lunedì 8 aprile 2013

RECENSIONE: Stay, Un amore fuori dal tempo di Tamara Ireland Stones

Cari lettori 
Come vi avevo già annunciato in precedenza, a partire da questa mi aspettano tre settimane di duro studio ed esami e devo assolutamente fare un buon lavoro se non voglio gettare alle ortiche tutti gli sforzi che ho fatto nei mesi appena passati. Però per non lasciarvi a bocca asciutta per troppo tempo e per non lasciare il blog abbandonato a se stesso ho programmato almeno una recensione a settimana e una rubrica. Continuerò a seguire i vostri blog durante le pause che mi concederò e cercherò di rispondervi non appena mi sarà possibile.
Vi sono grata della vostra eventuale comprensione. *w*
Ora iniziamo con la recensione vera e propria!


Titolo: Stay, Un amore fuori dal tempo
Titolo originale: Time between us
Autore: Tamara Ireland Stone
Data di uscita: 5 Febbraio 2013
Editore: Mondadori Chrysalide
Pagine: 336
Prezzo: € 16.00

Anna e Bennett non avrebbero mai potuto incontrarsi: lei vive nel 1995 a Chicago, lui nel 2012 a San Francisco. Ma Bennett si ritrova nel 1995 perché può viaggiare nel tempo, pur con il divieto di cambiare il corso degli eventi, per cercare sua sorella che si è perduta in una dimensione temporale sbagliata. Ma se un battito di farfalla può provocare un uragano all'altro capo del mondo, cosa potrà provocare un sentimento potente come l'amore che nasce con diciassette anni di anticipo? Anna e Bennett si perdono e si ritrovano incrociando i loro destini paralleli, ma dovranno trovare il modo di fermare la corsa dell'orologio che ticchetta nelle loro esistenze. Quanto sono pronti a perdere? Quali conseguenze saranno disposti a sopportare alterando gli eventi che li circondano?


My rolling thought
Il tempo è la distanza più lunga tra due punti.
Anna è una semplice ragazza che vive in un piccolo paesino americano del 1995. Le sue più grandi passioni sono il viaggio e la corsa e, proprio durante uno dei suoi soliti allenamenti mattutini, Anna si imbatte in uno strano ragazzo che la osserva correre dagli spalti e che, pochi istanti dopo, sparisce misteriosamente senza lasciare alcuna traccia di sè nella neve. Anna incontra di nuovo il ragazzo misterioso quella stessa mattina a scuola e, pian piano, grazie all'aiuto della sua fin troppo vivace amica Emma e complici le lezioni di spagnolo, riesce ad entrare in confidenza con lui, anche se Bennett si mostra a tratti gentile e disponibile, sfuggente e misterioso. Molto presto Anna verrà a capo del mistero che avvolge Bennett: il ragazzo ha la capacità di poter viaggiare nel tempo e si trova lì per una ragione ben precisa: ritrovare sua sorella che si è persa in uno dei loro viaggi temporali. L'amore tra Anna e Bennett cresce giorno dopo giorno, ma il ragazzo sa che non può trattenersi a lungo, il solo pensiero di lasciare la ragazza che ama lo tormenta. Le sue capacità sono troppo instabili e da un momento all'altro potrebbe sparire per sempre...

Con questa recensione me la sono presa comoda, nel senso che l'ho fatta attendere parecchio. Il motivo è che non sono ancora riuscita a farmi un'idea precisa di cosa ne penso di questo romanzo. Mi sono arrovellata il cervello per giorni e giorni, cercando di districare i miei pensieri, di metabolizzare quello che avevo letto e di dargli un senso. In poche parole, capire se mi era piaciuto o no.
Stay, Un amore fuori dal tempo appartiene al genere del time travel (ovvero dei viaggi nel tempo) ed è stato il mio primo libro su questo argomento... ma mi ha lasciato un pò perplessa. Se ci aggiungiamo il fatto che recentemente ho anche letto La trilogia delle gemme di Kirsten Gier beh, lo sono ancora di più! Voi sapete quanto io odi fare paragoni con altri libri - e non ho intenzione di iniziare ora - ma ho capito una cosa: i time travel sono difficili da scrivere a causa di tutti quei piccoli dettagli che alla fine devono combaciare alla perfezione, e quindi, secondo il mio punto di vista, si dovrebbero avere le idee molto chiare su come si vogliono svillupare le vicende e, di conseguenza, come organizzarle.
Forse avrete già capito che da questo romanzo mi aspetto di più: una lettura più coinvolgente, più entusiasmante, più elaborata... più e basta. Invece l'ho trovata molto semplice, abbastanza confusa e anche un pochino stereotipata. Ciò che però ne facilita la lettura, rendendolo tutto sommato un romanzo piacevole ma pur sempre poco pretenzioso, è lo stile dell'autrice: semplice e scorrevole, è certamente di aiuto alla lettura in quanto contribuisce a far arrivare il lettore all'ultima pagina senza troppi problemi.
Contrariamente a ciò che ho appena scritto però, la storia parte con un prologo ben costruito e abbastanza interessante: Anna, nel nostro presente ed ormai adulta, consegna a Bennett una misteriosa lettera dalla quale, apparentemente, si innescheranno tutta una serie di episodi che porteranno il ragazzo a conoscere la Anna del passato. Dopo questo incipit che mi è piaciuto molto, la trama si arresta per le prime cento pagine. Non succede nulla di troppo eclatante o importante, e quando si arriva al momento in cui Anna scopre il segreto di Bennett non ci si aspetta null'altro di quello che già si sa perchè, molto semplicemente, ci viene già rivelato dalla quarta di copertina. .____.
Arrivata a questo punto, e proseguendo nella lettura, ho avvertito la presenza di grossi buchi narrativi che mi hanno confuso le idee e fatto temere di essermi persa qualche passaggio fondamentale forse esplicitato nelle pagine precedenti. Da una parte l'autrice sceglie di concentrarsi sulla storia d'amore tra Anna e Bennett, e parallelamente decide di far susseguire, uno dietro l'altro, una serie di eventi più o meno catastrofici che, come spesso ci ricorda Bennett, se si tornasse indietro nel passato per cambiarli si creerebbe una sorta di destabilizzazione dell'asse temporale. Questi eventi mi sono sembrati messi un pò a caso lungo la trama, effettivamente le ripercussioni sul futuro sono assenti o minime, e in quest'ultimo caso del tutto positive. Forse avranno degli effetti a lungo termine, ma questo libro era stato pensato inizialmente come uno stand-alone e devo ammettere che questo pensiero mi ha condizionato parecchio. Che senso ha cambiare il passato e continuare a ripetere delle possibili catastrofi se, alla fine, non cambia nulla (almeno non in negativo)? Per questo motivo sono contenta che l'autrice abbia ripreso in mano la sua storia perchè, lasciata così, è solo un grande punto interrogativo.
Un altro fatto che non sono riuscita a comprendere del tutto è il reale motivo del viaggio nel passato di Bennett: all'inizio potrebbe essere il contenuto della lettera che Anna gli consegna, ma poi Bennett dice di aver "perso" la sorella in uno dei loro viaggi nel passato e di essere stato "cacciato" di casa dai genitori per ritrovarla. E' l'uno, l'altro, o tutti e due?!
Inoltre il ragazzo può saltare nel tempo solo nell’arco dei suoi 17 anni, quindi non può viaggiare nè prima della sua data di nascita né nel futuro. Questa limitazione temporale ci può anche stare, ma i salti nel tempo non sono l'unica capacità di Bennett: egli infatti può anche teletrasportarsi in qualsiasi luogo della Terra. Ciò mi ha fatto storcere un pò il naso perchè l'ho trovato un pò troppo costruito: Anna, che ama viaggiare ma che effettivamente non ha avuto molte possibilità di vedere il mondo, incontra Bennett che, oltre a poter viaggiare nel tempo, può visitare tutti i luoghi che preferisce quando. Non so, questa scelta non è riuscita a convincermi.
Per spendere qualche parola anche sui personaggi mi sento di dire che Anna è una ragazza molto dolce, con la voglia di viaggiare, di scoprire il mondo e di trovare la sua strada; a tratti è stata abbastanza infantile ed ipocrita, ma di questo incolpo l'autrice e le soluzioni che ha proposto a seguito di determinati episodi. Bennett non mi è piaciuto granchè, non è il mio ideale di personaggio maschile, non sono riuscita ad apprezzarlo... o a capirlo fino in fondo. Emma, l'amica inglese di Anna, l'ho trovata irritante ed insopportabile, una vera palla al piede.
A questo punto sono davvero curiosa di conoscere la vostra opinione se avete letto il romanzo, se anche voi avete avvertito più o meno le mie stesse perplessità o se ho semplicemente confuso io la stra-grande maggioranza della trama. Ma invito a commentare anche chi non l'ha letto: se avete intenzione di leggerlo, cosa vi aspettate in seguito alle recensioni che avete letto... 
Ora sono curiosa di scoprire come abbia deciso di operare l'autrice nel seguito, se abbia  posto qualche pezza o miglioramento alla trama. Nel dubbio, rimango con un grande punto interrogativo su questo libro e decido di non sbilanciarmi troppo, rimanendo intorno alle due stelline.


★ ★ ☆ ☆ ☆
Meh. :/

7 commenti:

  1. Meh :/ riassume perfettamente il libro direi xD

    RispondiElimina
  2. non è la prima recensione dubbiosa che leggo e infaati le grandi aspettative che avevo per questo libro si sono ridimensionate facendolo precipitare nella mia WL. conto di leggerlo prima o poi, perchè l'idea dei viaggi nel tempo mi piace molto, ma con calma!

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    Perdonami se esco fuori tema, ma volevo informarti che ti ho premiata con il Liebster Blog Award!
    Quando puoi, passa dal mio blog per leggere il regolamento.
    Saluti,
    Scarlett.

    RispondiElimina
  4. Ciao, nuova lettrice! :D mi piace il tuo blog! Comunque stay l'ho comprato l'altro giorno, siccome era anche in offerta, ho letto molte recensioni positive... Adesso sono molto dubbiosa... Mi sà che leggerò per primo the selection :)
    -Dany:D

    RispondiElimina
  5. Anche questa volta un Meh :/ azzeccatissimo!
    Non c'è nulla da scoprire dopo che si è letta la trama, il libro sta tutto lì. Oltre a questo ho trovato molte somiglianze con Tempest di Julie Cross che non mi hanno ispirato nulla di buono ma alla fine non è tutto da buttare ;)

    RispondiElimina
  6. Noo come mi stanno smontando i vostri commenti :/ Questo l'avevo messo in cima alla mia wishlist di compleanno e mi è stato regalato xD vedremo,vi saprò dire la mia poi u.u

    RispondiElimina
  7. Più o meno ho letto tutte recensioni come la tua su questo libro, quindi per ora è passato in secondo piano e credo che lo leggerò quando sarò un pò più libera e avrò voglia di qualcosa di semplice. Avevo aspettative davvero alte all'inizio, ma sentendo tutti questi pareri negativi le ho abbassate :-)

    RispondiElimina

Ti ringrazio per il tuo pensiero. ♡