lunedì 31 marzo 2014

CLOCK REWINDERS #15 - Marzo 2014

• • •
Clock Rewinders è una rubrica settimanale mensile creata dai blog One book Bender e 25 Hour Books (io personalmente l'ho scoperta su storie dentro storie) e si presenta come una specie di riassunto del mese appena finito. Vi inserirò i post pubblicati questo mese sul mio blog, i libri che si sono aggiunti alla mia libreria, le mie letture e Rolling thought(s).
• • •

This month on She was in Wonderland


Recensioni:
#1 Shatter Me, Unravel Me, Ignite Me, Unite Me (Destroy Me & Fracture Me + Juliette's Journal) di Tahereh Mafi
#2 The Elite di Kiera Cass

Rubriche:
» Chi ben comincia...
#17 Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole
» Books in the world
#22 Panic di Lauren Oliver, The Program di Suzanne Young, Pulse di Patrick Carman

Iniziative:
READING CHALLENGE: Let's read in English #2 - Febbraio
BLOGGER LOVE PROJECT :) - Introduzione&Iscrizioni


This month's new entries

NOTA: non so dove sono finiti i miei libri per via del trasloco quindiii non appena li trovo ve li mostro. o.ò

Ricevuti dalle Case Editrici: Prodigy di Marie Lu, Allegiant di Veronica Roth
Acquistati: It di Stephen King, Quando eravamo giovani di Charles Bukowski, Rapture di Lauren Kate
Rubati a vari membri della famiglia approfittando del trasloco: Quattro dopo mezzanotte di Stephen King, I racconti del mistero di Edgar Allan Poe, Musica per organi caldi di Charles Bukowski, Shakespeare non l'ha mai fatto di Charles Bukowski


This month's readings

The Elite di Kiera Cass
L'uomo in fuga di Stephen King
The Goddess Test di Aimée Carter [ENG]
Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole
Prodigy di Marie Lu
Allegiant di Veronica Roth
Goddess Interrupted di Aimée Carter
Matilde di Roald Dahl






This month's Rolling thought(s)

VERONICA FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE + CHIACCHIERE LIBROSE
Onestamente non so bene da dove cominciare, quindi vado dritta al sodo: vorrei fare molto di più per il blog ma non ci riesco mai MAI M-A-I. Lo so che è da un pò di tempo che lo dico e che forse sto diventando noiosa, ma lo voglio dal profondo del mio cuore e il (?) CR di questo mese non ha fatto altro che ri-sbattermi in faccia quanto poco io stia facendo (solo due recensioni, DUE in TRENTUNO giorni!). Questo "poco" però non è assolutamente dovuto alla mia pigrizia, questa volta non c'entra niente, ma agli impegni-imprevisti che non mancano mai e allo studio. Però sono convinta di una cosa: se mi organizzo posso essere più produttiva, magari perdo anche meno tempo (per preparare un post ci metto una vita è_é). Ho tanta voglia di fare e spero di riuscirci, però non voglio, uhm, affolarmi? affogarmi? precipitarmi? sommergermi? Insomma, non voglio diventare matta cercando di star dietro a tutto! Di sicuro non ve ne frega niente ma volevo condividere i miei pensieri profondi con voi. v.v
I miei libri sono imprigionati
in questi scatoloni brutti&cattivi. T^T
Ne avevo fatto uno con tutti i libri da leggere
e i nuovi acquisti ma mia nonna ha
mischiato tutto. >_>
Ti voglio bene, nonna. 
Ora passiamo a qualcosa di più carino&piacevole. :D Vi parlerò dei libri che ho adottato questo mese! Ne ho ricevuti due dalle CE, e che libri! Allegiant e Prodigy: il primo l'ho amato e odiato e amato, il secondo è riuscito a convincermi più del primo libro della serie. Il 1^ Marzo ho acquistato It, così, in un momento di raptus folle. Lo leggerò, perchè voglio leggerlo. Poooi ho preso anche un libro di poesie di Bukowski, e ne vado fiera: durante il trasloco, ho fregato gli altri due titoli a mio fratello ed ora sono diventati ufficialmente miei. Dagli spezzoni che ho letto, questo autore potrebbe piacermi e io non vedo l'ora di conoscerlo. Ultimo libro acquistato è stato Rapture. Per finire la serie - che non disdegno ma non mi piace nemmeno alla follia - mi mancava solo questo e così l'ho preso. Ma il modo in cui ne sono entrata in possesso mi fa andare in brodo di giuggiole (? ma che dico?): giovedì, per tornare a casa, sono andata in stazione centrale (di solito vado all'altra) e mi sono fatta un giretto alla piccola libreria che c'è e... c'erano dei mega cartelloni con il 50% e l'80% di sconto! Sono ammattita lì dentro, ma alla fine ho preso solo Rapture perchè ero già carica di libri e altro e stavo facendo tardi. Durante il trasloco, inscatolando delle cose in sala, ho trovato Quattro dopo mezzanotte: mi si sono illuminati gli occhi. Avevo King a casa e nemmeno lo sapevo?! E' una raccolta di racconti, tra cui c'è Finestra segreta, Giardino segreto, di cui ho visto il film l'anno scorso con Johnny Depp.  E' stata una cosa fantastica trovare questo libro perchè il film mi è piaciuto e volevo leggere il racconto. Seconda raccolta trovata (da mio fratello) è stata quella di Poe, il mio amato Poe. Ormai ho trecentomilionimiliardi di libri di Poe, ma anche questo è diventato mio perchè sì. Posso darvi un consiglio? Frugate bene in casa vostra, potreste trovare delle cose interessanti. u_u Ah, alla fine King si è rivelato essere di mamma che, candidamente, mi ha detto: "ah, sì, me lo sono comprato un sacco di anni fa perchè volevo una lettura interessante:" A pensarci bene sarei dovuta arrivarci da sola, lei che vedeva Nightmare, L'esorcista e che mi ha iniziata ai film di Tim Burton.

domenica 23 marzo 2014

BLOGGER LOVE PROJECT :) - Introduzione&Iscrizioni


Welcome back to everyone c:
Oggi sono qui per presentarvi un'iniziativa super-bellina ideata da JULIETTE (Sweety Readers) che è stata così carina-e-gentile da coinvolgere anche MEL&MYS (The Bookshelf) e me nella sua organizzazione. Ormai conoscete tutti le iniziative di Juliette: sono fantastiche e curate in ogni dettaglio, e lei è un vero vulcano di idee. E poi conoscete già anche Mel&Mys, il loro fantastico blog e i loro post unici&divertenti. Beh, ci conoscete, questo è ovvio, quindi passo a descrivervi in cosa consiste l'iniziativa. ^w^
Nell'ultimo periodo, e più di prima, mi capita di non avere molto tempo a disposizione da dedicare non solo a questo piccolo blog ma anche ai blog che seguo. E' una situazione triste&fastidiosa, che mi fa sentire una persona brutta&cattiva, ma gli impegni sono quelli che sono e non si può fare finta di non averli. Ci ritroviamo un pò tutti in questa situazione, vero? Nasce così il BLOGGER LOVE PROJECT, un'iniziativa volta a dedicare un pò più di tempo ai nostri blog e ai blog che seguiamo, e a diffondere l'affetto e l'amore che proviamo nei confronti dei nostri blog preferiti nella blogosfera.

BLOGGER LOVE PROJECT
Il BLP è un'iniziativa della durata di 3 giorni in cui ognuno di noi cercherà di dedicare più tempo al proprio blog e ai blog che si seguono. Per ciascuna giornata sono state pensate delle mini-sfide a cui possono partecipare tutti, blogger e lettori, e alla fine delle tre giornate ci sarà un giveaway in cui verrà estratto un fortunato vincitore tra tutti i partecipanti.
Potete seguire l'iniziativa non solo su Blogger, ma anche sulle pagine Facebook e Twitter.

CHI PUO' PARTECIPARE
Al BLP possono partecipare tutti: blogger e lettori.
I blogger possono dedicarsi al loro angolino e fare tutto ciò che normalmente non si riesce a fare o si rimanda sempre (scrivere recensioni rimaste in arretrato, realizzare una nuova grafica, scrivere post che si ha sempre voluto scrivere ma che non si ha mai avuto il tempo necessario per farlo, rispondere a tag simpatici trovati in giro e salvati nel pc, rispondere ai commenti, operare delle piccole modifiche, ecc.)
I lettori invece possono visitare tutti i blog che seguono, lasciare commenti, scovare nuovi blog, offrire suggerimenti e consigli.

COME FUNZIONA
Ognuno dei tre blog ospiterà una tappa dell'iniziativa. Essa si svolgerà durante tutto l'arco della giornata e sarà articolata in tre parti costituite da mini-sfide e proposte a cui i blogger possono parecipare scrivendo direttamente sui propri blog e i lettori commentando i post. Più si partecipa, più possibilità si ha di vincere il giveaway.

PROGRAMMA

DAY 1 - 4 APRILE » Sweety Readers
Ore 9:00/12:00 - Let's get started!
I blogger possono condividere gli obiettivi che intendono raggiungere e ciò che si ha intenzione di fare durante tutta l'iniziativa.
I lettori invece possono condividere su Facebook e su Twitter le mini-sfide alle quali vogliono partecipare, i blog ai quali si vuole dedicare più tempo o esprimere qualsiasi pensiero riguardo l'iniziativa stessa.
Ore 14:00/18:00 - Mini-sfida #1: Book Spine Poetry
Ogni partecipante dovrà comporre una poesia utilizzando i titoli riportati sui dorsi dei propri libri (cartacei), scattare una foto e postarla o sul proprio blog o su Facebook e Twitter usando l'hashtag #BloggerLoveProject. Le poesie migliori, originali e creative riceveranno due ebook a sorpresa.
Ore 17:00/0:00 - Following Chain
Unica regola: io seguo te, tu segui me. Ogni partecipante potrà visitare e/o lasciare un commento su un qualsiasi blog (che si segue da tempo o che si è appena scoperto) e il blog visitato dovrà ricambiare visitando quello del blogger che ha lasciato il commento.
I lettori potranno invece dedicarsi ai loro blog preferiti o scoprirni di nuovi.

DAY 2 - 5 APRILE » The Bookshelf
Ore 9:00/12:00 - Mini-sfida #2: Letter to your former/future self
Consiste nello scrivere una lettera al se stesso del passato o del futuro.
Se si sceglie di scrivere al se stesso del passato, si possono dare consigli, scrivere di ciò che avreste fatto o che non avreste fatto, del modo in cui il blog e la lettura vi ha cambiato nel corso del tempo, dei vostri momenti preferiti, iniziative e sfida a cui avete partecipato e di cui avete un buon ricordo.
Se si sceglie di scrivere al se stesso del futuro, si possono dare consigli, suggerimenti, idee su cui lavorare, buoni propositi da mantenere e obietti da raggiungere.
L'autore della lettera più bella, simpatica o originale riceverà tre ebook.
Ore 14:00/18:00 - Share your (blogger) love!
Quattro ore interamente dedicate ai vostri blog preferiti. Potete parlare di qualunque cosa: come-quando-perchè avete iniziato a seguirli, delle recensioni o delle rubriche che seguite e amate di più, delle grafiche che vi sono piaciute di più, and so on.
I blogger possono scrivere un post sui propri blog e i lettori commentare i post e/o su facebook e twitter usando l'hashtag #BloggerLoveproject.
Ore 17:00/0:00 - Tag Time: 10 ragioni per cui ami essere un blogger/lettore
Il tema dice tutto! Anche questa volta i blogger possono scrivere un post e i lettori lasciare un commento.

DAY 3 - 6 APRILE » She was in Wonderland
Ore 9:00/12:00 - Mini-sfida #3: Bookish Playlist
L'obiettivo della sfida è condividere una playlist ispirata ad un libro, una serie, un personaggio, un'ambientazione o qualsiasi altra cosa legata al mondo dei libri. Non ci sono limiti sul numero di canzoni o di playlist.
Se siete dei blogger potete scrivere un post con la playlist, se siete dei lettori potete commentare i post o creare la vostra lasciando un commento su facebook o twitter usando l'hashtag #BloggerLoveProject.
Ore 14:00/18:00 - Event Wrap-Up
In questo post conclusivo ognuno tirerà le somme dell'iniziativa e farà un riassunto di ciò che è stato fatto in questi tre giorni. Le vostre opinioni saranno importanti: vi è piaciuto l'evento? avreste cambiato o migliorato qualcosa? Avete raggiunto i vostri obiettivi?
Ore 17:00/0:00 - Giveaway finale
Ultima possibilità per avere una possibilità di vincere!

RICAPITOLANDO...
3 giorni
3 blog
3 mini-sfide
tante iniziative
tanti premi
tanto amore

ISCRIZIONI
Le iscrizioni sono aperte durante tutta l'iniziativa.
In questo modo potete essere sempre aggiornati, ricevere mail sull'iniziativa stessa e comparire nella lista dei blog partecipanti.
Il form è molto semplice: basta inserire nickname, mail e, se volete, le condivisioni (che sono sempre le benvenute per diffondere l'iniziativa!) e seguire le nostre pagine.




• • •

Questo è tutto! c:
Se avete domande o dubbi scriveteci pure e cercheremo di aiutarvi. Speriamo che l'iniziativa vi piaccia e che partecipiate in tantissimi! ^w^ Vi aspettiamo esattamente fra 12 giorni sul blog di Juliette. :D BYE!

martedì 18 marzo 2014

BOOKS IN THE WORLD #23: Panic di Lauren Oliver, The Program di Suzanne Young, Pulse di Patrick Carman

Buon martedì gente c:
Come va? Innanzitutto una premessa doverosa: IL BLOG HA UNA NUOVA GRAFICA! Vi piace? Gli scoiattolini vi salutano e mi dicono che gli mancate ma si sono meritati una vacanza quindi al loro posto sono arrivati due nuovi amici che amo tantissimo e che già conoscete. :3 Nonostante stessi pensando al cambio di grafica già da un pò di tempo, ieri mi è venuta l'ispirazione (sarà stato il bel tempo, boh) e mi sono messa a lavoro! Ci ho messo pochissimo e non sono andata in crisi come le altre volte, quindi credo che ci farà compagnia per moooolto tempo. Volevo uno sfondo con i fiori e alla fine ne ho trovato uno che sta benissimo con l'header, e poi i colori che ho scelto per i titoli e le altre cose mi piacciono tanto. *w* Insomma, sono fiera di me.
Oggi sono riuscita a preparare anche un nuovo post di Books in the World con tre nuovi libri :D mi sono accorta solo ora che sono tre distopici e che iniziano tutte e tre per P... non l'ho fatto apposta, è stata una cosa casuale!

• • •
Books in the world è una rubrica in cui parlerò dei libri pubblicati in altri paesi che però non sono ancora stati tradotti da noi. Vi illustrerò le trame dei libri che mi hanno colpito di più e, perchè no, se il titolo vi interessa particolarmente potrei anche leggerlo e recensirlo per voi in attesa di una traduzione italiana.
Le trame sono interamente tradotte da me.
• • •

Panic
di Lauren Oliver

Panic comincia così come tante cose che si fanno a Carp, una città senza uscita di 12.000 persone nel bel mezzo del nulla: perchè era estate e non c’era nient’altro da fare. Heather non ha mai pensato che avrebbe gareggiato a Panic, un gioco leggendario giocato da laureandi, in cui la posta in gioco è alta e il guadagno lo è ancora di più. Non aveva mai pensato a se stessa come ad un'intrepida, il tipo di persona che avrebbe combattuto per distinguersi. Ma quando scopre qualcosa, e qualcuno, per cui combattere, si renderà conto di essere più coraggiosa di quanto pensi.Dodge non è mai stato spaventato da Panic. Il suo segreto lo alimenterà e lo aiuterà durante tutto il percorso attraverso il gioco, è sicuro di questo. Ma quello che non sa è che lui non è l’unico ad avere un segreto. Ognuno ha qualcosa per cui giocare.Per Heather e Dodge, il gioco porterà nuove alleanze, rivelazioni inaspettate, la possibilità del primo amore per ciascuno di loro - e la consapevolezza che a volte le cose che temiamo sono quelle di cui abbiamo più bisogno.


The Program
di Suzanne Young
Nel mondo di Sloane i veri sentimenti sono proibiti, il suicidio tra adolescenti è un'epidemia e l'unica soluzione è il Program. Sloane sa bene di non dover piangere davanti a nessuno. Con il suicidio ora diventato un'epidemia internazione, uno sfogo potrebbe farla approdare al Program, l'unico trattamento approvato. I genitori di Sloane hanno già perso un bambino; Sloane sa che farebbero di tutto per mantenerla in vita. Sa anche che tutti coloro che sono passati per il Program ritornano come una tabula rasa. Perchè la loro depressione è andata via - ma anche i loro ricordi.Sotto costante sorveglianza a casa e a scuola, Sloane indossa un sorriso impavido e tiene i suoi sentimenti sepolti il più profondamente che può. L'unica persona con cui può essere se stessa è James. Le ha promesso di tenerli salvi e lontani dal trattamento, e Sloane sa che il loro amore è abbastanza forte da resistere a tutto. Ma nonostante le promesse che si sono fatti l'un l'altra, diventa sempre più difficile nascondere la verità. Entrambi stanno diventando più deboli. La depressione si sta insinuando. E il Program sta arrivando per loro.


Pulse
di Patrick Carman

Nell'anno 2051, chi ha un impulso?
Con l'aiuto del suo misterioso compagno di classe Dylan Gilmore, Faith Daniels scopre che può muovere gli oggetti con la mente. L'abilità telecinetica è chiamata "impulso" e anche Dylan ha questo dono.In avvincenti scene d'azione, Faith manifesta la sua abilità ad usare il suo impulso contro un gruppo di padroni della telecinesi che sono così potenti da poter abbattere i loro nemici sradicando lampioni, lanciando massi e modificando la traiettoria di un martello scagliato così da farlo diventare un'arma mortale. Ma anche con il suo insolito dono, la mente - e il cuore - possono essere difficili da controllare. Se Faith vuole unire le forze con Dylan e salvare il mondo, deve riuscire a controllare il potere di entrambi.La trilogia Pulse di Patrick Carman è un trionfo stupendo ed epico del potere della mente - e dell'amore.




• • •

Allora :D tutti e tre i libri sono nella mia wish list ma con priorità diverse. Sicuramente ho una voglia matta di leggere Panic di Lauren Oliver, il suo ultimo libro uscito pochissime settimane fa. E' uno stand-alone e spero che rimanga tale e credo che prima o poi (più prima che poi) ci metterò le mani su. Ci sono buone probabilità che venga pubblicato anche dalla Piemme, penso. Qualcuno ha già  chiesto? Altrimenti provo io. u.u
Il secondo libro è The Program di Suzanne Young, uscito l'anno scorso, il cui seguito, The Treatment, è previsto per il prossimo mese. Sinceramente non so se si concluda qui o ci sia un altro libro ma credo ce ne sia un altro... un pò a intuito. Per molti mesi mi ha ispirato davvero tanto ma oggi, rileggendo la trama, trovo ci sia qualcosa di non propriamente convincente. Lo so, mi contraddico da sola, ma nel dubbio ve ne parlo lo stesso. Magari qualcuno l'ha letto e può dirmi qualcosa in più! :3
L'ultimo libro è Pulse di Patrick Carman e fin dalla prima volta che ne ho visto la cover non posso fare a meno di collegarla a quelle della serie Divergent. Voi no? Comunque. Come dice la trama stessa è una trilogia, il secondo volume Tremor è uscito a Febbraio e l'ultimo è ancora top secret. Dalla trama non sono riuscita a farmene un'idea molto precisa ma la telecinesi e i "poteri della mente" mi ispirano parecchio. Che ne dite? Vi ispira qualcuno di questi titoli? :D Love.

giovedì 13 marzo 2014

CHI BEN COMINCIA #17: Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole

Buona sera di nuovo c:
Sono appena tornata a casa dopo aver visto a lezione Once Upon A Time, la puntata con Cappuccetto Rosso! Amo questa serie (almeno la prima stagione, poi non sono andata oltre... ma vabbè, proverò a recuperarla v.v) e questa professoressa e il fatto che ci faccia vedere serie tv e film a gogo (nel programma c'è anche una puntata di Grimm, Cappuccetto Rosso Sangue, Beauty and the Beast, King Kong e di sicuro qualcos'altro che ora non ricordo). Non è fighissimo?! *^*
Coooomunque. Come vi avevo accennato ieri, ecco la rubrica che ho preparato! Non potevo saltarla di nuovo perchè la ADORO e poi volevo presentarvi il libro che sto leggendo proprio ora. Quindi, ENJOY!



Chi ben comincia... è una rubrica ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri e consiste in poche, semplici regole:

• Prendere un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
• Copiare le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
• Scrivere titolo e autore per chi fosse interessato
• Aspettare i commenti




Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole

1. ELSPETH

Urbana, Illinois, USA
5 marzo 1912

Gentile Signora, 
spero che non mi giudicherà un impudente se, con questa mia, intendo manifestarle la mia più viva ammirazione per il suo libro Da un alto nido d'aquila. Non sono un cultore della poesia, lo ammetto: è più facile sorprendermi a rileggere la mia copia malconcia di Huck Finn o una storia densa d'avventure estreme o di pericoli mortali. Eppure qualcosa nei suoi versi mi ha toccato come non accadeva da anni.
Nell'ospedale in cui mi trovo, ho tratto più conforto dal suo libriccino che dalle infermiere, specie da quella coi baffi, identica a mio zio Phil; anche lei mi ha toccato come non accadeva da anni, però in modo assai meno esaltante. Assillo i medici perché mi lascino uscire, così da poter tornare alle mie imprese – giusto la settimana scorsa ho dipinto di blu il cavallo del rettore e avevo in animo di riservare lo stesso trattamento al suo terrier – ma, quando ho tra le mani il suo libro, sono contento di rimanere qui. Almeno finchè continueranno a portarmi le gelatine di frutta.
Molti suoi versi esortano a calpestare le paure della vita e a salire sulle vette che ci si parano davanti. Forse avrà intuito che poche cose mi sconvolgono nel profondo (a parte l'infermiera baffuta e il suo invadente termometro)... Tuttavia scrivere una lettera così, al buio, a un'autice affermata come lei... ecco, mi sembra la cosa più audace che io abbia mai fatto.
Spedisco questa missiva al suo editore, a Londra, e terrò le dita incrociate nella speranza che essa giunga fino a lei. Se mai potrò ripagarla per i suoi testi così ispirati - dipingendo il cavallo di qualcuno, per esempio -, dica solo una parola e io sarò al suo servizio.
Con sconfinata ammirazione,
DAVID GRAHAM

• • •

Questo libro mi ha sempre ispirato fin da quando è uscito. Purtroppo non l'ho mai trovato in libreria quindi ho dovuto sempre rimandare la sua lettura però circa due mesi fa ho dovuto fare un ordine da un catalogo e me lo sono ritrovato davanti. Come potevo non prenderlo? Era lì, davanti ai miei occhi che diceva "Veeeeronicaaa, adottaaaamiii". c: E poi lo sto leggendo perchè è un titolo consigliato nella from Reader to Reader di Deni. :D Sono a metà e mi sta piacendo molto-del-tipo-so-già-che-soffrirò-tantissimo-e-la-fine-mi-farà-piangere-perchè-ho-già-capito-come-andranno-le-cose. Voi l'avete letto? Vi è piaciuto? Vorreste leggerlo? TELL ME.

mercoledì 12 marzo 2014

RECENSIONE: The Elite di Kiera Cass

Buona sera bellini c:
E' una settimana che non scrivo nulla, che cattiva. v.v Il fatto è che questo è un periodo un pò frenetico per me e sto cercando di fare tutto quello che devo e che mi piace fare. E' dura, ma ce la sto facendo e spero di continuare a farcela. Oggi vi lascio questa recensione :D volevo scrivervela questo fine settimana ma riflettendoci bene non so se ce l'avrei fatta, quindi mi sono imposta di farlo oggi nonostante il mal di testa da post-esame. Non è una recensione positiva, ma spero vi piaccia lo stesso. Per domani ho già preparato una rubrica - visto che brava? - quindi, se volete farmi un altro salutino, vi accolgo con piacere. :3

The Elite
The Elite di Kiera Cass

Editore: Sperling&Kupfer (28 Gennaio 2014)
Pagine: 299
Prezzo: € 17.90
Trentacinque ragazze. Così era cominciata la Selezione. Un reality show che, per molte, rappresentava l'unica possibilità di trovare finalmente la via di uscita da un'esistenza di miseria. L'occasione di una vita. L'opportunità di sposare il principe Maxon e conquistare la corona. Ma ora, dopo le prime, durissime prove, a Palazzo sono rimaste soltanto sei aspiranti: l'Elite. America Singer è la favorita, eppure non è felice. Il suo cuore, infatti, è diviso tra l'amore per il regale e bellissimo Maxon e quello per il suo amico di sempre, Aspen, semplice guardia a Palazzo. E più America si avvicina al traguardo più è confusa. Maxon le sa regalare momenti di pura magia e romanticismo che la lasciano senza fiato. Con lui, America potrebbe vivere la favola che ha sempre desiderato. Ma è davvero ciò che vuole? Perché allora ogni volta che rivede Aspen si sente trascinare dalla nostalgia per la vita che avevano sognato insieme? America ha un disperato bisogno di tempo per riflettere. Mentre lei è tormentata dai dubbi, il resto dell'Elite però sa esattamente ciò che vuole e America rischia così di vedersi scivolare via dalle dita la possibilità di scegliere... Perché nel frattempo la Selezione continua, più feroce e spietata che mai.

My rolling thought
L'amore è una bellissima paura.
America è riuscita a passare la prima fase della Selezione, entrando a far parte dell'Elite. Da trentacinque ragazze aspiranti future spose del principe Maxon, il numero si è ridotto a sei e il reality show più seguito da tutto il regno di Illèa prosegue. La competizione si fa sempre più difficile e le ragazze vengono messe a dura prova: la bellezza e la grazia ora non bastano più, bisogna anche ricevere il consenso del popolo, dimostrare di saper organizzare eventi importanti e intrattenere gli ospiti, e dedicarsi a opere per il bene della collettività. Ma America non deve adempire unicamente alle richieste che le vengono fatte dal Re e dalla Regina. Il suo cuore, infatti, è sempre diviso tra Maxon e Aspen ed entrambi la amano al di sopra di ogni altra cosa.

Non è che mi abbia fatto schifo (oddio, mi sento male ad usare questo termine per un libro), ma The Elite non mi è piaciuto. Ho iniziato la sua lettura con tutte le buone e migliori intenzioni - a dire il vero avevo proprio voglia di leggerlo - ma ne sono rimasta parecchio delusa. Pur non brillando per originalità, ero riuscita ad apprezzare abbastanza The Selection, tra elementi interessanti e diversi aspetti negativi. Essendo questo il secondo libro della una serie, mi aspettavo un salto di qualità da parte dell'autrice... ma niente. Sono piuttosto arrabbiata con Lady Kiera perchè non è riuscita a sfruttare un'idea che, onestamente, mi piace tantissimo. Questo libro l'ho trovato un disastro, una confusione totale, non per quanto riguarda lo svolgimento della storia, ma per America.
La trama è molto semplice da seguire... e scontatissima e banalissima. Avrebbe potuto evolversi in mille-milioni di modi diversi, ma la Cass non ne sceglie nemmeno uno, anzi!, temporeggia. Ogni qualvolta ci sarebbe potuta essere una svolta significativa nella narrazione, viene tutto risolto semplicisticamente e si ritorna al punto di partenza. Forse uno dei problemi di questo libro è proprio questo: non ci sono nuovi scenari o colpi di scena eclatanti, non c'è mordente, e ci si ritrova a leggere per inerzia. Anche quelle piccolissime cose che potrebbero interessare il lettore alla fine non fanno colpo, perchè tanto ormai si sa già come andrà a finire. Mi sono ritrovata molte volte in questa situazione ed è un vero peccato, perchè ero rimasta incuriosita da determinate situazioni e eventi.
Ciò che magari avrebbe potuto dare una spinta alla situazione sono i ribelli. Avrebbero potuto, ma non lo fanno. Non capisco che ribelli siano (lasciando da parte la loro distinzione in Nordisti e Sudisti): attaccano il palazzo, okay; rubano delle cose che in questo libro ricoprono un ruolo fondamentale, okay; ma vogliono uccidere la famiglia reale? Vogliono far valere i loro diritti? Stanno combattendo per le ingiustizie che comporta la suddivisione in caste? Non è difficile immaginarlo da sè, ma i fatti non sono chiari; ogni volta che c'è un attacco a palazzo America si nasconde e vaneggia e l'unico contatto diretto tra lei e i ribelli evapora nell'aria, una delle occasioni perse di cui ho scritto prima.
Mettendo da parte quello che non mi ha convinto della trama, non mi è piaciuto nemmeno il modo in cui la Cass ha caratterizzato i suoi personaggi. Alla luce di quello che avevo letto in The Selection, ho voluto provare a dare una seconda opportunità a tutti, sperando migliorassero un pò, ma la mia opinione su di loro è andata ancora più in basso, per quanto sia possibile. Per quanto Maxon sia carino&coccoloso (lo ribadisco mille volte) e fermo sui suoi sentimenti, l'ho trovato poco risoluto e deciso. La sua disponibilità nei confronti di America è ammirevole, e anche la sua tenacia, ma è umanamente impossibile avere tutta questa pazienza nell'aspettare e aspettare e aspettare e ancora aspettare America. E Aspen, oh Aspen, lui non sono riuscita a digerirlo fin dall'inizio, è un personaggio con dei principi e una morale che non condivido. Il triangolo ci sta tutto, lo vuole la trama e il tipo di storia. Avrebbe potuto essere un triangolo fantastico e appassionante, con America, una ragazza che partecipa alla Selezione per il bene della sua famiglia ma che poi vede nascere in sè dei sentimenti forti per il principe, che si ritrova divisa tra l'amore per quest'ultimo e il suo amico d'infanzia, Aspen, che la raggiunge a corte. Detta così non sembra una storia interessante che potrebbe conquistare con poco? E invece è assurdo come viene descritto e portato avanti il tutto, con America che si getta ora tra le braccia di Maxon e ora tra quelle di Aspen, a seconda di come le gira. E si fa mille-milioni di problemi quando invece il suo unico problema è... lei stessa!
Forse sarò stata un pò troppo dura, un pò troppo breve e un pò troppo imprecisa in questa "recensione", ma questo libro ha messo davvero a dura prova i miei nervi. L'idea di base mi piaceva - e mi piace (ribadisco anche questo) - molto ma a questo punto credo che la serie tv sarebbe stata di gran lunga migliore (perchè l'hanno cancellata?! c.c). L'avrei guardata con piacere perchè il film o la serie tv non rispecchiano quasi mai il loro equivalente cartaceo e quindi, forse, avrebbero fatto faville con un plot del genere e, magari, con qualche altra mente che non fosse stata quella dell'autrice. Mentre leggevo, immaginavo come sarebbero potute andare le cose e la mia fantasia/immaginazione era di gran lunga migliore (di nuovo) di quella della Cass.
In conclusione, The Elite è un libro che a mio parere abbassa di gran lunga la qualità di questa serie. Se prima l'avrei definita "non originale ma tutto sommato una lettura abbastanza piacevole per passare il tempo", ora la definirei "una serie in cui l'autrice non rende giustizia alle sue idee e si dà la zappa sui piedi con una protagonista insopportabile".
Assegno due stelline semplicemente perchè leggerò anche The One (titoli poco spoilerosi, eh?), e mi riservo una sola stellina per quest'ultimo. No, scherzo: spero sia almeno allo stesso livello di The Selection. Comunque, come ogni volta che scrivo una recensione non proprio positiva, vi invito sempre a provare in prima persona perchè quello che non piace a me potrebbe piacere a voi. c:

★ ★ ☆ ☆ ☆
Meh. :/

giovedì 6 marzo 2014

RECENSIONE: Shatter Me, Unravel Me, Ignite Me, Unite Me (Destroy Me & Fracture Me + Juliette's Journal) di Tahereh Mafi

Buon primo-pomeriggio, guys. c:
Come state? Dopo aver passato un momento bello-brutto-tutto-sommato-bene-potrebbe-andare-peggio, alterno stati di gioia a stati di tristezza assoluta dovuti allo studio. Sono incavolata, e tanto, perchè ieri il professore ci ha fatto *gentilmente* sapere che mercoledì vuole farci fare il parziale e io non-capisco-un-accidente-di-quello-che-c'è-scritto-sul-libro. v_____v Non lo sa che io devo leggere e scrivere per il blog e farmi gli affaracci miei!? Comunque oggi mi sono imposta di scrivere questa recensione; non una rubrica, non una recensione a caso, proprio questa, perchè volevo farlo. ENJOY. c:

Shatter Me, Unravel Me, Ignite Me, Unite Me [ENG]
(Destroy Me & Fracture Me + Juliette's Journal)
di Tahereh Mafi

Editore: Harper (15 Novembre 2011 / 4 Febbraio 2014)
Pagine: 338, 461, 416, 240
Prezzo: € 7.16, 6.96, 6.55, 6.32
Io ho una maledizione. Io ho un dono. 264 giorni segregata in una cella. Senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perchè ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella sua cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perchè Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così come è. Insieme progettano la fuga, alla ricerca di un mondo che non la consideri più nè un'arma nè un mostro, ma una persona speciale, che con il suo potere può fare la differenza.

My rolling thought
... Un uccello bianco con sfumature d'oro come un corona sulla sua testa.
Rileggere Shatter Me è stato un esperimento. Di solito non rileggo (quasi) mai i libri che ho già letto ma questa volta ho voluto farlo per approcciarmi alla vera-Tahereh-Mafi e per ridare un pò di colore ai ricordi sbiaditi dal tempo che avevo di questo libro. Avevo anche un pò di paura che non mi sarebbe piaciuto come la prima volta, ma è stata una bugia bella e buona: ho amato Shatter Me ancora e ancora e ancora. Questa volta ho cercato di fare più attenzione ai dettagli, ai personaggi, allo stile della Mafi che in alcuni punti mi è sembrato una vera e propria poesia: le parole avevano una loro musicalità, lette in un certo modo, e sono riuscite a trascinarmi ancora di più nella mente di Juliette. Ho cercato di sondare meglio Adam e Warner: per il primo non c'è stato niente da fare, la scena nella doccia mi ha fatto arrossire e battere il cuore esattamente come la prima volta, invece Warner ha iniziato timidamente a farsi strada nella mia mente. QUI comunque c'è la mia recensione completa, che condivido ancora a distanza di più di un anno.

Destroy Me è stata una vera e propria illuminazione ed ha decisamente segnato l'inizio della mia ossessione per Warner. In Shatter Me l'avevo odiato, odiato sul serio, ma questo odio era dovuto più al suo modo di agire che alla costruzione del suo personaggio. Perchè è impossibile negarlo: al di là di tutto, Warner è un personaggio affascinante e costruito alla perfezione, che in qualche modo riesce a suscitare dei sentimenti e delle emozioni, positive o negative che siano. Questa novella mi è piaciuta tantissimo e l'aspetto che mi ha colpito di più è stato lo stile della Mafi, che è diversissimo da quello di Shatter Me. In Shatter Me la protagonista è Juliette, e lo stile della Mafi rispecchia tutta la sua fragilità, solitudine e speranza; in Destroy Me il protagonista è Warner, e tutto è ordinato, chiaro e deciso, come lui. Vengono alla luce aspetti del suo carattere che in Shatter Me non avevano avuto modo di emergere, un'umanità tenuta ben nascosta e celata agli occhi degli altri, e il piccolo racconto della storia della sua vita è stato triste e straziante, così come vederlo leggere il diario di Juliette. Non ho letto molte novelle, ma questa è sicuramente LA mia preferita.

Nonostante con Shatter Me sia stato amore, è stato un amore incompleto. Unravel Me invece è stato AMORE PURO, SEMPLICE, PERFETTO & INCONDIZIONATO. IO-AMO-QUESTO-LIBRO (*vi dichiaro marito e moglie, può baciare la sposa*). Unravel Me va avanti, si evolve, e prende strade del tutto inaspettate e per niente scontate. La trama si fa più ricca e dettagliata rispetto a quella che era in Shatter Me e c'è tutto-TUTTO: momenti d'azione e mometi in cui il romanticismo è alle stelle (*coff* CAPITOLO 62 *coff*). I personaggi crescono e maturano, subiscono una trasformazione radicale, e le idee che avevo su di loro si sono necessariamente ribaltate. Adam viene messo un po' da parte ma le scene che lo vedono coinvolto insieme a Juliette sono fondamentali e mettono in luce tantissime cose che non mi sarei mai aspettata di leggere su di lui. Juliette&Warner invece sono PERFETTI INSIEME, perfetti in un modo che Juliette&Adam non sono e non sarebbero mai stati. Si completano a vicenda: lei è l'unica che riesce a vedere oltre le apparenze e lui è l'unico che riesce a comprendere la sua sofferenza (*coff* CAPITOLO 62, again *coff*). Tahereh Mafi, sei assurdamente geniale e bravissima. ... Un attimo, e Kenji dove lo mettiamo?! Go, Kenji! Mi sei piaciuto tantissimo, più di Adam.

Fracture Me è una novella breve, brevissima, che in circa sessanta pagine non aggiunge nulla di nuovo alla storia... ma ad Adam sì. Come per Destroy Me, in cui abbiamo la possibilità di approfondire meglio Warner, in Fracture Me Tahereh Mafi ci offre la possibilità di vedere Adam sotto un punto di vista nuovo, diverso, che non sia quello di Juliette. Potendolo finalmente osservare con i miei occhi, mi sono resa conto che l'idea di Adam il bravo ragazzo, dolce, gentile e innamorato di Juliette era solo un'illusione. Non metto in dubbio che il suo amore per lei sia stato in qualche modo vero e non solo una finzione, ma credo che sia stato più come un'ancora di salvezza, qualcosa a cui appigliarsi per non andare alla deriva. Adam agisce e si muove per istinto di sopravvivenza, per proteggere, difendere e tenere al sicuro l'unica famiglia che gli è rimasta, James, il fratellino che ama tanto. Non mi sento di criticarlo o di biasimarlo, tutti proteggeremmo le persone che amiamo, ma Adam, se hai amato Juliette come dici di aver amato perchè fai quello che fai? Per dirla con le parole di Lauren Oliver: "Se sei intelligente, ti sta a cuore. E se ti sta a cuore, ami."

Dopo aver finito Unravel Me e Fracture Me, il solo pensiero di dover aspettare l'uscita del paperback di Ignite Me mi metteva l'ansia. Mi sono buttata quindi sull'ebook. Non leggo ebook, lo sapete, ma io DOVEVO leggere in qualche modo Ignite Me. L'ho divorato sul cellulare. E' difficile dire qualcosa di sensato su questo libro perchè, come Unravel Me, è PERFETTO ALL'ENNESIMA POTENZA, solo che è l'ultimo volume della serie, quindi E' ANCORA PIU' PERFETTO DELLA PERFEZIONE STESSA. Juliette&Warner ormai mi hanno fatto completamente capitolare, Kenji&James hanno fatto breccia nel mio cuore, Adam invece ha perso tanti punti. Confrontando Shatter Me e Ignite Me, tutti loro sono irriconoscibili. Soprattutto Juliette, che ora è una vera e propria badass: sa cosa vuole e quello che deve fare e non ha paura di farlo, combattere e porre per sempre fine alla Restaurazione. E al suo fianco ci sono Warner e Kenji. Ignite Me è ancora più intenso e infiammato di Unravel Me. Si ha la consapevolezza che è la fine, e si spera che tutto vada come deve andare. Per un attimo, alla fine, ho trattenuto il fiato, poi l'ho lasciato andare.

Tirando le somme, Shatter Me è diventata una delle mie serie preferite e Tahereh Mafi una delle mie scrittrici preferite. La storia è unica, adrenalinica, da batticuore, e la Mafi è stata bravissima nel creare dei personaggi che durante tutto l'arco della storia crescono in un modo impressionante e percepibile pagina dopo pagina. Sono personaggi complessi, di cui non si riesce a cogliere la loro totalità subito, ma che si fanno conoscere pian piano, maturando appunto. E come ho detto prima, il suo stile è incantevole: è musica e poesia. Ora sarà difficilissimo lasciar andare tutti loro (oh mamma, xxxxx Perfection Warner, I LOVE YOU! *A*), non credo di volerlo fare!, perchè è stato tutto così bellissimo che mi piace ripensare a loro e alla loro storia e alle loro parole.
Voi dovete leggere i seguiti di questa serie, dovete leggere Unravel Me e Ignite Me e Unite Me, perchè ve lo meritate ed è un vostro diritto. Fatelo in inglese, se potete, perchè è scritto in uno stile semplice e lineare. E poi leggere la vera-Tahereh-Mafi è ancora più emozionante. Nel frattempo attenderò nel mio angolino buio la pubblicazione del suo prossimo libro.
Voglio che tu faccia una lista di tutte le tue cose preferite e io voglio esserci.
★ ★ ★ ★ ★
Wonderful. *^* 

domenica 2 marzo 2014

READING CHALLENGE: Let's read in English #2 - Febbraio

INTRODUZIONE&ISCRIZIONI

Buon pomeriggio e buona domenica, ragazzi. :3
Anche Febbraio si è concluso catapultandoci direttamente in un nuovo mese che spero sia ricco di letture belle sia in inglese che in italiano. ^w^ Sono qui, quindi, per fare con voi un nuovissimo recap di questa primissima Reading Challenge del blog! YAY
Prima di andare avanti, ho riflettuto su due cose:
a) credo di aver fatto un casino nella pianificazione dei post! Nel senso che il post di recap che riguarda le letture viene postato all'inizio del mese successivo in cui vengono svolte le letture stesse (ehm... avete capito?!). ESEMPIO: le letture di Febbraio vengono commentate all'inizio di Marzo. Diciamo che a volte sono convinta di questa scelta, altre volte un po' meno, ma ormai è andata e dobbiamo farcelo andare bene! Ricordatevi quindi di lasciarmi i link delle letture svolte questo mese non in questo recap, ma nel prossimo, e così via. Chiaro? Ditemi di sì, non so come spiegarmi meglio. c.c
b) la vostra partecipazione alla Reading Challenge mi rende ogni giorno sempre più felice però ho notato che alcuni degli iscritti, il mese scorso, non hanno lasciato il loro commentino con le letture svolte. Ovviamente è possibilissimo che non abbiate letto nulla e/o non vogliate partecipare più, però è probabile anche che abbiate perso il post di recap. Ho deciso quindi di:
- inviarvi una mail ogni qual volta pubblicherò il recap per avvisarvi; 
- creare una paginetta riepilogativa della Reading Challenge (potete trovarla QUI, ovvero tra le pagine del blog).

Oh, una cosa che mi è appena venuta in mente: potete&dovete (ovviamente se volete) lasciarmi tutti i link delle vostre recensioni o i vostri commenti di tutti i libri in lingua che avete letto. Avete letto dieci libri? Non fatevi problemi, anzi! E' un vantaggio per voi e per tutti coloro che sono magari interessati a quel titolo e che quindi andranno a leggere il vostro commento. Insomma, non-fatevi-problemi.

Fatti questi piccoli chiarimenti (come sono noiosa), direi di passare oltre. :D Vi ricordo di commentare lasciando:
  • il titolo e il nome dell'autore del libro;
  • la valutazione (da 1 a 5 stelline);
  • un breve commento senza spoiler in cui esprimete il vostro parere;
  • il link ad una eventuale recensione;
  • le difficoltà che avete incontrato durante la lettura, se ne avete avute.


5 STARS
... Warner. *A*
Veronica's READINGS

Shatter Me di Tahereh Mafi || Unravel Me di Tahereh Mafi || Ignite Me di Tahereh Mafi
Unite Me (Destroy Me & Fracture Me + Juliette's Journal) di Tahereh Mafi

Il mese scorso avevo detto che Febbraio sarebbe stato il mese di Tahereh Mafi, tant'è che ho proposto la sua serie come Book(s) of the Month. Avevo anche detto che non avrei letto Ignite Me perchè dovevo aspettare l'uscita del paperback (manca circa un mese, comunque!) ma... non ce l'ho fatta e l'ho letto in ebook. Ora voi sapete che io ODIO gli ebook, quindi va da sè rendersi conto che se Veronica legge un ebook c'è qualcosa che non va. Beh, io AMO Tahereh Mafi e AMO questa serie. AMO Warner, Juliette e Kenji. Mi fermo qui perché in settimana scriverò una mega-recensione! Dal punto di vista linguistico, pensavo peggio (!): Tahereh Mafi scrive in un inglese semplicissimo e comprensibilissimo. Se non ce la fate più ad aspettare la Rizzoli vi obbligo consiglio di recuperare i volumi in lingua (con queste cover, poi).


February Readings

Anew di Chelsea Fine [Nymeria] - Angelfall di Susan Ee [OrangeDinosaur Rawr] - Anna and the French Kiss di Stephanie Perkins [Mariki93] - Avow di Chelsea Fine [Nymeria] - Bloodlines di Richelle Mead [daydream] - Breathe di Abbi Glines [Federica C] - Champion di Marie Lu [Beba] - Crossing the Line di Katie McGarry [Claudia] - Cruel Beauty di Rosamunde Hodge [Juliette] - Dear Life di Alice Munro [Sara Rebora] - Destroy Me di Tahereh Mafi [Mariki93] - Eleanor&Park di Rainbow Rowell [Robin Sbagliato] - Fangirl di Rainbow Rowell [La Lettrice Irriverente, Federica C] - Fracture me di Tahereh Mafi [Claudia, Mariki93] - Harry Potter and the Sorcerer's Stone di J.K. Rowling [Juliette] - If I stay di Gayle Forman [Juliette] - Ignite Me di Tahereh Mafi [Beba, Mariki93, Nymeria, Gio :), Federica C, Juliette] - Incarnate di Jodi Meadows [Beba] - Legend di Marie Lu [Beba, Juliette] - Love Unrehearsed di Tina Reber [Federica C] - Mitosis di Brandon Sanderson [Sara - Flaming Princess] - Obsidian di Jennifer L. Armentrout [Beba] - Point of Retreat di Colleen Hoover [Beba] - Prodigy di Marie Lu [Beba] - Pushing the Limits di Katie McGarry [Robin Sbagliato] - Shadow and Bone di Leigh Bardugo [Robin Sbagliato] - Shatter me di Tahereh Mafi [Mariki93, Valentina] - Soulless, Manga di Gail Carriger [Sara - Flaming Princess] - The Dream Thieves di Maggie Stiefvater [Claudia, cilla] - The Nightmare Affair di Mindee Arnett [Valy P.] - Unravel Me di Tahereh Mafi [Claudia, Mariki93, Valentina] - Unspoken di Sarah Reese Brennan [Juliette] - World After di Susan Ee [OrangeDinosaur Rawr]



* Se il link riporta al post significa che il parere di chi ha letto il libro si trova tra i commenti.


Book of the Month
Anche questo mese, per il Book of the Month, ho scelto un titolo che alcuni di voi hanno proposto nel post di iscrizione, ovvero: The Goddess Test di Aimèe Carter. Come sempre, potete decide di leggerlo, di snobbarlo, di leggere solo il primo volume o di leggere tutta la serie. Io spero di riuscire a leggere tutti e tre i libri, che già possiedo. :D

The Goddess Test
di Aimèe Carter

#1 The Goddess Test #2 Goddess Interrupted #3 The Goddess Inheritance
+ novelle
Tutte le ragazze che hanno fatto il test sono morte. Ora è il turno di Kate. Sono sempre state Kate e sua mamma - e sua madre sta morendo. Il suo ultimo desiderio? Quello di tornare nella casa della sua infanzia. Così Kate frequenterà una nuova scuola senza amici, nessun'altra famiglia e la paura che sua madre non superi la notte. Poi incontra Henry. Oscuro. E ipnotizzante. Dice di essere Ade, il dio degli Inferi - e se lei accetterà le sue offerte, lui manterrà sua madre in vita mentre Kate proverò a superare sette prove. Kate è certa che sia pazza - fino a quando lui non riporta indietro una ragazza dalla morte. Ora salvare sua madre sembra possibile. Se avrà successo, diventerà la futura moglie di Henry e una dea. Se fallirà... 

Let's talk about: Shatter Me by Tahereh Mafi
Parlerei della serie Shatter Me all'infinito ma ora come ora devo contenermi (l'ho già scritto che in settimana scriverò la mega-recensione? Sì, l'ho già scritto, ma lo ridico così non sproloquio ora!). XD
Quanti di voi hanno seguito il suggerimento del mese scorso e hanno letto Shatter Me o un qualunque libro o novella della serie?
Shatter Me vi è piaciuto? Unravel Me vi ha fatto battere il cuore? E Ignite Me vi ha... distrutto? Cosa ne pensate di Juliette (Juliette's Journal) e del suo carattere? E di Warner (Destroy Me) e di Adam (Fracture Me)? Oh, e come dimenticare Kenji! Vi piace il suo personaggio?
Vi lascio con la mia reazione Ignite Me post-lettura:

Finished with Ignite Me by Tahereh Mafi.

No more Warner.

No more xxx Perfection Warner anymore.

And badass Juliette.

And Kenji.


This is so sad.

If you need me, you can find me hiding and crying in the corner trying to recover myself.



Anche per questo mese è tutto credo di non aver dimenticato nulla! Non appena posso invierò a tutti la mail... ora ho i minuti contati. -.-" A presto!