venerdì 28 agosto 2015

RECENSIONE: Il Bacio della morte + Il Sogno dell'Incubo + Spire di Fuoco di Marta Palazzesi

#PROGRAMMARECUPERORECENSIONI PARTE IV/V

Il Bacio della Morte
Il Sogno dell’Incubo
Spire di Fuoco
di Marta Palazzesi

Editore: Giunti Y (16 Gennaio 2013 / 18 Marzo 2015)
Pagine: 384, 496, 304
Prezzo: € 12.00
Quando hai diciotto anni, vivi nelle remote foreste della Romania e il tuo unico obiettivo è dare la caccia alle spietate creature che popolano il Mondo Sotterraneo, non puoi permetterti distrazioni. E questo Thea lo sa molto bene. Abile mezzo demone dotato del potere dei sogni, è una ragazza ribelle e irriverente. Ma quando riceve il pugnale con cui cacciare gli Azura, è più che determinata a impegnarsi fino in fondo negli allenamenti che la renderanno ufficialmente una Cacciatrice, mettendo da parte tutto il resto. Però non sempre le cose vanno come previsto e Thea si ritrova costretta non solo a combattere contro un nemico infido e crudele, ma anche a resistere al costante impulso di azzuffarsi col padre, dal quale ha ereditato i poteri da Incubo. Ma soprattutto deve cercare di contenere l'attrazione per il nuovo compagno di caccia, un affascinante mezzo Succubo dal passato oscuro. Inaspettate rivelazioni e inquietanti avvenimenti sconvolgeranno pericolosamente la vita di Thea, divisa tra il desiderio di seguire chi ama e compiere il proprio dovere.

My rolling thought
Tu non conosci la paura.
La recensione di questa serie arriva con notevole ritardo perché non ero sicura di voler recensire questi libri. Il fatto è che ho letto il primo e buona parte del secondo, il terzo per nulla, e non ho buone cose da dire a riguardo. Il primo l’ho ricevuto come premio per un’iniziativa a cui ho partecipato tempo fa, mentre gli altri due mi sono stati gentilmente inviati dalla Casa Editrice, quindi mi sento in una sorta di dovere morale nel dover almeno parlare un pochino di questi libri. Ancora una volta non sarà una recensione lunga o molto approfondita, giusto un paio di pensieri per spiegarvi perché ho mollato questa serie e sotto quali circostanze, che non sono altro il motivo per cui non mi è piaciuta.
Abbiamo sentito parlare tantissimo de Il Bacio della Morte. Le prime recensioni erano entusiaste e positive, la trama interessante, l’autrice italiana… YES, PLEASE! Quindi l’ho iniziato, ma man mano che andavo avanti ho cominciato a notare somiglianze con altri libri di questo genere; fin qui tutto nella norma - ho letto diversi libri simili tra loro, e questo ci può anche stare -, ma arrivata alla fine Il Bacio della Morte per me era praticamente la riscrittura di un’altra famosissima serie. Non voglio soffermarmi su questo punto e iniziare a fare paragoni tra le due serie perché c’è chi l’ha fatto prima di me, il motivo per cui vi parlo di questo aspetto è che, quando l'ho notato, non potevo crederci, e leggere che non ero l’unica non mi ha sollevato, ma mi ha solo portato a domandarmi perché. Così ho iniziato a leggere Il sogno dell’Incubo, per vedere se la mia impressione sul primo libro era solo un’impressione, per l'appunto, o meno. Sono arrivata a metà e poi il provvidenziale suggerimento di un’amica lettrice mi ha fatto mettere da parte il libro. Perché? Mi è stato detto che, se avessi continuato la lettura di questa serie, mi sarei spoilerata i restanti libri che mi mancavano dell’altra serie, quindi avrei fatto meglio a finire prima questa e poi a proseguire con La Casa dei Demoni. L’ho fatto, e ancora una volta non posso negare che le somiglianze ci sono. Non ho finito di leggere questo secondo volume perché mi sembrava di sprecare del tempo prezioso, ma intanto avevo ricevuto Spire di fuoco e non sapevo proprio cosa fare! Alla fine ho mollato, perché una decisione doveva essere presa e basta.
È più che probabile e plausibile che l’autrice non conoscesse l’altra serie al momento della scrittura della sua storia, ma ai miei occhi ormai era tutto così somigliante che non potevo fare a meno di pensarci ad ogni riga che leggevo.
Spero che né l’autrice né la Casa Editrice prendano queste mie parole come un attacco personale, perché non è proprio mia intenzione. Come ho detto all’inizio, non volevo parlare di questi libri perché in fondo in fondo non ho nulla da aggiungere a ciò che già si può trovare sul web (recensioni positive, negative e tutto il resto), ma poi non mi sarei sentita in pace con me stessa nei confronti di chi ha speso passione, tempo e anche denaro, sì, per questa serie facendola arrivare a casa mia.
Però non vorrei limitare le mie parole e il mio pensiero al solo fatto che questa serie per me è praticamente una riscrittura, quindi un altro motivo per cui non mi sono piaciuti questi libri risiede nei personaggi, che mi sono sembrati tutti infantili e capricciosi. Se la storia fosse stata diversa, probabilmente ci avrebbero pensato loro a farmi prendere la stessa decisione.
Ovviamente non posso né assegnare un rating né dire se vi consiglio o sconsiglio questa serie, dipende tutto dal tipo e dalla quantità di letture che avete fatto e di cosa volete trovare in una serie. Sono sicura, però, che anche La Casa dei Demoni troverà i suoi lettori.

2 commenti:

  1. E beeeeeeh, so esattamente a cosa ti riferisci, io sono una di quelle che ha fatto i millemila paragoni tra questa serie e l'altra... e che si è chiesta perché?! senza ricevere provvidenziale risposta... il perché resterà un mistero °-°
    Anyway io ho letto solo il primo, il secondo e il terzo me li sono risparmiati più che volentieri... e sono contenta così u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E boh, Den, anch'io ho mollato perché ormai il mio cervello aveva preso quella direzione e basta.
      Penso che il nostro perché rimarrà tale per sempreee... per sempreee... per sempreeeeee. *eco*

      Elimina

Grazie! Risponderò presto al tuo commento. (◠﹏◠✿)