venerdì 31 ottobre 2014

CLOCK REWINDERS #22 - Ottobre 2014 + Happy Halloween!

• • •
Clock Rewinders è una rubrica settimanale mensile creata dai blog One book Bender e 25 Hour Books (io personalmente l'ho scoperta su storie dentro storie) e si presenta come una specie di riassunto del mese appena finito. Vi inserirò i post pubblicati questo mese sul mio blog, i libri che si sono aggiunti alla mia libreria, le mie letture e Rolling thought(s).
• • •

It's C-O-R-A-L-I-N-E.
This month on She was in Wonderland

Recensioni:
#1 Ten tiny breaths di K.A. Tucker
#2 Attraverso il fuoco di Josephine Angelini
#3 The One di Kiera Cass
#4 Black Ice di Becca Fitzpatrick

Iniziative:
READING CHALLENGE: Let's read in English #9 – Settembre
BLOGGER LOVE PROJECT [x x x x x x x]
BLOGTOUR: Infinito di Alessia Esse - Tappa #2


This month's new entries


• Acquistati: Mathilda di Victor Lodato (a-tre-euro), Wonder di R.J. Palacio, Teorema Catherine di John Green (grazie Bliss )
• Scambiati: Balthazar di Claudia Gray
• Ricevuti dalle Case Editrici: The One di Kiera Cass, Black Ice di Becca Fitzpatrick, Althea & Oliver di Cristina Moracho

This month's readings

• The Old Man and the Sea di Ernest Hemingway [ENG]
• The Book Thief di Markus Zusak [ENG]
 The Great Gatsby di F. Scott Fitzgerald [ENG]
• Infinito di Alessia Esse
• The One di Kiera Cass
• Althea & Oliver di Cristina Moracho
• Teorema Catherine di John Green
• Mathilda di Victor Lodato
• Black Ice di Becca Fitzpatrick
• Wonder di R.J. Palacio
• The Scarlet Letter di Nathaniel Hawthorne [ENG]
• I Watson di Jane Austen
• Musica per organi caldi di Charles Bukowski


This month's Rolling thought(s)


 Oh, there's an empty place in my bones / That calls out for something unknown / The fame and praise come year after year / Does nothing for these empty tears...

CE L'HO FATTA A PUBBLICARE!
Prima di tutto, HAPPY HALLOWEEN!! Ditemi tutto quello che avete fatto, se vi siete vestiti e da cosa, se avete visto travestimenti particolari e qualunque altra cosa vi venga in mente. Anche se avete cucinato biscotti e intagliato zucche - yep, everything.
Allora... sono qui con questo recap perché - oltre ad essere il consueto recap - volevo presentarvi i libri che ho adottato questo mese. Oggi doveva arrivarmi un pacco da Amazon ma ciao, è rimandato al mese prossimo. Non vedevo l'ora di, uhm, fangirlare un pochino con voi. Comunque, Novembre sarà un mese ricchissimo di uscite, quindi rimandiamo tutto a trenta giorni per un fangirlamento ancora più grande e assurdo e senza senso e assolutamente da ricovero.
Di nuovo, mi sento in dovere di chiedervi scusa scusa scusa se abbandono il blog. Il problema è che mi faccio mille problemi sul fatto che possiate mandarmi a quel paese perché vi siete scocciati di me. :( Ho mille idee per la testa ma per ora non riesco a realizzarne nemmeno una; mi piacerebbe fare dei video ma mi vergogno troppo, quindi non ci sperate X3 davvero, mi piacerebbe, ma no, vergogna. *corre a nascondersi*
Al momento è tutto, spero di pubblicare presto qualche altra cosa. Ah, se non ho ancora risposto alle mail: scusate, rimedierò. D:
BE HAPPY

lunedì 27 ottobre 2014

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 9 :) - Giveaway finale


18:00!
Ditemi, quanto siete curiosi di scoprire i titoli dei libri messi in palio?! èwè

GIVEAWAY FINALE
Ultima possibilità per avere una possibilità di vincere il ricco bottino che vi aspetta! I titoli sono sia in italiano che in inglese, cartacei ed ebook, per accontentare un pò i gusti e le preferenze di tutti.

CARTACEI IN ITALIANO
Obsidian di Jennifer L. Armentrout
Blu come gli incubi di L. Stolarz
Cupcakes a colazione di Nora Roberts
Implosion di M.J. Heron
Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo, Lo scontro finale di Rick Riordan

Il diario delle fate di Jane Yolen e Midori Snyder
Il sentiero dei profumi di Cristina Caboni


CARTACEI IN INGLESE
Reunited di Hilary Graham
The Selection di Kiera Cass
Arise di Tara Hudson

EBOOK IN ITALIANO
Half Bad di Sally Green
Unbreakable di Kami Garcia

Baciare uno sconosciuto in Central Park di Katy Regan
Città di Carta di John Green


EBOOK IN INGLESE
I’ll give you the sun di Jandy Nelson
A little something different di Sandy Hall
The theory of Everything di Kari Luna
The vanishing season di Jodi Lynn Anderson
Splintered di J.A. Howars
Alienated di Melissa Landers
Another little piece di Kate Karyus Quinn
To all the boys I’ve loved before di Jenny Han


GIVEAWAY
a Rafflecopter giveaway

Anche la seconda edizione del BLOGGER LOVE PROJECT è giunta al termine. Juliette, Mel e Mys, e io vi ringraziamo tantissimissimissimo. Speriamo vi siate divertiti, abbiate conosciuto nuovi blog e blogger e abbiate apprezzato tutte le attività che vi abbiamo proposto. Come sempre, fateci sapere la vostra opinione: c'è qualcosa che avreste cambiato o migliorato in queste due settimane? Attività che non vi hanno convinto del tutto o che vorreste riproponessimo in una eventuale terza edizione? Diteci tutto ciò che avete da dire, vi ascoltiamo. :D
AH! E questa sera alle 20:00 c'è la BLOGGER LOVE CHAT. c:

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 9 :) - Event Wrap-Up


Ciao a tutti c:
Oggi si conclude il BLP 2 dopo ben due settimane di attività, post, commenti e condivisioni.  *com’è passato subito il tempo* All’inizio dell’iniziativa - come di consueto - vi abbiamo chiesto di stilare una lista con gli obiettivi da raggiungere; ora è giunto il momento di tirare le somme e valutare quanto è stato fatto.

EVENT WRAP-UP
In questo post conclusivo ognuno tirerà le somme dell'iniziativa e farà un riassunto di ciò che è stato fatto in queste due settimane. Le vostre opinioni saranno importanti: vi è piaciuto l'evento? Avete raggiunto i vostri obiettivi?
  • to write write write reviews; [I CAN DO BETTER]
  • sistemare l’intestazione;
  • aggiornare il post e la pagina della rc; 
  • lasciare il commento per la frtr; 
  • sistemare la pagina who am i? / dtrh / reviews; 
  • aggiornare wishlist / prossime uscite; 
  • trovare siti per vendere i libri e inserire l’elenco; 
  • pensare alle due nuove rubriche; [FAIL]
  • farmi viva nella blogosfera; [UHM]
  • scoprire&seguire nuovi blog. [UHM]

Dico fin da subito che all’inizio del BLP sono partita benissimo :D poi, verso metà, mi sono tipo arenata per la mancanza di tempo e altro, ma sono decisissima a recuperare alcuni obiettivi anche se l’iniziativa è conclusa. 
Il mio obiettivo principale per quanto riguarda questa seconda edizione del BLP è stato quello di scrivere e pubblicare quante più recensioni possibili. Ne ho scritte quattro: non male, ma avrei potuto di gran lunga fare di meglio. Questo obiettivo, comunque, me lo porto dietro da un po’ di tempo e continuerà a farmi compagnia.
Ho aggiornato l’intestazione sostituendo i soffioni con le foglie, più autunnali *w* e ho messo uno sfondo. Non ne sono del tutto convinta, ma il bianco mi stava facendo ammattire e quindi ho deciso di farlo rimanere, anche perché mi ricorda la mia edizione di Alice.
Reading challenge aggiornata! Vi ricordo che, se non avete lasciato le vostre letture, potete ancora farlo. Inoltre, ho lasciato anche il commento per la FRTR, leggendo ben due libri consigliati da altri lettori.
Le pagine del blog sono tutte sistemate. Quella che mi premeva di più era la pagina delle recensioni, che ora è tutta carina carina. Volevo suddividere da tempo autori italiani e autori stranieri per fare più ordine, inserire una piccola legenda e le lettere a cui far riferimento per trovare subito l’autore desiderato.
Mi sono anche iscritta al mercatino di Deni e Leda inserendo i miei libri in vendita e la mia wishlist, e su Bookmoch (Veronica_). E sì, mi sono aggiornata sulle prossime uscite e ho sistemato la wishlist.
Non ho pensato alle due nuove rubriche. O meglio, a una ci ho pensato e alla fine l’ho bocciata (quella dei manga). Mi piacerebbe tantissimo, ma non voglio andare fuori tema. Comunque, fatemi sempre sapere cosa ne pensate.
Come ho scritto all’inizio di tutto questo blahblahblah, l’inizio del BLP per me è andato molto bene, sono riuscita a commentare diversi post e a unirmi a qualche blog che non conoscevo. Poi non sono più riuscita a mettere piede qui su Blogger, e mi sono persa tantissime cose. Nei prossimi giorni mi farò un bel tour grazie anche ai commenti che avete lasciato sul gruppo di fb, così da visitare tutti quei blog che ancora non conosco.
Come ultimo obiettivo fuori iniziativa mi ripropongo di recuperare tutti i commenti a cui non sono riuscita ancora a rispondere.

GIVEAWAY
Il giveaway finale consiste in un pacchetto di libri sia italiani che inglese, sia cartacei che digitali. Non dovete fare altro che compilare il form qui sotto ogni volta che l'iniziativa va avanti e partecipare alle attività. Potete compilarlo anche direttamente alla fine.
Il form sarà presente in ogni post, ma è possibile compilarlo anche in un blog diverso da quello che ospita la tappa.
Ovviamente, a più attività partecipate, più possibilità si hanno di portare a casa qualcosina. c:

a Rafflecopter giveaway

Ci vediamo alle 18:00 per scoprire i titoli messi in palio per il GIVEAWAY. *w*

sabato 25 ottobre 2014

RECENSIONE: Black Ice di Becca Fitzpatrick

Buon ora di pranzo a tutti :)
Mi spiace di non essere riuscita a postare nulla negli ultimi giorni/settimana, ma non ce l'ho proprio fatta. Quello che mi manca è il tempo, non di certo la voglia, e la cosa mi fa impazzire. >_< Ho iniziato a scrivere questa recensione tre giorni fa e sono riuscita a completarla solo ora. Buona lettura!

Black Ice
Black Ice di Becca Fitzpatrick

Editore: Piemme (7 Ottobre 2014)
Pagine: 356
Prezzo: € 16.90
Britt si è preparata per più di un anno a un trekking sul Teton Range. Quello a cui non era preparata, però, è scoprire che Calvin, il suo ex ragazzo e unico grande amore, si unirà a lei. Prima che Britt abbia tempo di esplorare i propri sentimenti, si scatena una terribile tormenta che la obbliga a rifugiarsi in una baita sperduta. Peccato che gli occupanti, entrambi giovani e molto affascinanti, siano anche due fuggitivi decisi a prenderla in ostaggio. Britt sa che la conoscenza dei sentieri e l'attrezzatura da trekking che ha con sé rappresentano la sua assicurazione sulla vita, e che deve solo resistere abbastanza a lungo perché Calvin la raggiunga, eppure... In una disperata corsa contro il tempo e il freddo, Britt scoprirà che sotto la neve si nascondono moltissimi segreti e che forse il suo rapitore, la cui gentilezza è decisamente seducente, non è quello che sembra.

My rolling thought
Dicono che quando una persona sta per morite, le scene della propria vita scorrano davanti gli occhi. Ma non dicono mai che quando una persona cara muore, e tu la vedi sospesa tra la vita e il dopo, è due volte più doloroso, perché ci si trova a rivivere due esistenze che hanno percorso un’unica strada insieme.
Black Ice è un grosso, grossissimo NO (immaginatemi mentre disegno una mega x nera su ogni pagina di questo libro). Per me, Becca Fitzpatrick è un grosso, grossissimo NO (ora immaginatemi mentre disegno una mega x nera su ogni pagina di ogni libro di Becca Fitzpatrick). Ho letto la sua serie precedente, la Hush Hush series, e non mi è piaciuta, ma credo nelle seconde possibilità e ho voluta darne una anche a Becca Fitzpatrick: genere diverso, un libro solo… perché no?
So di non essere un’esperta di thriller, anzi, credo di leggere più liste della spesa che thriller, ma sono quasi certa che un libro che si possa definire thriller, tra le sue caratteristiche, debba essere in grado di tenere incollati alle pagine, suscitare una sorta di curiosità e ansia rispetto a quello che sta succedendo, voler sapere a tutti i costi chi sia il colpevole anche a rischio di non chiudere occhio la notte. Beh, io non ho sentito la necessità di passare la notte in bianco e sono riuscita benissimo a chiudere il libro anche nel bel mezzo del capitolo, cosa che non faccio mai.
Black Ice è noioso. Tutti i tentativi di riuscire a dare vita ad una storia interessante e deviante non vanno a buon fine, non c’è tensione né sorpresa, si riesce a capire tutto anni luce prima che avvenga. Questo fallimento è avvalorato ancor di più dal fatto che l’autrice cerca di ricorrere alla Sindrome di Stoccolma. Di nuovo, questo non è assolutamente il mio campo quindi ho fatto delle ricerche perché non mi piace parlare a sproposito, e avendo avuto a che fare la materia riesco a destreggiarmi abbastanza bene in queste questioni per capire di cosa si sta parlando. Ci si riferisce alla Sindrome di Stoccolma come ad uno stato psicologico che si manifesta in seguito ad un episodio violento o traumatico, come ripetuti episodi di violenza fisica e verbale, a seguito del quale si instaura un rapporto di alleanza e solidarietà tra carnefice e vittima, il quale prova forti sentimenti di amore e dipendenza verso il primo (non mi sono fermata a Wikipedia, ma in poche parole questo è il sunto di tutto). Il punto è che in Black Ice è tutto molto fisico e per niente psicologico, e inoltre Britt, la protagonista, afferma per tre volte (se non me ne sono persa qualcun’altra, nel frattempo) che - molto probabilmente - è affetta dalla Sindrome di Stoccolma. Non credo che chi sia affetto dalla Sindrome sia in grado di capire di esserne realmente affetto; credo che chi si trovi in questa situazione abbia altro a cui pensare.
I personaggi di questo libro sono tutti assurdi. Oltre ad avere nomi imbarazzanti, non se ne salva nessuno semplicemente perché non hanno un po’ di sale in zucca. E’ sconcertante. Britt e Korbie, quella che lei definisce la sua “migliore amica da sempre”, letteralmente non si sopportano: sono gelose l’una dell’altra, sono in costante rivalità, ciò che dice o fa una irrita l’altra… perché-sono-amiche-mi-domando.
Tra tutti gli aspetti negativi di questo libro, non ho tollerato il fatto che a) l’unico pensiero di queste due ragazze sia stato “quanto sono sexy i miei salvatori/rapitori, poteva andarci peggio e ritrovarci con un uomo di mezza età grasso e pelato”, e b) “la mia intera esistenza si basa sul fatto che io sia nata femmina e non maschio, non ho mai dovuto alzare un dito in vita mia, non so come si fa una lavatrice, i miei genitori mi adorano e mi viziano e non si aspettano niente da me proprio perché sono una ragazza, la mia più grande fortuna” (ora immaginatemi mentre mi metto le mani tra i capelli). Assurdo, assurdo. Assurdo e sconcertante. Semplicemente non ce l’ho fatta: personaggi del genere, dichiarazioni del genere, non le tollero. E trovare autori, autrici, che presentano personaggi fatti di questa pasta - volutamente deboli, che aspettano di essere salvati, inerti - mi fanno solamente innervosire. No, grazie.
La vera ciliegina sulla torta è stato il finale: cioè, finisce così??? Si parla di rapimenti,  Sindrome di Stoccolma e puff, fine.
Comunque, il libro è scorrevole. Piatto, ma scorrevole.
A conclusione di tutto ciò, posso affermare che io e Becca Fitzpatrick non siamo sulla stessa lunghezza d’onda: quello che scrive non fa per me e la pensiamo diversamente, non credo di poterci fare qualcosa. Spero non se la prenda troppo a non avermi come lettrice, credo possa fare a meno di me. Non ce l’ho assolutamente con lei, è solo che mi sono stufata di leggere libri con simili premesse che poi sono solo un pretesto per mettere in scena il solito triangolo/la solita storia d’amore tra i tre/due soliti personaggi.

★ ☆ ☆ ☆ ☆
Yuck. >.<

martedì 21 ottobre 2014

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 6 :) - Guilty Blogger Tag + Crush Crush Crush


Veronica a rapporto!
Puntuale come un orologio svizzero - sia santificata la pianificazione di Blogger che mi permette di far pubblicate il post all’orario esatto così da farmi sentire particolarmente realizzata -, eccomi con il secondo post del DAY SIX del BLP. *coro da stadio* Questa volta ci sarà un doppio tag, e voi potete scegliere di fare l’uno o l’altro, oppure tutte e due, ma anche nessuno, non vedo perché no.


GUILTY BLOGGER TAG
Libri che praticamente tutti ti hanno consigliato ma che TU! (ovvero ME!) non hai ancora letto:


Mi piace chiedervi consigli di lettura, così, spassionatamente. Ogni volta che lo fate, mi proponete un vasto assortimento di titoli: alcuni li ho già letti, altri li conoscono e mi incuriosiscono, altri sono praticamente in wishlist da una vita. Tra tutti i titoli che mi proponete, però, ce ne sono due che, non so perché (ha ha, non è vero, lo so: se me li consigliate vuol dire che vi sono piaciuti!) fanno sempre capolino. Ovvero: POISON PRINCESS e BLACK FRIARS.
Non riesco mai a decidermi se leggerli o meno, se metterli in wishlist oppure no, qualunque cosa oppure no. Ci sto facendo un vero e proprio dubbio amletico. o.ò Probabilmente non mi sono ancora decisa perché del primo vorrei avere notizie certe sulla pubblicazione del seguito, così da decidere se prenderlo direttamente in lingua; del secondo forse mi spaventa la “mole” e il fatto che sia una serie conclusa. I really do not know.


crush crush crush
I got a lot to say to you, yeah, I got a lot to sayyy… cruuush, cruuush, cruuush… 
[Ma solo a me viene in mente Crushcrushcrush dei Paramore? è-è]

Credo che questo tag non abbia bisogno di spiegazioni: c o t t e letterarie! L’ho già fatto un paio di volte in diverse occasioni, ma una rinfrescatina alla memoria non fa mai male. Suvvia, non fatemi dilungare sulla SPIEGAZIONE del PERCHE’ sto per scrivere i seguenti nomi. Oh! Per rendere più vario il tag ho deciso di scrivere anche i nomi delle eroine che AMO spudoratamente, quelle che vorrei essere e quelle che non vorrei essere per niente date le circostanze, ma di cui ammiro la forza, la tenacia e la badassitudine.

MALE CHARACTERS: Sam (Shiver), Magnus (TMI), Will (TID), Chaol (Throne of Glass), Finnick (Hunger Games), Seth (Wicked Lovely) Four & Uriah (Divergent), Levi (Fangirl), Adam (If I stay), Etienne (Anna and the French Kiss), Cricket (Lola and the Boy Next Door), Roar & Perry (Under the Never Sky), Fear (Some Quiet Place), Warner (Shatter Me), Ron & Harry & Neville & Sirius & Dobby (Harry Potter).

FEMALE CHARACTERS: Puck (The Scorpio Races), Celaena (Throne of Glass), Katniss (Hunger Games), Tris (Divergent), Cath (Fangirl), Lola (Lola and the Boy Next Door), Aria (Under the Never Sky), Juliette (Shatter Me), Hermione & Luna  & Ginny (Harry Potter).

Ora le vostre crushcrushcrush. 

GIVEAWAY
Il giveaway finale consiste in un pacchetto di libri sia italiani che inglese, sia cartacei che digitali. Non dovete fare altro che compilare il form qui sotto ogni volta che l'iniziativa va avanti e partecipare alle attività. Potete compilarlo anche direttamente alla fine.
Il form sarà presente in ogni post, ma è possibile compilarlo anche in un blog diverso da quello che ospita la tappa.
Ovviamente, a più attività partecipate, più possibilità si hanno di portare a casa qualcosina. c:

a Rafflecopter giveaway

Anche il DAY SIX è giunto al termine. Vi do appuntamento al DAY SEVEN e... HAVE FUN!

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 6 :) - Like This, Try This


Salve-salvino partecipanti al BLP c:
Da mercoledì non sono riuscita a mettere, ehm, piede nella blogosfera e mi sono persa un sacco di vostri post c.c però non mi sono dimenticata che oggi è il DAY SIX, quindi vi farò compagnia con le attività in programma. Questa prima parte mi piace un sacco, quindi COMINCIAMO-COMINCIAMO-COMINCIAMO. >_<

LIKE THIS, TRY THIS
Consigli, consigli, consigli! Il LIKE THIS, TRY THIS (se ti piace questo, prova questo) consiste nel consigliare un libro in base a un altro libro, a un film o a un telefilm/serie tv. E io vi consiglio:

ONCE UPON A TIME or GRIMM » FAIRYTALE RETELLINGS (Jackson Pearce)
La serie Fairytale Retellings è costituita da quattro libri: Sisters Red, Sweetly, Fathomless e Cold Spell. Da noi è stato pubblicato solo il primo volume con il titolo Cacciatrici e mi è piaciuto molto (BLOODY HELL. Scusate, volevo metterlo da qualche parte per forza.). Non capisco perché abbiano interrotto questa serie, so solo che mi dispiace tanto e che vorrei proseguire nella sua lettura. Ve la consiglio perché così come OUAT e GRIMM prendono spunto dalle fiabe e dalle loro diverse versioni per crearne una nuova, allo stesso modo Jackson Pearce propone la sua.



SAILOR MOON » THE LUNAR CHRONICLES (Marissa Meyer)
Stavo per consigliare la serie di Marissa Meyer insieme a quella di Jackson Pearce, ma poi mi sono detta… FERMA UN ATTIMO! *si accende la lampadina* SAILOR MOON! Il fatto che anche questa serie riproponga le fiabe (in una veste distopica) è lampante, ma l’autrice stessa ha affermato di aver preso spunto dall’opera di Naoko Takeuchi e chi sono io per contraddirla?! Per me l’ispirazione a Sailor Moon c’è e si vede. *w* Vi lascio le mie recensioni e un’approfondimento sulla serie: x x x.



THE UNINVITED » L’ESTATE DEI SEGRETI PERDUTI (E. Lockhart)
Mi sono imbattuta nel film The Uninvited (remake) un paio di anni fa e ne sono rimasta… uhm, scioccata? Colpita? Comunque, mi è piaciuto un sacco perché mi ha fatto andare in palla il cervello. Quando ho letto il libro di E. Lockhart [x] non ho potuto fare a meno di pensare a questo film; non posso dirvi di più perché mi addentrerei in un discorso abbastanza difficile ovvero SPOILER, ma credetemi, l’effetto è praticamente lo stesso.



LA STELLA NERA DI NEW YORK » UNA GRANDE E TERRIBILE BELLEZZA (Libba Bray)
Chi conosce Libba Bray? Quanti l’hanno conosciuta con La stella nera di New York e quanti con Una grande e terribile bellezza? Io l’ho conosciuta con il primo, ma l’avevo già sentita nominare per la sua precedente trilogia. Questi libri sono fantastici, e lo affermo pur avendo letto solo il primo libro della trilogia (che fa molto primo libro ma, ehi, l’ho adorato lo stesso). La stella nera di New York è ambientato negli anni ’20, Una grande e terribile bellezza nell’età vittoriana; entrambi presentano protagoniste eccessive e fuori dagli schemi, personaggi ben caratterizzati e una storia dettagliata e originale. Leggeteli, perché sono fantastici!


Questi sono i consigli che oggi ho per voi. :D Ho cercato di darmi un limite (che all’inizio era tre) per non blaterare troppo, però sono molto soddisfatta di quello che sono riuscita a fare. Non vedo l’ora di leggere tutti i vostri consigli e scoprire come ha lavorato la vostra mente *w* aaaah, quanto mi piace questa attività!


GIVEAWAY
Il giveaway finale consiste in un pacchetto di libri sia italiani che inglese, sia cartacei che digitali. Non dovete fare altro che compilare il form qui sotto ogni volta che l'iniziativa va avanti e partecipare alle attività. Potete compilarlo anche direttamente alla fine.
Il form sarà presente in ogni post, ma è possibile compilarlo anche in un blog diverso da quello che ospita la tappa.
Ovviamente, a più attività partecipate, più possibilità si hanno di portare a casa qualcosina. c:

a Rafflecopter giveaway

Per ora passo e chiudo. A più tardi. c;

mercoledì 15 ottobre 2014

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 3 :) - 10 consigli per i nuovi blogger


friendly reminder: POST INTRODUTTIVO + 1° TAPPA [x], 2° TAPPA [x x].

10 CONSIGLI PER I NUOVI BLOGGER
Molto spesso mi capita di ricevere mail da parte di lettori che mi chiedono consigli su come gestire un blog, sia esso letterario o meno. Mi scrivono chiedendomi consigli sulla grafica, consigli su come scrivere una recensione, consigli su quali rubriche adottare, consigli su come e da dove iniziare a leggere in lingua, e chi più ne ha più ne metta. Quando ricevo questo tipo di mail mi sento sempre onorata, e cerco di aiutare chi mi scrive nel mio piccolo e con sincerità. Partendo dal presupposto che io in prima persona avrei bisogno di consigli perché mi sento davvero molto piccola in questo grande mondo chiamato Blogger, sono riuscita a mettere insieme 10 consigli per i nuovi blogger o a tutti coloro che hanno intenzione di aprire un blog nel prossimo futuro, facendo ricorso alla mia esperienza e a ciò che mi scrivono.
  1. L’INIZIO E’ SEMPRE IL MOMENTO (PIU’ O MENO) DIFFICILE. Ho aperto il blog nel momento stesso in cui mi sono iscritta a Blogger; questo per dirvi che non seguivo nessun altro blog prima di aprire il mio, non conoscevo nessuno e non ero conosciuta da nessuno. Nei primi post ho parlato praticamente da sola, ma pian piano - unendomi ai blog che sentivo vicini ai miei gusti e lasciando commenti - sono arrivati i primi lettori. Morale: non abbattetevi alle prime difficoltà, ma continuate ad impegnarvi con passione nella cura del vostro angolino e gli sforzi verranno ripagati.
  2. LA (TEMUTA) GRAFICA. Oddio, sicuramente non sono la persona più adatta a parlarvi di grafica, ma nel 90% delle mail che ricevo mi scrivete chiedendomi come se ne realizza una. L’avrò detto mille volte, ma lo ripeto: sono una frana con i codici html, la mia grafica la realizzo con paint e pasticciando con i modelli di Blogger. Se siete bravi con photoshop e con i codici html vi invidio tanto di guadagnato, sarete sicuramente in grado di capire cose a me ancora sconosciute; ma se siete incapaci come me ricordatevi che le belle cose sono anche quelle più semplici, e l’originalità ripaga sempre. Questo è il consiglio che do sempre. c:
  3. Il consiglio numero tre è SIATE VOI STESSI, che è strettamente legato al consiglio numero quattro:
  4. NON SCOPIAZZATE. Come ho detto nel consiglio numero due, l’originalità paga sempre: imitare qualcosa è spiacevole sia per chi lo fa sia per il vero autore. Quando si scrive un post o si realizza una grafica, inevitabilmente esce fuori qualcosa della personalità dell’autore (che è anche uno dei motivi per cui si decide di aprire un proprio blog: dare voce ai propri pensieri); riportare qualcosa di qualcun altro… è inutile, no?
  5. REVIEW TIME. Va da sé che scrivere la recensione di un libro che è piaciuto tanto nella stra-grande maggioranza dei casi non è difficile (poi se fate parte della cerchia di coloro che credono di non essersi riusciti ad esprimere come vorrebbero - anche se non è vero -, è un altro discorso ps: ho scritto discurso alla spagnola D: il mio cervello si sta fondendo. Comunque non sto parlando a sproposito, tranquilli, questo sarà il punto per un altro consiglio), scriverne una negativa è sempre spiacevole. Il mio consiglio è questo: se un libro non vi è piaciuto, non c’è motivo di mentire e scrivere il contrario. L’importante, o almeno quello che considero importante, è non offendere mai l’autore, ma cercare di dare consigli costruttivi spiegando per bene cosa non vi ha convinto e perché. Gli autori sono persone come noi, e hanno bisogno di noi lettori per crescere e migliorare.
  6. ERRORI/ORRORI. Rileggo i miei post all’infinito, li imparo quasi a memoria. Il fatto è che gli errori di battitura ci sono sempre. Se poi siete come me che scrivete una cosa, la cancellate, la riscrivete, magari la tenete in sospeso o decidete di “spostarla”, sicuramente qualcosa che non quadra ci sarà. Rileggere ciò che è stato scritto è cosa buona e giusta, così non passiamo per ignoranti per via degli errori di distrazione. (Vi parla una che pensa in tre lingue diverse e si ritrova a confondere senza volere consonanti sorde con quelle sonore… il più delle volte. .-.)
  7. RUBRICHE-RUBRICHE-RUBRICHE. Esistono milioni e milioni di rubriche in cui parlare di libri. Ve ne piace una in particolare ideata dal blog x e vorreste pubblicarla anche sul vostro blog? Sono sicura che chiedendo il permesso, riceverete una risposta positiva. Fa sempre piacere che una rubrica di nostra invenzione venga adottata da un altro blog, ma fa ancora più piacere la correttezza dell’altra persona.
  8. LET’S KEEP IN TOUCH! Che poi è quello che molti di voi fanno scrivendo per email (ma anche sugli altri social network). :D Come ho scritto nell’introduzione al post, è sempre bello ricevere mail da parte dei lettori, di qualunque tipo esse siano. Richieste di consigli, chiacchiere, un semplice saluto, un sos… è bello sapere che qualcuno ha pensato a te e ha dedicato un po’ del suo tempo scrivendoti. *w*
  9. Quindi NON SIATE TIMIDI! Aaaaaah ha ha, ve lo dice una che lo è e che si fa tremila milioni di problemi a contattare qualcuno, anche solo a lasciare un piccolo commenti in quei blog che - purtroppo - spesso si leggono solo senza mai poter lasciare un pensiero per qualunque motivo. Però è ovvio che nessuno mangia nessuno, siamo sempre tutti carini e coccolosi e amorevoli e gentili e con qualche rotella fuori posto. *sparge fiori* (Ogni cosa in questa stanza è commestibile, persino io lo sono... Però quello si chiama cannibalismo, miei cari ragazzi, e infatti è disapprovato in molte società! - cit.)
  10. E poi DIVERTITEVI! Sicuramente questo è il punto più importante. c;
Spero di esservi stata di aiuto con questi piccoli consigli. >///< Devo confessarvi che all’inizio ho guardato il foglio di pages con un’espressione tipo -> o.ò e ora cosa scrivo? Non sono brava a dare consigli.
Non so se quello che ho scritto vi sarà utile, se forse considerate il tutto una marea di cavolate… per altri consigli vi consiglio (che gioco di parole v-v) di leggere i post di tutti coloro che hanno deciso di partecipare all’attività (sono sicura che ci sono :D) perché un consiglio fa sempre bene! Possiamo anche aprire una piccola parentesi FAQ qui sotto nei commenti, in cui tutti possono chiedere e rispondere. :3


GIVEAWAY
Il giveaway finale consiste in un pacchetto di libri sia italiani che inglese, sia cartacei che digitali. Non dovete fare altro che compilare il form qui sotto ogni volta che l'iniziativa va avanti e partecipare alle attività. Potete compilarlo anche direttamente alla fine.
Il form sarà presente in ogni post, ma è possibile compilarlo anche in un blog diverso da quello che ospita la tappa.
Ovviamente, a più attività partecipate, più possibilità si hanno di portare a casa qualcosina. c:

a Rafflecopter giveaway

Anche il secondo post di questa terza giornata è stato portato al termine. Spero vi siate divertiti anche oggi e che scusiate tutto il mio blah blah blah - effettivamente ho scritto troppo. Io vi saluto e vi do appuntamente per la prossima tappa sul blog di Juliette. BYE! c:

BLOGGER LOVE PROJECT 2, DAY 3 :) - Share your (blogger) love: Favourite non-bookish blogs


Ciao a tutti. :3
Oggi il blog ospita la terza tappa del BLOGGER LOVE PROJECT. Come sta procedendo? Vi state divertendo? Speriamo di sì. c: Se vi siete persi le prime due tappe (non credo v-v), eccovi un friendly reminder: 1° TAPPA [x], 2° TAPPA [x x] + POST INTRODUTTIVO.
Il primo post di oggi è un tag, per l'esattezza: SHARE YOUR (BLOGGER) LOVE: FAVOURITE NON-BOOKISH BLOGS. Direi di iniziare, no?


FAVOURITE NON-BOOKISH BLOGS
Non seguo blog che non parlano di libri. °-° Ohmygod, what a shame. Ce ne sono giusto un paio che fanno *eccezione*… posso recuperare anche con gli altri social network!?

UN CIELO DI PENSIERI di Anto (questa ragazza scrive che è una meraviglia);
A CLACCA PIACE LEGGERE di Clacca (se valgono i fumetti);
DAYDREAM DESIGN di Denise (adoro farmi del male guardando le grafiche di Deni e pensare che io non sarò mai brava quanto lei);
FEDERICA’S DIY’S di Federica (ci ho messo una vita per capire che significa ‘diy’, ha ha .-.);
GIULIO MACAIONE di Giulio Macaione (autore di Ofelia e tante altre cose carine);
SAY ADIEU TO YUE di Yue (se valgono i fumetti, again).

ANASTASJIA LOUISE (adorable );
FRANNERD di Fran (adoro come disegna *w*).

Ripeto, what a shame. Avete dei blog da consigliarmi, sulla base di quelli che vi ho segnalato? Se sì fatemelo sapere, ve ne sarò riconoscente a vita.




GIVEAWAY
Il giveaway finale consiste in un pacchetto di libri sia italiani che inglese, sia cartacei che digitali. Non dovete fare altro che compilare il form qui sotto ogni volta che l'iniziativa va avanti e partecipare alle attività. Potete compilarlo anche direttamente alla fine.
Il form sarà presente in ogni post, ma è possibile compilarlo anche in un blog diverso da quello che ospita la tappa.
Ovviamente, a più attività partecipate, più possibilità si hanno di portare a casa qualcosina. c:

a Rafflecopter giveaway

Questo per il momento è tutto, aspetto i vostri commenti e i vostri post. Ci vediamo alle 18:00 con la seconda attività della giornata. c:

martedì 14 ottobre 2014

RECENSIONE: The One di Kiera Cass

Good evening to everyone c:
Vi scrive una Veronica raffreddata, del tipo vorrei staccarmi naso, gola, testa, occhi per avere un po' di pace e di tranquillità. Nonostante questo, mi sono messa a scrivere la recensione di The One. E' una recensione strana, stranissima, oserei dire che non è nemmeno una recensione. Non so perché ultimamente mi escono così, non capisco perché questa è così strana... ma lo è e vi chiedo scusa. Però divertitevi a leggerla, credo che questo sia stato il mio obiettivo, in fondo in fondo.


The One
The One di Kiera Cass

Editore: Sperling & Kupfer (9 Settembre 2014)
Pagine: 324
Prezzo: € 16.90
La Selezione che ha cambiato per sempre la vita di trentacinque ragazze sta per concludersi. E l’emozione e la confusione del primo giorno, quando America Singer ha percorso la scalinata del Palazzo, sono ormai solo un ricordo. Di certo America non avrebbe mai immaginato di arrivare così vicino alla corona, o al cuore del principe Maxon. Eppure per lei non è stato facile. Divisa tra i suoi sentimenti per Aspen, guardia a Palazzo e suo primo amore, e la crescente attrazione per Maxon, ha dovuto lottare con tutta se stessa per essere dov’è ora. A un passo dalla fine della Selezione, America però non può più permettersi incertezze. Deve scegliere. Prima che qualcuno lo faccia per lei.




My rolling thought
Spezzami il cuore. Spezzamelo mille volte, se vuoi. E’ sempre stato tuo perché ne facessi ciò che volevi.
The One: terzo ma non più ultimo capitolo della serie The Selection (seguiranno infatti altri due volumi, The Heir e Untitled), arricchita da quattro novelle raccolte in due libri. Quando lessi la notizia, prima di leggere il libro, non sapevo se esserne felice o meno - probabilmente meno, sicuramente meno: le cover sono assurdamente fantastiche (ne voglio altre mille così), ma il contenuto?!
Psss, non riassumo la trama per ovvi motivi. SPOILER, vade retro.
Nella recensione a The Elite conclusi scrivendo che mi sarei riservata una stellina per questo libro. Volete un’anticipazione? Non ci sarà nessuna una stellina. Il fatto è che Kiera Cass (sì, Kiera, proprio tu) ha qualche super-potere; non so ancora quale sia, non so ancora in cosa consista, ma ce l’ha, statene certi. Per quanto possa essere assurdo lo svolgimento della trama, per quanto possa essere superficiale l’attenzione data ai dettagli, per quanto possa essere insopportabile America… sono arrivata alla conclusione che a me piace leggere questa serie. Okay, The Elite consideriamolo solo come lo scivolone più grande tra tutti gli scivoloni di questa serie, ma The One mi ha intrattenuta allo stesso modo di The Selection.
Credo che ognuno di noi abbia quella serie che, pur non brillando per genialità o fantasia, continua a leggere per il semplice gusto di leggerla, che lo fa perché vuole intrattenersi, divertirsi, leggere senza pensieri. Ecco, ho capito che per me tutto ciò si riassume in: The Selection series. La The Selection series a) mi intrattiene, b) mi diverte, c) mi fa leggere senza pensieri. E io mi sto divertendo un mondo a scrivere questa pseudo-recensione senza senso.
L’aspetto positivo di questi libri è che si leggono molto, molto velocemente. Da un lato è un bene perché America è insostenibile, ma dall’altro rimane tutto su un piano fin troppo superficiale (superficiale is the key word). Con questo terzo volume, infatti, i tanti desiderati approfondimenti sulla natura distopica del romanzo non arrivano e tutte quelle che potrebbero sembrare spiegazioni, se ci sono, rimangono delineate solo nelle loro caratteristiche generali. Le scene finali, quelle prime dell’epilogo, sono allucinanti, lasciatemelo dire. Non solo sono troppo rapide, ma anche buttate lì. Forse, se fossero state più lente, calcolate, studiate, curate, non sarebbero stato nemmeno tanto male. (Avevo pronosticato tre cose, e le ho azzeccate tutte.)
Sui personaggi principali ho pochissimo da dire perché non riesco ad apprezzarli nel modo in cui Kiera Cass vuole che io faccia. Adoro America perché non la sopporto in ogni sua più piccola molecola, ma mi ha divertita perché non è cambiata per niente. America, sei la Regina dell’indecisione e dell’“ho bisogno di un po’ di tempo per pensarci”. In fondo in fondo mi piace quello che fai e ciò che dovresti rappresentare, ma è tutto così studiato che risulti fredda e impersonale. … Maxon e Aspen, chi?!
L’unica che apprezzo davvero è Celeste. Quando non trovo nessun personaggio che riesca a piacermi alla follia, mi butto sempre dalla parte dei cattivi con la speranza che riescano in qualche modo a svegliare la loro controparte. Celeste è magnifica, vorrei essere come lei, e in The One è l’unica a capire qualcosa di se stessa in seguito a l’intero processo della Selezione. Vorrei tanto delle novelle su di lei.
Insomma, non c’è nulla di nuovo da aggiungere per quanto riguarda questa serie, solo che sono riuscita a capire che è diventata la mia serie passatemposcacciapensieri. Se le cose fossero andate diversamente fin dall’inizio, sarebbe potuta diventare una delle mie serie preferite, ma l’intero approccio è stato sbagliato, troppo traballante e… superficiale fin dall’inizio (non riesco ancora a togliermi dalla testa il fatto della serie tv).
Questa volta non posso concludere consigliandovi questa serie, e nemmeno di dare un’opportunità ai seguiti se il primo non è riuscito a convincermi perché ne riconosco tutti i difetti del mondo.
Rispondendo ora alla domanda che mi sono fatta in seguito alla notizia della pubblicazione di altri libri: ho letto un piccolo spoiler su The Heir rilasciato dalla Cass; la cosa mi incuriosisce, *spero* si riveli in grado di evolverla non dico in modo originale, ma almeno in relazione agli standard dei libri già pubblicati.

★ ★ ★ ☆ ☆
Good. :)