mercoledì 21 gennaio 2015

RECENSIONE: Allegiant di Veronica Roth

Vi chiedo di scusarmi se non vi saluto come si deve perché l’unica parola che mi viene in mente ora è AMEN. So che Allegiant è uscito un milione di anni fa - e il motivo per cui non l’ho recensito prima ve l’ho detto più avanti, nella “recensione” -, ma dal momento che la settimana prossima uscirà Four, per me questa sarà la DIVERGENT SERIES WEEK. Ho deciso di farmi coraggio e di provare a parlarvi di quello che penso di Allegiant e di Four, nei prossimi giorni.

Allegiant
Allegiant di Veronica Roth

Editore: DeAgostini (18 Marzo 2014)
Pagine: 538
Prezzo: € 14.90
La realtà che Tris ha sempre conosciuto ormai non esiste più, cancellata nel modo più violento possibile dalla terrificante scoperta che il "sistema per fazioni" era solo il frutto di un esperimento. Circondata solo da orrore e tradimento, la ragazza non si lascia sfuggire l'opportunità di esplorare il mondo esterno, desiderosa di lasciarsi indietro i ricordi dolorosi e di cominciare una nuova vita insieme a Tobias. Ma ciò che trova è ancora più inquietante di quello che ha lasciato. Verità ancora più esplosive marchieranno per sempre le persone che ama, e ancora una volta Tris dovrà affrontare la complessità della natura umana e scegliere tra l'amore e il sacrificio.




My rolling thought
Immagino che una fiamma che brucia con tanta intensità non sia destinata a durare.
Per tutto questo tempo non sono riuscita a scrivere niente di niente su Allegiant. Non perché il libro non mi sia piaciuto, non per mancanza di tempo, non perché me ne sono dimenticata… semplicemente non ci riuscivo, e sicuramente la situazione non è migliorata ora, di colpo.
E’ difficile trovare le parole per parlare di Allegiant. E’ difficile farlo perché arrivati a questo punto - ovvero quando si sta parlando dell’ultimo libro di una serie - è sempre meglio dire poco, quasi nulla, per non rovinare la lettura agli altri lettori, ma è ancora più difficile farlo perché Allegiant è uno di quei libri che a fine lettura ti toglie letteralmente le parole dalla mente e dalla bocca. Ora so cosa penso di Allegiant; so perché l’ho amato, lo amo, amo questa serie, amo Veronica Roth, ma non so se riesco a tradurlo per bene in parole, quindi non so nemmeno quanto uscirà lunga - o meglio, non-lunga - questa non-recensione. Spero solo che in tutto questo casino di non-parole riusciate a capirmi lo stesso, perché magari vi trovate nella mia stessa identica situazione.
Divergent è riuscito a colpirmi fin dall’inizio, nonostante vi avessi trovato qualche piccolo dettaglio che fa tanto primo-libro-di-una-serie-ti-presento-il-mondo-distopico-e-i-personaggi-di-cui-leggerai. Insurgent, al contrario, è stata una lettura perfetta, p e r f e t t a, sotto ogni punto di vista. Mi ha fatto innamorare ancora di più di ciò che stavo leggendo e di ciò che avevo letto prima di lui, non solo per la storia, non solo per i personaggi, non solo per lo stile di scrittura di Veronica Roth, ma perché più andavo avanti, più riuscivo a comprendere e ad ammirare il perché di determinate azioni e scelte portate avanti dall’autrice. Il quadro generale delle cose, con ogni più piccolo dettaglio andato finalmente al suo posto, si è rivelato in Allegiant e io non ho potuto fare a meno di apprezzarlo, di apprezzare il senso di tutto, di questo tutto che ci viene presentato addirittura in Divergent, e che si traduce nel processo di crescita portato avanti dal personaggio di Tris. Perché Allegiant va oltre, apre gli orizzonti; Divergent è stato solo una piccolissima parte del tutto, l’inizio e non già il tutto e il prevedibile.
Nonostante abbia letto tanti, tantissimi, un’infinità di commenti negativi su questo personaggio, io non riesco ad odiare Tris: fin dall’inizio, è come se vi avessi ritrovato una parte di me. Perché non riesco a essere così altruista? Perché non riesco a pensare prima agli altri e poi a me? Perché non riesco ad essere una perfetta abnegante? Okay, in innumerevole situazioni lei si spinge molto oltre, oltre il limite che segna la fine di quello che viene definito coraggio e l'inizio di quella che viene chiamata incoscienza, lo riconosco, ma sono proprio questi momenti che riescono a farla crescere e che la porteranno alle scelte che compirà in Allegiant.
Così come non penso di poter essere una brava abnegante, so che non sarei nemmeno una perfetta intrepida. So di non essere così coraggiosa come Tris, l’idea di combattere in una guerra mi spaventa da morire, non riuscirei nemmeno a tagliarmi il palmo della mano durante la cerimonia della Scelta! E’ anche vero, però, che ora come ora non vivo in un mondo distopico e non devo combattere in una guerra e non devo tagliarmi il palmo della mano, ma anch’io credo negli atti di coraggio ordinario, nel coraggio che spinge una persona a ergersi in difesa di un’altra perché si può essere coraggiosi ogni giorno nelle cose di tutti i giorni, perché non c’è un solo tipo di coraggio, e nessuno ha più o meno importanza dell’altro.
Mi sembra superfluo, a questo punto, dire se sono d’accordo o se non sono d’accordo con la scelta fatta da Veronica Roth. Perché io sono d’accordo, anche se è difficile da dire. Sono d’accordo per il semplice fatto che non l’ha fatto per stupire i lettori, per dare una svolta drammatica alla storia o per usarla come semplice “trovata narrativa”. Io in questa scelta ci trovo solo tanta coerenza e tanto coraggio. Non sono sempre stata d’accordo con tutte le scelte fatte dalla Roth (una deve ancora spiegarmela - come diavolo ti è venuto in mente, eh, Veronica???), ma con questa lo sono.
So che ho parlato solo di Tris, ma l’ho fatto di proposito. Per me Tris è questa serie; per me Tris è Divergent, Insurgent e Allegiant; per me Tris è il messaggio arrivato che vuole dare Veronica Roth; per me Tris è un’altra delle eroine che è riuscita ad entrare nel mio cuore.
Ho sempre desiderato trovare come protagonista di un romanzo un personaggio femminile forte, coraggioso, determinato e da ammirare con il mio stesso nome. Fino ad ora non sono ancora riuscita a trovarlo, ma in compenso ho trovato un’autrice con il mio stesso nome che ha in sé tutto questo, tutto quello che io vorrei poter dire di avere. E alla fin fine i personaggi dei libri che leggiamo non sono altro che il riflesso dell’autore che decide di donarci la sua storia, la loro storia.

★ ★ ★ ★ ★
Wonderful. *^*

11 commenti:

  1. il problema è proprio l'essere d'accordo con la Roth ..cioè non è un vero e proprio problema, ma per noi lo è. cioè io amo quest'autrice perché mi ha regalato delle emozioni uniche che quasi nessun altro libro mi ha potuto regalare, mi sono sentita Tris in ogni momento, anche quando non avrei voluto; è inevitabile però odiare l'autrice per la pugnalata alle spalle nel finale, per le lacrime che mi ha fatto versare. non saprei da dove cominciare se un giorno riuscissi a parlare con la Roth, ma credo che le direi "grazie" e anche "complimenti". nessuno mi ha reso così orgogliosa di un personaggio, così come la Roth ha fatto con Tris.
    e comunque lo sappiamo tutti: il finale non è quello che i nostri cuori avrebbero voluto, ma era l'unico finale possibile. e ringrazio la Roth per avermi regalato delle emozioni così forti e contrastanti. grazie anche per il "Siate coraggiosi." finale, mi ispirerà per tutta la vita.

    RispondiElimina
  2. Quanto è bella l'ultima frase, Veronica. E' verissima :)

    RispondiElimina
  3. Non sono d'accorda :/
    Allegiant mi ha parecchio delusa.Cioè la trama si evolve abbastanza bene,però ho trovato molto fastidioso il fatto che fosse scritto sia dal punto di vista di Tris che di Tobias.

    RispondiElimina
  4. Non posso che concordare con te! Ho amato questa trilogia come non mai! Ogni singolo libro! Mi hanno trasmesso emozioni incredibili! E anche se il finale di Allegiant è un colpo al cuore, non ho mai condannato Veronica per la scelta che ha fatto, perché era l'unica scelta da fare per completare un percorso che Tris aveva iniziato in Divergent. Si fa subito a criticare, a non essere d'accordo, ma per fare una scelta narrativa del genere ci vuole del coraggio, e penso che pochi autori sarebbero stati in grado di farlo! Quindi è un valore aggiunto alla sua bravura! E non vedo l'ora di avere tra le mani Four per poter leggere il punto di vista di Tobias (anche se, inevitabilmente il pensiero andrà ad Allegiant, e si apriranno i rubinetti ç_ç ma va beh...) Grazie mille Veronica per questa meravigliosa saga che hai saputo creare! Sono personaggi che difficilmente dimenticheremo, anzi, occuperanno sempre un posto speciale nel nostro cuore.

    P.s. "Fino ad ora non sono ancora riuscita a trovarlo, ma in compenso ho trovato un’autrice con il mio stesso nome che ha in sé tutto questo, tutto quello che io vorrei poter dire di avere" I'm so proud to have the same name *^*

    RispondiElimina
  5. Quando mi deciderò a comprarmi la serie? Tutte le volte mi invento qualcosa e alla fine non la compro D:

    RispondiElimina
  6. Ho letto la serie e per un sacco di tempo non riuscivo a parlarne per come mi aveva ridotto il finale di questo maledetto libro. In generale la serie mi è piaciuta ma l'ultimo capitolo no, davvero, no.
    perché?!?!?! Questo è stato uno dei libri per cui non sono riuscita a leggere per una settimana.ho detto tutto XD

    RispondiElimina
  7. Ho amato questa saga *-*
    Ma che tristezza la fine.... ç___ç

    RispondiElimina
  8. Mi hai praticamente commossa! Io ho amato questa serie, lo sai. Ho adorato Tris e spesso, nonostante alcune scelte discutibili, l'ho invidiata anche un po' per il carattere. Non posso non condividere le tue parole, brava Vero ♥ hai scritto una bellissima non-recensione!

    RispondiElimina
  9. Allegiant è un libro molto più complesso di quello che da a vedere. Più in generale credo che proprio l'intera saga di Divergent sia molto più profonda di una semplice storia su una società futura.
    A partire già dallo stesso sistema delle fazioni, perchè la domanda è spontanea: tu cosa sei? tu chi sei? Nel personaggio di Tris c'è una buona dose di complessità, di coraggio e incoscienza, c'è anche altruismo sicuramente, ma c'è soprattutto conflitto fino alla fine (o quasi).
    Io personalmente l'ho apprezzata tantissimo, è una delle protagoniste meno scontate. Si può essere poi delusi o meno dalla scelta finale, ma anche qui io credo che i libri debbano dare messaggi, spesso anche forti e reali. E credo che la Roth lo abbia dato alla perfezione.

    RispondiElimina
  10. Ciao Vero :-* io ho letto solo divergent e mi ha colpito molto anche se mi aspettavo di piu ..prpbabilmente hai ragione a dire che l autrice ha dovuto presentare tutto il mondo distopico e i personaggi ma continuerò la serie perche sono curiosissima. La tua recensione poi mi ha emozinato davvero tanto *-* l hai scritta con tanto amore e ammirazione ..complimenti!!

    RispondiElimina
  11. Sfortunatamente mi è stato spoilerato il finale lo scorso anno e sono spaventata, non voglio leggerlo, arrivare alla fine di questa trilogia. Però sono d'accordo con te. Ho letto spesso di lettori delusi dal finale, da come la Roth ha approfondito e mosso i personaggi. Ma, ragazzi, lei è la scrittrice, i personaggi sono suoi e i personaggi (analizzandoli bene) avrebbero agito così. C'è una crescita, c'è complessità. Non capisco come sia possibile lamentarsi con tanta forza per il finale. Ok, la svolta tragica, ok, ci si aspettava altro, ok, MA è un finale coerente -secondo me. Quindi sono d'accordo sull'analisi che hai fatto di Tris e, chissà, magari leggerò finalmente Allegiant nonostante lo spoiler.

    RispondiElimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡