martedì 29 luglio 2014

RECENSIONE: The Goddess Test, Goddess Interrupted e The Goddess Inheritance di Aimée Carter

Buongiorno a tutti! :D
Oggi ho per voi una nuova recensione (sto andando come un treno, nelle recensioni u.ù chissà per quanto durerà). Ho iniziato a scriverla ieri subito dopo pranzo, ma non sono riuscita a postarla prima perchè mi mancava la parte finale (non sono rimasta tutto il giorno a scrivere la recensione, eh, sono uscita LOL). Per rimanere in tema con la natura dei libri di cui vi sto per parlare, ieri sera ho visto Percy Jackson e Il mare dei mostri... IO-VOGLIO-QUEI-LIBRI. E' una vita che voglio leggerli, e credo di essermi finalmente decisa. Il film non mi è piaciuto, ma non mi è nemmeno dispiaciuto... insomma, credo ci fosse qualcosa che non andava perchè l'ho trovato troppo slegato ed era troppo veloce (sì, ho visto Il ladro di fulmini). Comunqueee, non sono qui per parlare di film, ma di libri. ENJOY!

The Goddess Test [ENG]
Goddess Interrupted [ENG]
The Goddess Inheritance [ENG]
di Aimée Carter

Editore: Harlequin Teen (19 Aprile 2011 / 26 Febbraio 2013)
Pagine: 293, 296, 294
Prezzo: € 6.80, € 6.62, € 6.70
Tutte le ragazze che hanno fatto il test sono morte. Ora è il turno di Kate. Sono sempre state Kate e sua mamma - e sua madre sta morendo. Il suo ultimo desiderio? Quello di tornare nella casa della sua infanzia. Così Kate frequenterà una nuova scuola senza amici, nessun'altra famiglia e la paura che sua madre non superi la notte. Poi incontra Henry. Oscuro. E ipnotizzante. Dice di essere Ade, il dio degli Inferi - e se lei accetterà le sue offerte, lui manterrà sua madre in vita mentre Kate proverò a superare sette prove. Kate è certa che sia pazza - fino a quando lui non riporta indietro una ragazza dalla morte. Ora salvare sua madre sembra possibile. Se avrà successo, diventerà la futura moglie di Henry e una dea. Se fallirà...

My rolling thought
Continua a provare fino a quando non ti sono rimaste più possibilità.
Prima di iniziare a leggere in lingua, una serie di cui mi sarebbe piaciuta tantissimo vedere una traduzione in italiano era quella di Aimée Carter: tre libri (The Goddess Test, Goddess Interrupted, The Goddess Inheritance) più una raccolta di novelle (The Goddess Legacy) incentrati sulle divinità greche, in particolare sul mito di Ade e Persefone. I miti greci mi hanno sempre incuriosita, ma so di non saperne abbastanza. L’unica serie sugli dèi in veste young adult che ho letto è quella di Josephine Angelini, per cui mi sembrava un’ottima idea fare anche la conoscenza di Aimée Carter. Purtroppo la lettura di questa serie non è stata tutta rose e fiori, e mi dispiace un sacco, perché l’idea che sta alla base della storia è fantastica, e poi gli dèi greci hanno sempre il loro fascino.

La trama di The Goddess Test è essenzialmente esposta nella trama fornita dall’editore, a cui non si deve aggiungere nient’altro se si vuole iniziare a leggere questo libro sapendo solo ciò che è necessario sapere. Ho iniziato a leggere la storia di Kate con grande entusiasmo e trasporto: più andavo avanti nella lettura, più ero curiosa di conoscere l’entità delle prove che Kate avrebbe dovuto superare e sapere se, alla fine, ce l’avrebbe fatta a diventare una dea e a trovare un rimedio per la malattia della madre. Dall’inizio alla fine sono stata catturata dal mondo e dalle vicende create e intessute dall’autrice, ma riflettendoci bene, dopo qualche giorno dalla fine del libro, mi sono accorta che qualcosa non mi aveva soddisfatto in pieno. Prima di tutto i test: essi rappresentano l’elemento essenziale di questo primo libro, e io adoro leggere di personaggi alle prese con problemi e difficoltà da superare, ma la maggior parte (se non tutti) si svolgono dietro le quinte e non aggiungono molto alla trama. Poi i personaggi principali, che non mi hanno convinto del tutto in alcuni aspetti della loro caratterizzazione: se da una parte ho ammirato Kate per la sua forza e tenacia nell’affrontare fin da giovanissima una malattia così grande come quella che ha colpito sua madre (il suo unico genitore con cui ha un bellissimo rapporto che emerge spesso durante la storia), dall’altra non mi è troppo piaciuto il suo “complesso da martire”; Henry mi ha convinto anche di meno, troppo misterioso e troppo tormentato, apparendo ai miei occhi solamente come un personaggio frustrato. I personaggi secondari vengono analizzati nelle loro caratteristiche principali, ma riescono comunque a rimanere impressi. Nonostante, alla fine, abbia abbassato il voto finale per via di questi due aspetti a mio avviso negativi, ce ne sono altri positivi come l’assenza del triangolo amoroso (yeah) e i colpi di scena che, alla fine, lasciano a bocca aperta perché… beh, perché sì. Mi sono sentita una cretina.

Dopo aver terminato The Goddess Test, non ho aspettato troppo tempo per leggere Goddess Interrupted. Purtroppo mi ero spoilerata involontariamente la fine, quindi l’ho iniziato un po’ con l’amaro in bocca. Ma c’è un ma! La promessa di trovarmi di fronte alla figura dei Titani controbilanciava in parte la delusione della scoperta accidentale del finale, quindi non era tutto perduto. Nonostante questo, Goddess Interrupted non è riuscito a piacermi e a convincermi come il volume precedente. E’ stata una lettura esasperante ed estenuante a causa di Kate ed Henry, tanto da ritrovarmi a tifare per i cattivi della situazione con la speranza che gliele avrebbero suonate di santa ragione per farli reagire in qualche modo. La battuta d’arresto è dovuta alle insicurezze di Kate, che sono una costante per tutte le duecentonovantasei pagine che compongono il libro, e alla poca reattività di Henry, che ho continuato a vedere sempre e solo come un personaggio frustrato come pochi altri e con poco polso. L’originalità di The Goddess Test è venuta tutta a mancare lasciando il posto ad una trama per nulla coinvolgente e piatta, che ha ammazzatto del tutto la mia voglia di leggere il terzo ed ultimo volume. Forse, se non mi fossi spoilerata la fine, l’ultima pagina del libro avrebbe rialzato la mia voglia di leggere quasi subito il finale, ma per quanto avrei potuto apprezzare il colpo di scena se non l’avessi letto prima, un piccolo WTF ci sarebbe stato comunque.

Come appena scritto, ho trovato l’ispirazione per leggere The Goddess Inheritance solo questo mese, a diversi mesi di distanza da The Goddess Test e Goddess Interrupted. Cosa posso dire? Non l’ho trovato pessimo come Goddess Interrupted, ma non ho ritrovato neanche il coinvolgimento di The Goddess Test. Tutto sommato, questo terzo ed ultimo libro si configura come il finale più adatto alle vicende di Kate ed Henry: c’è azione, mitologia e romance, e un finale che potrebbe smuovere qualcosa se ci si affeziona ad un personaggio in particolare. Non sono riuscita ancora una volta a farmi andare a genio Kate ed Henry, anche se la prima, ancora vittima del suo complesso da martire (caratteristica che ora viene sottolineata dagli altri personaggi, anche se non mi è sembrata una cosa tanto positiva da fare perché io lo penso davvero che Kate si atteggi troppo in questo modo, e facendo così è come se l’autrice ci scherzasse su), si riveste di coraggio e determinazione per lottare e riunire la sua famiglia, e sconfiggere e riportare indietro Crono.

Non mi sento assolutamente di sconsigliare la lettura della trilogia di Aimée Carter perché è facile rimanere catturati dalla storia di Kate e Henry, se presa dal verso giusto. Inoltre, l’inglese è semplice-semplice-semplice e lo stile dell’autrice di una scorrevolezza unica. Credo che il mio disappunto derivi dal fatto di aver voluto leggere una storia basata di più sull’aspetto mitologico e meno sull’amore di Kate ed Henry (so che la storia si basa su questo, ma un aspetto non deve escludere per forza l’altro) e personaggi che fossero dèi in tutto e per tutto, con i loro vizi, virtù e caratteristiche qualificanti, dall’aspetto eternamente giovane, ma con la saggezza insita nel loro essere. Probabilmente dovrei leggere la raccolta di novelle per approfondirli meglio, ma al momento non credo lo farò.
Concludendo, ho assegnato tre stelline piene a The Goddess Test, due a Goddess Interrupted e tre a The Goddess Inheritance. Il voto complessivo per tutta la serie è tre stelline meno meno.
Ora devo procurarmi assolutamente un buon libro che parli di miti greci (consigli?) e i libri di Rick Riordan. Sento che mi piaceranno. c:

★ ★ ★ ☆ ☆ =
Good. :)

20 commenti:

  1. Mmmmmm più o meno hanno tutti lo stesso parere su questa serie ma la mia curiosità continua ad esserci, quindi PRIMA O POI la leggerò. Prima o POI xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ha ha, primo o POI puoi farcela anche tu! :D
      Ovviamente, POI, sono curiosa di sapere il tuo parere. :3

      Elimina
  2. Devo iniziare anch'io al più presto la serie di Percy Jackson!Ne parlano tutti cosi bene *__*
    The Goddess Test a me era piaciuto, e avevo anche iniziato il seguito, che però non mi ha preso per niente e quindi alla fine l'ho abbandonato!Non so se e quando lo riprenderò xD
    Comunque sulla mitologia greca ti consiglio Everneath della Ashton e la serie Covenant della Armentrout!Ho sentito parlare bene anche di Sweet Venom della Childs ma ancora non mi sono decisa a leggerlo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, sì, Percy Jackson non possiamo non leggerlo. *_____*
      Uh, vedo che anche a te non ha entusiasmato tanto l'inizio del secondo :/ se lo finisci poi fammi sapere. :3
      Grazie per i titoli, me li appunto! Li conosco tutti e tre, ma di fatto non so nulla della trama.

      Elimina
  3. i film di Percy sono odiati da tutti i fans di Percy XD questo per farti capire che se non ti è piaciuto, forse è un bene XD
    Questa serie invece mi incuriosisce! Per libri sui miti greci, c'è una serie italiana se non erro, con Apollo come protagonista, ma non ricordo il nome >_>"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto qualcosa a riguardo, in particolare proprio su Il mare dei mostri messo a confronto con Catching Fire. Non so, l'ho trovato strano, come se mancassero delle parti (probabilmente, ma non avendo letto il libro non ne ho la certezza).
      Se ricordi il titolo del libro mi farebbe piacere saperlo, grazie mille! ^__^

      Elimina
    2. Si chiama "le sfide di apollo" anche se però è la terza saga della catena di percy jackson. Se non te lo sei letto tutto,non puoi leggere le sfide di apollo

      Elimina
  4. Robert Graves e Karol Kerényi hanno scritto alcuni dei saggi più noti sui miti greci, ti consiglio di provare a leggere qualcosa di loro se l'argomento t'interessa :) Altrimenti, prova ad andare direttamente alla sorgente, ai cataloghi e testi antichi: "I miti greci" di Apollodoro sono una fonte di storie e aneddoti mitici incredibile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Camilla, grazie mille per questi titoli. *_______*
      Me li appunto e vado a cercarli. Ancora mille grazie! ♡

      Elimina
    2. Figurati, mi fa solo piacere :D Buona lettura!

      Elimina
  5. Io ho letto solo il primo e adesso mi fai venire voglia di leggere anche i seguiti. Il primo mi era piaciuto molto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero possano piacerti anche i seguiti :D ma se Kate e Henry sono riusciti già a conquistarti, stai sicura che ti piaceranno! Ne sono certa. ;)

      Elimina
  6. Coincidenza: ho finito proprio ieri l'ultimo libro della prima saga di Percy Jackson! :D anyway, mi hai fornito ulteriore conferma di quanto già sospettavo: la serie di "The goddess test", malgrado la mia comprovata passione per i retelling, non fa proprio per me, temo! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha ha, beata te! Io devo iniziare il recupero dei libri - di tutti i libri - di Rick Riordan. v.v
      Uhm, no, non credo facciano per te :/ si concentra troppo sulla storia di Kate ed Henry. Ripeto: so che i libri parlano di questo, ma un pochino-ino-ino di aspetto mitologico in più non mi avrebbe di certo fatto schifo.

      Elimina
  7. Che peccato! Mi ispirava tantissimo! Ma penso che più avanti una possibilità gliela dorò lo stesso per il fatto che parli di divinità greche e che non sia presente il da-me-super-odiato-triangolo-amoroso (già solo questo particolare gli fa guadagnare dei punti). La serie di Percy Jackson l'ho letta tutta un paio di mesi fa e l'ho adorata! I primi due libri li ho trovati solo carini (un po' troppo semplici) ma dal terzo in poi la storia migliora tantissimo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Valy che devi leggerla, se ti ispira. :D Molto spesso faccio anch'io così, e libri che ad altri non sono piaciuti, a me piacciono (un esempio: La Quinta Onda. Ho letto tantissimi pareri negativi ma a me è piaciuto, e gli ho addirittura dato 4 stelline). Comunque la serie non è assolutamente da buttare. :D
      Percy Jackson devo assolutamente leggerlo!

      Elimina
  8. Uhmmm solo tre stelline? U_U
    Premetto che ho letto solo la parte dedicata al primo e le righe finali! A questo punto non so... l'incipit l'avevo letto e mi era piaciuto abbastanza! Quasi quasi magari quando mi gira il primo me lo leggo in ebook così mi faccio un'idea e vedo un po' se leggere anche gli altri o no °__° *non lo sa nemmeno lei*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace, ma sono tre stelline (MENO MENO!). Mi sarebbe piaciuto dare di più, ma alcune cose non mi hanno convinto/non mi sono piaciute/non le ho rette.
      The Goddess Test è quello che mi è piaciuto di più; se riesci a leggere anche Goddess Interrupted senza non-sopportarlo, credo che anche The Goddess Inheritance ti piacerà.
      Prova, se l'hai già in ebook! c;

      Elimina
  9. triangolo amoroso (yeah) XDDDDD
    tifare per i cattivi XDDDDDDD
    Avevo messo questi libri in WL perché anch'io vengo attratta molto dalla mitologia, ma adesso sono un po' perplessa se leggerli o meno, soprattutto perché non sono una grande fan delle martiri -__-
    Magari se non ho nient'altro da leggere, ci faccio un pensiero!
    La storia magari non sarà delle migliori, ma le cover mi piacciono tanto *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHAHA XD
      No, davvero, ho tifato *ardentemente* per i cattivi e non ho sopportato quasi per nulla Kate-la-martire.
      Come ho detto più volte, non sconsiglio assolutamente; approvo la tua idea di farci un pensierino quando non hai null'altro da leggere. :3

      Elimina

thank u.
i love reading your rolling thoughts.♡