giovedì 17 ottobre 2013

CHI BEN COMINCIA... #10: La fine del mondo e il paese delle meraviglie di Murakami Haruki

Buondì. :3
Anche questo giovedì torno con un nuovo incipit. Fino a ieri non avevo assolutamente idea di cosa proporvi oggi, ma poi mi sono ricordata di un libretto di un autore che avrei sempre voluto leggere e sono riuscita a rispettare l'appuntamento - con grande felicità. Lui è Murakami, autore giapponese, e il libro è...



Chi ben comincia... è una rubrica ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri e consiste in poche, semplici regole:

• Prendere un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
• Copiare le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
• Scrivere titolo e autore per chi fosse interessato
• Aspettare i commenti




La fine del mondo e il paese delle meraviglie di Murakami Haruki

1. Il paese delle meraviglie

Un ascensore - Silenzio - Donne grasse.
L'ascensore saliva con estrema lentezza. Presumo che salisse, cioè. Ma non ne sono affatto sicuro. Era tanto lento da farmi perdere il senso della direzione. Chissà, forse scendeva, o non si muoveva neanche. Nelle circostanze in cui mi trovavo era logico immaginare che stesse salendo. Era solo una supposizione, però. Del tutto priva di fondamento. Magari ero salito di tredici piani e poi sceso di tre, o avevo fatto il giro del mondo ed ero tornato al punto di partenza. Chi poteva dirlo?
Quell'ascensore non aveva nulla in comune col rudimentale arnese installato nel mio condominio, una semplice variante di un secchio da pozzo. I due congegni erano talmente diversi che mi era difficile pensare che fossero stati concepiti per lo stesso fine, che avessero la stessa funzione e venissero chiamati con lo stesso nome. Nella loro categoria, erano praticamente agli antipodi.
Prima di tutto per la grandezza. L'ascensore in cui mi trovavo avrebbe potuto fungere da ufficio, tanto era ampio. C'era posto per una scrivania, degli schedari, un armadio, magari un angolo cottura, e sarebbe ancora avanzato dello spazio. Volendo ci si potevano far entrare pure tre cammelli e una palma di media grandezza. Per non parlare della pulizia! Era lustro come una cassa da morto nuova. Sulle pareti e sul soffitto, in lucente acciaio inossidabile, non una macchia, non un'ombra, e il pavimento era coperto da una folta moquette verde muschio. Inoltre era incredibilmente silenzioso. Quando vi ero entrato le porte si erano richiuse adagio senza far rumore - alla lettera, senza il minimo fruscio - dopodiché non avevo udito più nulla. Al punto che non capivo nemmeno se la cabina si stesse muovendo o no. I fiumi profondi sono lenti e placidi.

• • •

Mi sono dilungata tantissimo, lo so! Il fatto è che mi stavo divertendo a leggere e copiare questo incipit, che di sicuro non farà la felicità di chi ha paura a prendere l'ascensore. Beh, mi sento di dire fin da ora che Murakami è uno di quei tipi che parla del nulla con una certa eleganza e con giri di parole che comunque non annoiano. Potrebbero piacermi molto i suoi libri... sì.
Di Murakami possiedo due libri, questo qui e After Dark. La fine del mondo e il paese delle meraviglie è un volume abbastanza corposo: 509 pagine e un carattere non proprio grandissimo. Credo che leggerò prima After Dark e poi questo, anche se ora sono molto tentata di proseguire la lettura. Per ora so che il titolo si riferisce a due storie indipendenti (La fine del mondo e Il paese delle meraviglie, per l'appunto) che si alternano tra di loro fino a congiungersi alla fine.
Voi che ne pensate? Avete già avuto modo di leggere qualcosa di Murakami, volete farlo o non volete farlo perchè non vi ispira?
Tell me.

16 commenti:

  1. Devo decidermi a leggere qualcosa di Murakami, prima o poi. Ne sento sempre parlare bene e mi sento un'ignorante a non avere un minimo di competenza per rispondere :P
    Questo libro qui sembra interessante! Magari aspetto la tua recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io devo darmi una mossa a leggere Murakami... diaciamo che sono un pò più avvantaggiata perchè ho già recuperato due suoi titoli. Spero di leggerli subito perchè sono stra-curiosa. :3

      Elimina
  2. Di Murakami ho letto Norwegian wood e mi è piaciuto molto! Sarei curiosa di leggere anche A sud del confine a ovest del sole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente chi si approccia a Murakami per la prima volta legge sempre Norwegian Wood per primo! Io però voglio andare un pò controcorrente e vedere un pò cosa ne esce fuori. A sud del confine a ovest del sole ispira molto anche a me. :D

      Elimina
  3. Di Murakami ho letto Kafka sulla spiaggia e La ragazza dello Sputnik! Dopo Kafka sulla spiaggia devo confessare che ho dovuto aspettare un po' prima di avere il coraggio di riprendere uno dei suoi libri :D
    in quanto la sua scrittura mi ha lasciata un po' (positivamente?) spaesata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti è piaciuto Kafka sulla spiaggia? La trama mi ispira tantissimissimo ma se mi dici così mi spavento. XD

      Elimina
  4. Non lo conoscevo questo libro e non ho ancora letto nulla di Murakami!! Lo devo fare prima o poi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti fatto conoscere un nuovo libro! Mi sono buttata su questo titolo tra i tanti anche perchè riprende il nome del blog (è una cosa stupidissima, me ne rendo conto ._.).

      Elimina
  5. A me piace tantissimo, ma non ho apprezzato tutti i suoi libri. Ho iniziato con "Dance dance dance", libro stranissimo ma che mi ha lasciata senza forze e ammaliata dalla sua bravura; poi "After dark" che mi era piaciuto, ma non fatto impazzire come il precedente, e poi "Norwegian wood" che invece... no, non è che mi sia proprio piaciuto. I prossimi in wishlist sono "Nel segno della pecora" (prequel di "Dance dance dance") e questo, che mi ispira tantissimo!
    Di Murakami apprezzo il suo stile, il fatto che sia particolare, sia capace di descrivere tutto come se fosse un'opera d'arte. Mi piace anche il fatto che ogni tanto capita di perdersi con lui.
    Credo sia un bravissimo scrittore, te lo consiglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, mi sono accorta che Murakami ha uno stile particolarissimo e, in effetti, quello che potrebbe piacermi di più di lui e dei suoi libri è proprio questo fatto qui.
      Non sapevo che Nel segno della pecora fosse il prequel di Dance Dance Dance... ti ringrazio per l'informazione, così non "sbaglio" a leggerli!

      Elimina
  6. Di Murakami ho letto "Norwegian Wood" circa un anno e mezzo fa. E' universalmente conosciuto come il suo lavoro migliore, ma a me non è piaciuto molto :/
    Forse, semplicemente, non è il mio genere ^^"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmm, non è detto che un autore acclamato dalla maggior parte dei lettori debba piacere a tutti... forse non è il tuo genere, come hai detto tu, ma io proverei con un altro titolo giusto per smentire o confermare. (;

      Elimina
  7. Ho letto La fine del mondo e il paese delle meraviglie perchè il libro preferito di una cara amica che mi ha convinta a leggerlo. Devo dire che non mi è piaciuto un granchè, l'ho trovato un po' noioso, nonostante sia molto ben scritto. Probabilmente non è il mio genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti è piaciuto questo libro? Beh, come ho detto nella risposta precedente, capisco perfettamente. Ti faccio un esempio: per l'Università ho letto un saggio di Baricco e l'ho odiato, nonostante io abbia sempre letto commenti positivi su di lui e sui suoi lavori. Ho deciso di dargli un'altra opportunità leggendo Seta e mi è piaciuto tantissimo, tant'è che ho recuperato subito un altro suo titolo. Ecco, consiglio (quasi) sempre di dare una seconda opportunità per smentire o confermare. ^_^

      Elimina
  8. Ancora non ho letto niente di suo... ma devo dire che non so perché mi aspettavo qualcosa di più serioso LOL invece questo incipit è proprio carino :3

    RispondiElimina
  9. No, non ho letto niente di Murakami, ma la verità è che non m'ispira, proprio non lo sento uno scrittore con cui andrei d'accordo, magari sì, però sono alquanto sospettosa :/

    RispondiElimina

Ti ringrazio per il tuo pensiero. ♡