venerdì 19 gennaio 2018

Orange di Ichigo Takano

Ciao a tutti!
Con il post di oggi vi parlo di Orange di Ichigo Takano, un manga che ha avuto un grandissimo successo e che finalmente sono riuscita a leggere anche io (grazie alla moglie di mio zio che me lo ha prestato :3). Mi ha fatto piangere dall’inizio alla fine ed è diventata una delle mie serie preferite per il suo messaggio molto forte e profondo.


Orange
di Ichigo Takano

Flashbook  2014 / 2017  6 volumi  6,90 €  ITA
Nella primavera dei suoi 16 anni, Naho Takamiya riceve una lettera da se stessa 10 anni nel futuro. All'inizio Naho pensa che si tratti di uno scherzo, ma cambia idea quando gli avvenimenti che vengono descritti nella lettera accadono veramente, tra cui il trasferimento di un nuovo studente, Kakeru Naruse. La lettera finisce con la preghiera della Naho del futuro alla Naho del passato di prendersi cura di Kakeru perché, con suo grande rimorso, nel futuro lui non ci sarà più. 
NOTA: La storia di Naho e dei suoi amici si conclude con il quinto tankõbon ma ne è recentemente uscito un sesto che ruota attorno al personaggio di Suwa, uno dei ragazzi del gruppo.

My rolling thought
So che non sarà facile cancellare i rimpianti e i sensi di colpa di Kakeru però spero che almeno potremo renderglieli più sopportabili.
Naho è una liceale come tante altre che una mattina riceve una lettera che le è stata mandata dalla se stessa del futuro. Inizialmente pensa che sia uno scherzo ma, quando determinati eventi descritti nella lettera accadono, inizia a credere seriamente al suo contenuto. In questa lettera sono trascritti tutti gli errori che la Naho del futuro ha commesso in passato e vorrebbe che la giovane Naho non li ripeta e vi ponga rimedio, così da non avere rimpianti anche lei da adulta. In particolare, nella lettera è scritto di stare accanto a un nuovo compagno di classe che arriverà proprio il giorno in cui Naho riceverà la lettera perché dieci anni dopo non sarà più con lei. Questo è uno dei più grandi rimpianti della Naho del futuro, che quindi sprona la Naho del presente ad avere cura di lui.


Nonostante sia uno shoujo abbastanza canonico per quanto riguarda l’elemento sentimentale e le ambientazioni, Orange ha quel qualcosa in più che lo fa emergere dalla massa: si parla (anche) del primo amore e vengono proposte le tipiche situazioni in cui possono ritrovarsi i protagonisti di uno shoujo, ma hanno un significato completamente diverso alla luce delle tematiche che affronta e che non fanno tipicamente parte di questo genere (ma dei seinen, ovvero manga rivolti ad un pubblico adulto che trattano tematiche complesse, particolarmente sviluppati sul piano psicologico), come la morte e il suicidio, i problemi famigliari, l’incapacità di esprimere i propri sentimenti e il conseguente distacco e isolamento dagli altri, l’autolesionismo come punizione personale.
Il personaggio principale (Naho) ha uno scopo (proteggere e salvare Kakeru) e l’alto componente drammatico fa sentire il lettore estremamente coinvolto nella storia perché vuole sapere come farà e se ci riuscirà. Anche l’elemento fantascientico, dei viaggi nel tempo e della doppia linea temporale presente/futuro (anche questo non propriamente tipico dello shoujo tradizionale), oltre ad essere affascinante, è un altro elemento di coinvolgimento perché sottolinea la drammaticità della storia e fa sentire ancora di più legati al destino dei personaggi.
Personalmente mi sono ritrovata a parteggiare intensamente per Naho e Kakeru, ho tifato per loro, mi sono ritrovata a sperare con tutta me stessa che la Naho del presente riuscisse a cambiare le sorti di Kakeru. Orange è un fumetto molto potente a livello emotivo, fa venire il groppo in gola praticamente ad ogni volume.
Naho è la protagonista perfetta per questo manga. È molto timida e riservata, tende sempre a mettere davanti a sé gli altri e a non creare disturbo, ma una volta ricevuta la lettera agisce e cerca di trovare il modo per superare gli ostacoli e le difficoltà  non sempre in maniera perfetta però ci prova, cerca di combattere e superare i propri limiti per il bene di un’altra persona. Mi ci sono rivista molto, sopratutto per il carattere, e mi ha insegnato tantissimo.
Gli altri personaggi sono un po’ messi da parte ma la loro presenza è efficace perché ci sono sempre nei momenti importanti, a sottolineare l’importanza che l’amicizia e il supporto reciproco rivestono in questo manga. Infatti Naho non è l’unica a voler cambiare le cose per far sì che Kakeru viva, ma lo vogliono anche i suoi amici che quindi la sostengono sempre e comunque e in ogni modo. La loro unione, che si basa su questo sentimento di affetto, crea un legame molto forte ed è qualcosa che è rappresentato molto bene e che mi è piaciuto tantissimo. Tutti loro si sostengono, si aiutano e lavorano insieme.
È molto toccante scoprire pian piano la storia di Kakeru, che ha un passato molto difficile e che nel presente deve affrontare delle situazioni molto impegnative, che lo tormentano a livello psicologico facendolo arrivare a chiedersi se valga la pena davvero vivere. 
Si percepisce sia il dolore e la sofferenza di Kakeru che quello dei personaggi da adulti, soprattutto il rimpianto nei confronti del fatto che il loro amico non sia più con loro, che non sono riusciti a salvarlo da ragazzi perché non si sono accorti che soffrisse.
Non si deve mai dare per scontato l’altro, è importante accorgersi se c’è qualcuno con l’animo ferito e supportarlo nel tempo sempre, perché è meno difficile sopportare il dolore se non si è da soli. Gesti fatti e frasi dette con leggerezza, e soprattutto gesti non fatti e frasi non dette, che sembrano non significare niente possono ferire l’altra persona, è quindi molto importante essere capaci di provare empatia e affetto nei confronti di chi abbiamo accanto.
I disegni di Ichigo Takano mi sono piacciono tantissimo, sono molto puliti e gradevoli, dettagliati soprattuto per quando riguarda la parte del viso e d’impatto nei momenti più drammatici.
Vi consiglio davvero con tutto il cuore di leggere questa serie, è un manga che merita di essere letto perché insegna molto e lascia davvero qualcosa. È un fumetto molto intenso, che scava nell’interiorità e nella psicologia non solo dei suoi personaggi ma delle persone.

★★★★
Wonderful. *^*