungo, inoltre, le #piccolecose non è stata una lettura scorrevole in tutte le sue parti: più che un romanzo, mi è sembrato di leggere il diario segreto di Luna, che annota pensieri, sensazioni e situazioni appena vissute così, di getto, senza curarsi troppo che qualcun altro potrebbe aprirlo e leggere la sua storia. Un consiglio che mi sentirei di dare a Cleo è quello di esercitarsi e fare pratica per rendere la sua scrittura più fluida e scorrevole facendo attenzione a distinguere tra l’italiano scritto e quello parlato, a costruire bene frasi e periodi, perché puntare ad uno stile semplice non significa non utilizzare parole complesse o frasi articolate.
Nonostante questo, però, vorrei sottolineare il fatto che questa storia porta con sé una certa positività incarnata tutta dal personaggio di Luna, ovvero: non avere paura di essere se stessi e di mostrarsi per quello che si è realmente ai propri occhi e a quelli degli altri. Potrebbe essere un messaggio scontato, ma di questi tempi nulla è scontato ed è qualcosa che a me sta molto a cuore. Considerando poi che il libro si rivolge a dei ragazzi giovanissimi (e anche tanti, visto il seguito di Cleo), trovo che la storia di Luna possa sedimentarsi e maturare nei loro animi, ed essere un piccolo punto di partenza per coltivare la loro individualità.
  • TELL ME A LIE
Non mi aspettavo di certo il romanzo o la rivelazione dell’anno leggendo Le #piccolecose che amo di te. È vero che non si può guardare solo all’essenza di un romanzo (una storia, in questo caso), al suo bel messaggio o comunque alle buone intenzioni, cercando di non tener conto della sua struttura e del suo stile, quindi non posso dire se consiglio o meno le #piccolecose. Posso solo concludere dicendo che in qualche modo si differenzia dagli altri libri-fenomeno per il suo non essere senza senso o con robe a caso, volgare, diseducativo o comunque con contenuti imbarazzanti. È una storia che aspira a suggerire il concetto di amore come libertà, ed è proprio ciò che più mi è piaciuto della storia di Luna.
Mi sentivo così particolarmente carina che sono andata a cercarmi i titoli delle canzoni degli One Direction per introdurre ogni parte della recensione. c:

12 commenti:

  1. Ciao! :) Complimenti per la recensione! Mi ero completamente persa questo libro, non sapevo della sua esistenza e non credo di conoscere l'autrice (ma non è detto, perché coi nomi sono una frana, quindi magari so chi è ma non l'abbino al nome...) ma quello che hai scritto lascia ben sperare. Non mi scapicollerò in libreria a cercarlo, ma se mi capitasse tra le mani magari gli potrei dare un'occasione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio anch'io di fartelo capitare tra le mani :) non è una lettura imperdibile, ma se hai bisogno di qualcosa di leggero da leggere per due ore è abbastanza buono.

      Elimina
  2. Ciao Veronica! ❤
    Bella recensione, davvero particolare. Io seguivo Cleo su youtube ma poi mi sono annoiata, si forse è la parola giusta, perché non mi ritrovavo nel suo mondo e la sentivo troppo distante da me, fai per l'età o per gli interessi. Ho visto il video in cui presentava il libro e letto qualche commentuccio là e qua e devo dire che un pò di curiosità me l'ha messa ma non credo lo comprerò. Molto probabilmente aspetterò che sia scontato per il Kindle, giusto per dargli un'occasione come ho fatto con quello di Clio (che devo ancora leggere tra l'altro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanti anni hai, ma sicuramente è anche troppo distante da me per l'età e altre cose, ma ogni tanto non mi dispiace darle un'occhiata. :)
      Più che come libro, consiglierei le #piccolecose come messaggio. Comunque se ti capita di leggerlo sappi che non impiegherai molto per finirlo. :)

      Elimina
    2. Sono una vecchietta venticinquenne ahah! XD Se è scorrevole ci potrei fare anche un pensierino in più ^^

      Elimina
  3. Ciao! Personalmente non ho mai visto un video di Cleo Toms, anzi fino a pochissimo tempo fa non sapevo neanche chi fosse. Ad ogni modo la storia non mi ispira più di tanto, anche se sono contenta che tu abbia visto del potenziale! Una curiosità: cosa ne pensi della presenza di emoji all'interno del romanzo? NO DAI. A me non sembra uno stile adatto a un libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò: a me le emoji non hanno dato fastidio più di tanto perché non vedo questo libro come romanzo, ma più come un diario. Ci sono altre cose più importanti su cui soffermarsi a riflettere, come ad esempio lo stile. Credo dipenda dall'attitudine con la quale si sceglie di affrontare questa lettura! :-)

      Elimina
  4. Ciao! Mi è piaciuta molto la tua recensione, come l'hai articolata e per come hai parlato del libro. Ho visto qualche video sporadico di Cleo, non la seguo e non so nulla di lei, ma quando lessi della pubblicazione ne rimani sorpresa per ovvi motivi. Ho capito da subito che è un libro per un pubblico molto giovane e non penso mi piacerebbe, ma mi ha fatto piacere leggere qualcosa al riguardo =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ti ringrazio!
      Sono d'accordissimo che sia un libro indirizzato ai lettori giovani, però secondo me il messaggio si può apprezzare a qualsiasi età. Continuo a ripetere che non consiglierei mai il suo acquisto a prezzo pieno perché non si possono tenere in considerazione sono le buone intenzioni e il messaggio, ma se capita tra le mani in due ore lo si legge.

      Elimina
  5. Ciao tesoro. Mi piace molto come hai impostato la recensione.
    Conosco Cleo perché so che mia figlia la segue su YT, però non sapevo altro.
    Ora ho le idee un po' più chiare e credo proverò a parlarne con mia figlia. Chissà che le viene voglia di leggere con questo libro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può aiutarla a farle leggere qualcosa, buttati pure XD magari leggilo con lei, così poi... me ne parli? Boh!

      Elimina
  6. La tua recensione è strutturata in modo tenerissimo c:
    Purtroppo io non sono dello stesso parere e ho trovato il libro scritto malissimo e disordinato, con un italiano vagamente scorretto e ricco di clichè >.<
    Visita il nostro blog se vuoi capire di più di quello che penso c:

    RispondiElimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡